domenica 16 Maggio 2021

Acquista

Login

Registrati

In Puglia la Xylella ha desertificato 50mila ettari

L'immagine di un ulivo colpito dal batterio xylella

La Puglia piange i suoi ulivi. Quattro milioni di alberi morti, 50mila ettari desertificati e il 10% di olio perso. Sono i numeri della strage compiuta dalla Xylella da quando la malattia ha colpito la regione, secondo le ultime stime di Italia Olivicola su dati Istat, Ismea, Sian e aziende agricole sul territorio. Un settore che deve essere rilanciato da un Piano straordinario di 500 milioni di euro, calcolando un contributo annuo per ettaro di 500 euro.

Confrontando i dati delle ultime tre campagne, ogni anno sono state perse 29mila tonnellate di olio, per un totale di 390 milioni di euro di mancata produzione. Gli ettari di oliveti secchi, secondo Italia Olivicola, sono tra Lecce (40mila ettari, il 50% del totale della provincia), Brindisi (10mila ettari, il 15%) e Taranto (3,5mila pari al 10%).
Per far ripartire le aziende olivicole salentine, Italia Olivicola chiede un intervento straordinario di 500 milioni di euro. Il costo comprende 400 milioni per la realizzazione dei nuovi impianti, cui si aggiungono 100 milioni di euro da erogare a favore degli olivicoltori e dei frantoiani, come contributo di mancato reddito per le prime 4 annualità successive alla piantumazione.

“Ogni minuto perso regala al batterio la possibilità di avanzare e distruggere completamente la nostra olivicoltura – sottolinea il presidente di Italia Olivicola, Gennaro Sicolo – Occorre snellire le procedure ed eliminare qualsiasi vincolo paesaggistico e architettonico per gli agricoltori che vogliono espiantare scheletri di ulivo e reimpiantare per poter riprendere la produzione. La burocrazia deve essere alleata degli agricoltori e non del batterio, lo Stato deve sostenere queste operazioni, i cui costi non possono ricadere sulle vittime di questo disastro”.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

A Bologna, nel quartiere Pilastro, l’economia circolare è di casa

Il circolo di Legambiente L'Arboreto che è un rihub del progetto Ecco. Tante le iniziative: dalla stoviglioteca a noleggio al servizio di prestito librario a domicilio

Clima, Kerry a Draghi: la leadership dell’Italia è cruciale

Questa mattina a Palazzo Chigi l'inviato speciale del presidente Usa. Al via una stretta collaborazione tra Italia e Usa sulla sfida della decarbonizzazione e dell'emergenza climatica

Per quest’anno l’Italia ha esaurito le risorse

Il nostro overshoot day è stato il 13 maggio. Lo segnala il Global footprint network, che calcola l'impronta ecologica di ciascun Paese e quello globale. Dal 14 e fino alla fine dell'anno in corso il nostro Paese andrà in debito con la Terra  

Seguici sui nostri Social

16,978FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

A Bologna, nel quartiere Pilastro, l’economia circolare è di casa

Il circolo di Legambiente L'Arboreto che è un rihub del progetto Ecco. Tante le iniziative: dalla stoviglioteca a noleggio al servizio di prestito librario a domicilio

International Day of Light, 7 scienziati che hanno rivoluzionato il mondo dell’energia

Il 16 maggio si celebra la Giornata internazionale della luce. Da Benjamin Franklin a Nikola Tesla, le persone che hanno illuminato il mondo  

Una mascherina chirurgica può rilasciare fino a 173mila microfibre al giorno in mare

Lo rileva uno studio dell'Università di Milano-Bicocca. Per le specie marine possibili danni da ostruzione in seguito a ingestione ed effetti tossicologici dovuti a contaminanti chimici e biologici

Moda e sostenibilità: al via la partnership tra Apparel Impact Institute e Legambiente

L’obiettivo è sviluppare un piano di progetti e azioni per far sì che le attività della filiera di settore abbiano un impatto sempre più positivo sull’ambiente anche nel nostro Paese

I Fridays for future (e non solo) manifestano contro Eni

I presìdi sono organizzati lo stesso giorno dell'assemblea degli azionisti. Denunciano le responsabilità del cane a sei zampe nella crisi climatica e nella devastazione ambientale
Ridimensiona font
Contrasto