venerdì 24 Settembre 2021

Acquista

Login

Registrati

“Le chiacchiere stanno a zero, le emissioni ancora no”. Il flash mob in vista della Cop26 di Glasgow


Oltre 250 giovani in Piazza dell’Esquilino a Roma, riuniti per lo Youth climate meeting 2021, per ribadire che la crisi climatica non ammette altro tempo. Legambiente: “Servono atti concreti e un nuovo accordo. Quello di Parigi non è più sufficiente”

Un vociare indistinto si leva sulla piazza da un folto gruppo di giovani che iniziano a girare intorno a se stessi – sulle loro t-shirt s’intravedono pezzi di discorsi già sentiti, “La responsabilità dell’umanità nel riscaldamento globale è inequivocabile”, “Siamo determinati ad affrontare il cambiamento climatico”, “Dobbiamo invertire la rotta e farlo presto”. È un “bla bla bla” sempre più forte quello prodotto dai tanti ragazzi e ragazze sullo sfondo della Basilica di Santa Maria Maggiore, un brusio interrotto da un monito scandito chiaramente da dietro un megafono: “Ora basta, non c’è più tempo. Le chiacchiere stanno a zero!”. “Le emissioni ancora no”, fanno eco i manifestanti che srotolano uno striscione con il claim dell’iniziativa.

 

Scenario del flashmob, organizzato da Legambiente nell’ambito dello Youth Climate Meeting 2021, è Piazza dell’Esquilino a Roma, dove ieri pomeriggio in oltre 250 giovani attivisti si sono dati appuntamento per ribadire che la crisi climatica non consente ulteriori indugi. Sulle magliette dei partecipanti, le frasi pronunciate in tempi più o meno recenti dai principali leader mondiali sul tema: promesse non mantenute che non ammettono più scuse a poche settimane dalla Conferenza delle Parti sul cambiamento climatico delle Nazioni Unite (Cop26).

“Nei mesi scorsi abbiamo sentito le parole di Joe Biden, di Ursula von der Leyen, di Emmanuel Macron, di Angela Merkel, del premier Mario Draghi sulla lotta alla crisi climatica. A poche settimane dalla Cop-26 di Glasgow, siamo molto preoccupati e pensiamo che le chiacchiere stiano a zero, mentre le emissioni ancora no. Servono atti concreti e un nuovo accordo. Quello di Parigi è storico, ma non più sufficiente a fermare l’emergenza climatica – ha dichiarato il presidente nazionale di Legambiente, Stefano Ciafani, intervenuto alla manifestazione di ieri. “Il flashmob è un atto simbolico che serve però a ribadire la nostra stanchezza di fronte alle promesse vuote di politici e governi di tutto il mondo: siamo stanchi che la crisi climatica non venga presa sul serio e che i capi di Stato non abbiano ancora agito con la necessaria urgenza e concretezza che un fenomeno di tale portata richiede, come dimostra l’intensificarsi di eventi estremi quali alluvioni e ondate di calore, in tutti i continenti”.

Il flashmob di ieri è uno degli appuntamenti svoltisi nell’ambito dello Youth Climate Meeting 2021 di Legambiente, la terza assemblea nazionale che riunisce i giovani dell’associazione ambientalista, arrivati da tutta Italia nella Capitale: una tre giorni di workshop, discussioni e tavoli di lavoro tematici che si conclude oggi e che ha visto oltre 250 tra attivisti e ospiti a confronto sui temi della crisi climatica e sull’efficacia delle politiche nazionali e internazionali finora messe in atto per contrastarla.

Il meeting, organizzato da Legambiente nell’ambito del progetto Youth4Planet e incluso ufficialmente tra gli incontri preparatori della Pre-Cop di Milano, è stato occasione per coordinare il lavoro e le iniziative nazionali e regionali dei giovani attivisti dell’associazione ambientalista in avvicinamento all’appuntamento meneghino di fine mese. Ma ha rappresentato anche un importante momento di formazione e di elaborazione collettiva, di voglia di ritorno a un attivismo fatto di socialità, dialogo e mobilitazione, nonché un’occasione per creare percorsi condivisi con gli altri movimenti ambientalisti. Per accompagnare la conferenza preparatoria alla Cop-26 di Glasgow, infatti, è nata Climate Open Platform, piattaforma che mette in rete realtà e individui in risposta agli imminenti vertici globali sul clima: un “contenitore” cui ha aderito anche Legambiente e che favorirà incontri e iniziative per confrontarsi insieme sulle soluzioni necessarie a scongiurare il punto di non ritorno del clima.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Sessant’anni fa la prima Marcia per la pace

Dal numero di settembreEra il 24 settembre 1961 quando Aldo Capitini organizzò l'appuntamento intorno al quale è cresciuto il movimento nonviolento italiano. Il nostro speciale con le voci dei protagonisti di ieri e di oggi: "Un mondo diverso è sempre possibile"

Sisma centro Italia, il turismo sostenibile rigenera i territori

Arriva il supporto solidale dei viaggiatori e della rete di host sostenibili di Fairbnb.coop, piattaforma che devolverà metà delle proprie commissioni sui soggiorni alla campagna di crowdfunding "Alleva la speranza +" di Legambiente e Enel

Cultura, il nuovo appuntamento con la Fondazione Treccani

La cultura ci salverà? Definizione, obiettivi, strategie per elaborare un modello di futuro possibile. L'evento si terrà in diretta streaming venerdì  24 settembre alle ore 17:00 sulla pagina Facebook della Fondazione

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Sisma centro Italia, il turismo sostenibile rigenera i territori

Arriva il supporto solidale dei viaggiatori e della rete di host sostenibili di Fairbnb.coop, piattaforma che devolverà metà delle proprie commissioni sui soggiorni alla campagna di crowdfunding "Alleva la speranza +" di Legambiente e Enel

Cultura, il nuovo appuntamento con la Fondazione Treccani

La cultura ci salverà? Definizione, obiettivi, strategie per elaborare un modello di futuro possibile. L'evento si terrà in diretta streaming venerdì  24 settembre alle ore 17:00 sulla pagina Facebook della Fondazione

In Italia è boom di tartarughe marine

In queste settimane la schiusa delle uova deposte nei nidi, cui segue l'ingresso dei piccoli in mare. Legambiente stima che quest'anno siano oltre 10 mila quelli con passaporto italiano

Benessere animale, le associazioni: “Etichettatura senza modifiche tradisce i consumatori”

La certificazione volontaria che deve essere votata in Conferenza Stato-Regioni garantirebbe priorità di accesso a fondi Pac e Pnrr. Ma senza modifiche sarebbe solo l’ennesimo regalo agli allevamenti intensivi. L’allarme degli ambientalisti

“The denial”, lo spot di Fridays for Future in occasione del 24 settembre

Il prossimo sciopero globale del clima è annunciato da un video dal carattere metaforico. Negare la crisi climatica è come correre verso un muro
Ridimensiona font
Contrasto