martedì 26 Ottobre 2021

Acquista

Login

Registrati

Xylella, per Coldiretti pochi i fondi stanziati per le imprese danneggiate

foto di un ulivo colpito dalla xylella

I fondi stanziati dal governo per venire incontro alle aziende olivicole pugliesi gravemente colpite dalla diffusione del batterio Xylella non saranno sufficienti per superare l’emergenza secondo Coldiretti. 

“Alla luce del decreto legge che è una scatola vuota e destina alle aziende colpite da Xylella solo briciole rispetto ad un danno sottostimato di 1,2 miliardi di euro, i 30 milioni di euro stanziati con Fondi Cipe per il 2019 risultano a questo punto insufficienti, perché solo 15 milioni andranno alle aziende olivicole colpite dalla grave fitopatia per il ripristino della potenzialità produttiva, mentre gli altri 15 milioni saranno destinati ad altro, attività certamente importanti ma che non aiutano nel breve periodo gli olivicoltori”. A dichiararlo è tramite una nota il presidente di Coldiretti Puglia, Savino Muraglia, precisando che “tre milioni di euro andranno alla ricerca e alla sperimentazione, quattro milioni alla prevenzione della diffusione della Xylella, due milioni per il potenziamento del servizio fitosanitario per il supporto alle attività ispettive, un milione di euro per la comunicazione istituzionale e altri cinque milioni per un non meglio precisato rilancio dell’economia nelle aree danneggiate”.

“Solo nell’area infetta – conclude – rientrano 183mila ettari e 22 milioni di alberi, e contro il dilagare della Xylella che è arrivata a Monopoli (Bari) i fondi Ue per monitoraggi e test di campionamento – tre milioni di euro per tutto il territorio italiano e per altri sette patogeni della stessa categoria – sono un somma ridicola”.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

“I mercati del carbonio non sono progettati per ridurre le emissioni”. L’intervista a Larry Lohmann

Il ricercatore dell’organizzazione britannica The Corner House spiega i limiti dei meccanismi di finanziarizzazione della natura

Diritti umani e dell’ambiente, dal non profit nasce la campagna “Impresa 2030”

Ben 16 milioni di persone sottoposte a forme moderne di schiavitù lungo le filiere produttive. Le organizzazioni di categoria propongono una norma di due diligence che imporrà alle imprese di adottare pratiche efficaci nel garantire il rispetto dei diritti umani e degli ecosistemi

Ecomondo e Key energy, dove passa la transizione ecologica dell’Italia

Alla Fiera di Rimini fino al 29 ottobre appuntamenti in presenza e in digitale per rimettere in connessione il mondo della pubblica amministrazione, quello finanziario e imprenditoriale

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

“I mercati del carbonio non sono progettati per ridurre le emissioni”. L’intervista a Larry Lohmann

Il ricercatore dell’organizzazione britannica The Corner House spiega i limiti dei meccanismi di finanziarizzazione della natura

Diritti umani e dell’ambiente, dal non profit nasce la campagna “Impresa 2030”

Ben 16 milioni di persone sottoposte a forme moderne di schiavitù lungo le filiere produttive. Le organizzazioni di categoria propongono una norma di due diligence che imporrà alle imprese di adottare pratiche efficaci nel garantire il rispetto dei diritti umani e degli ecosistemi

Tutte le strade portano a Glasgow

Gli anni da qui al 2030 saranno cruciali per contenere l’aumento della temperatura media globale entro 1,5 °C. Ecco perché la Cop26 deve essere il vertice dell’azione per combattere la crisi climatica

Centro Italia, prorogati i termini della campagna Alleva la speranza +

Continua l’impegno di Enel e Legambiente a favore delle aree terremotate. Fino al 30 novembre sulla piattaforma Planbee sarà possibile sostenere allevatori, allevatrici e imprenditori locali del turismo sostenibile, aiutandoli a realizzare il loro progetto di rinascita

Nascono gli ortofrutteti solidali

Accade in Sicilia, a Modica e Catania, grazie a un progetto ideato da AzzeroCO2. Privati, aziende, associazioni di volontariato e cooperative sociali insieme per rigenerare i territori e tutelare la biodiversità
Ridimensiona font
Contrasto