venerdì 23 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

Virtual Charity Challenge, la sfida si fa green

Torna Virtual Charity Challenge, l’iniziativa di Runcard per fare del bene a te e agli altri. E questa volta si fa green, coinvolgendo 5 charity che hanno fatto dell’amore per l’ambiente e la natura la propria missione. Sabato 23 e domenica 24 gennaio sulla linea di partenza dei 5 o 10 chilometri di #RuncardCharity ci saranno infatti Airc, Cesvi, Cittadini Per L’aria, Eliante, Fondazione Fibrosi Cistica, Legambiente, Marevivo, Recup e Salviamo L’Orso.

Virtual Charity Challenge è aperta a tutti, di ogni età e livello di allenamento, e l’iscrizione è completamente gratuita. Ogni runner sceglie la squadra, o meglio la charity, per cui correre, ma sarà Runcard a donare 1 euro per ciascuna iscrizione. Per partecipare basta registrarsi sul portale www.runcard.com e iscriversi sull’app Runbull, avere uno Smartphone o un GPS e correre o camminare su un percorso a propria scelta. Grazie a Runbull, che combina condizioni atmosferiche e dati personali, saranno confrontabili anche le prestazioni effettuate su percorsi e località diverse.

Sviluppata insieme a Infront, Official Advisor della Federazione Italiana di Atletica Leggera, nel rispetto delle indicazioni governative per il contrasto all’epidemia da Covid-19, Virtual Charity Challenge vuole sensibilizzare alle cause delle charity coinvolte attraverso la corsa, un’attività sportiva fondamentale per la salute fisica e psicologica delle persone.
Ma la sfida di Virtual Charity Challenge si corre anche sui social, attraverso i post e le stories raccolti attraverso l’hashtag #RuncardCharity e i tag ai profili social di Runcard e delle charity partecipanti.
Le 4 tappe di Virtual Charity Challenge:
–  WHITE ROUND – 21 e 22 novembre
–  LIGHTBLUE ROUND – 19 e 20 dicembre
– GREEN ROUND – 23 e 24 gennaio
– PINK ROUND – 20 e 21 febbraio

Per info, iscrizioni e premi: www.runcard.com

Dal 1965 con coraggio, contro il cancro | Fondazione AIRC per la ricerca sul cancro sostiene progetti scientifici innovativi grazie a una raccolta fondi trasparente e costante, diffonde l’informazione scientifica, promuove la cultura della prevenzione. Conta su 4 milioni e mezzo di sostenitori, 20mila volontari e 17 comitati regionali che garantiscono a oltre 5.000 ricercatori le risorse necessarie per portare nel più breve tempo possibile i risultati dal laboratorio al paziente. In oltre 50 anni di impegno AIRC ha distribuito oltre 1 miliardo e 500 milioni di euro per il finanziamento della ricerca oncologica (dati aggiornati a gennaio 2020). Informazioni e approfondimenti su airc.it.

Cesvi è un’organizzazione umanitaria italiana indipendente, fondata in Italia nel 1985. Presente in 23 Paesi, opera in tutto il mondo per trasformare l’intervento umanitario in progetti di lungo periodo che promuovano l’autosviluppo e il protagonismo delle comunità beneficiarie. Lavora per garantire la sicurezza alimentare, promuove lo sviluppo sostenibile e la protezione dell’ambiente e agisce per mitigare gli effetti del cambiamento climatico. Protegge la vita e la salute dei bambini più vulnerabili in Italia e nel mondo. www.cesvi.org.

Cittadini per l’aria – Siamo cittadini che hanno scelto di impegnarsi per difendere il diritto di respirare aria pulita. La qualità dell’aria non è un bene negoziabile, perché riguarda la nostra stessa vita. Il danno che oggi deriva nel nostro Paese alla popolazione, all’ambiente, al patrimonio culturale, dall’inquinamento dell’aria è, di fatto, incalcolabile. Lavoriamo per condividere dati e informazioni, promuovere comportamenti virtuosi, proporre strategie e soluzioni efficaci, sollecitare amministrazioni pubbliche e imprese a cambiare davvero. www.cittadiniperlaria.org/

Eliante – Piacere! Il nostro nome è Eliante e siamo una cooperativa non profit con base a Milano. Da 18 anni realizziamo progetti di tutela e la conservazione dell’ambiente, impegnandoci per costruire una reale coesistenza tra Natura e attività umane. Per questo, promuoviamo la convivenza con i grandi carnivori, l’educazione ambientale e la rigenerazione urbana. I nostri progetti vengono realizzati sul territorio italiano collaborando con le istituzioni europee, come il LIFE Programme. www.eliante.it/

Fondazione Ricerca Fibrosi Cistica (FFC) nasce come onlus nel 1997 con l’obiettivo di promuovere progetti avanzati di ricerca per migliorare la durata e qualità di vita dei malati di fibrosi cistica, la malattia genetica grave più diffusa in Italia per cui ancora non c’è una cura risolutiva. Riconosciuta dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR), dal 2002 ad oggi FFC ha investito – grazie al contributo di oltre 1000 ricercatori internazionali, 140 Delegazioni e Gruppi di Sostegno e 10.000 volontari – 32 milioni di euro in 417 progetti di ricerca. fibrosicisticaricerca.it

Legambiente è l’associazione ambientalista più diffusa in Italia, con 115.000 soci e sostenitori e 1.000 gruppi locali, che ogni giorno s’impegna per la tutela dell’ambiente e il miglioramento della qualità della vita. E’ un’associazione senza fini di lucro, fatta di cittadini e cittadine che hanno a cuore le straordinarie risorse naturali del nostro Paese. Legambiente da sempre accompagnare le iniziative associative con l’indicazione di soluzioni sostenibili, concrete, realistiche e praticabili. A cominciare dalla più grande sfida che deve affrontare l’umanità: quella dei cambiamenti climatici. sostieni.legambiente.it/

Marevivo è un’associazione ambientalista indipendente e apartitica che da 35 anni lavora per la tutela del mare e dell’ambiente, contro l’inquinamento e le pesca illegale, per lo studio della biodiversità, la promozione e valorizzazione delle aree marine protette, l’educazione nelle scuole e nelle università per lo sviluppo sostenibile e la sensibilizzazione su tutti i temi legati al Mare. https://marevivo.it/

Recup è un progetto che agisce nei mercati rionali della città per combattere lo spreco alimentare e l’esclusione sociale. Recuperiamo il cibo prima che venga buttato via, lo dividiamo tra commestibile e non, infine lo redistribuiamo a chiunque voglia prenderlo. I beneficiari sono gli stessi esecutori del lavoro: in questo modo si crea un concetto di collaborazione e comunità tra persone diverse, una possibilità di scambio interculturale e intergenerazionale che prima mancava. Qui la sezione del nostro sito per associarsi: https://associazionerecup.org/diventa-socio/

Salviamo l’Orso è un’associazione di volontari nata nel 2012 con l’obiettivo di mettere in pratica azioni di conservazione per l’orso bruno marsicano (Ursus arctos marsicanus), sottospecie di orso bruno unica al mondo e purtroppo a rischio critico di estinzione. La sua popolazione ad oggi è ancora troppo piccola, con circa 60 individui. Per fa sì che aumenti e si espanda nell’Appennino centrale, SLO lavora soprattutto nelle aree di connessione tra parchi e riserve, a stretto contatto con le comunità locali, per favorire le buone pratiche di comportamento delle persone e la convivenza uomo-orso. Negli anni SLO è diventata un vero e proprio punto di riferimento in tutto l’Appennino centrale e collabora con decine di enti, organizzazioni e istituzioni nazionali e internazionali per far crescere un network sempre più sensibile ed efficace sul tema della conservazione dell’orso bruno marsicano. https://www.salviamolorso.it/ 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Dubbi e criticità sul deposito nazionale rifiuti radioattivi

Dal rischio idrogeologico all’analisi del rischio di incidente rilevante fino alla conservazione delle aree protette: sono le prime anomalie riscontrate da Legambiente. "Un'opera necessaria che si potrà realizzare solo con un processo trasparente e il dibattito pubblico" Questo deposito s'ha da fare di F. DessìLeggi il numero di Nuova Ecologia "Uscita di sicurezza"

SCEGLI L’OLIO GIUSTO

DALLE 11,00 Presentazione dell'ebook "Scegli l'olio giusto. Come eliminare l'olio di palma dal serbatoio, e non solo". Scarica su store.lanuovaecologia.it

101 Premi Nobel contro i combustibili fossili

Il Dalai Lama tra i firmatari di una lettera ai leader mondiali per chiedere un rapido passaggio alle energie rinnovabili. Per una transizione rapida e giusta

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Proposte per una Carta della Terra delle Nazioni Unite

In occasione dell'Earth Day è una delle priorità su cui richiama l'attenzione l’Associazione “Costituente Terra”

#liberidaiveleni, la campagna di Legambiente per il risanamento ambientale

Nella giornata mondiale della Terra e alla vigilia del Consiglio dei ministri che approverà il Pnr l'associazione lancia una nuova iniziativa. E fa un appello al premier Draghi: “Non si dimentichino le vertenze ambientali croniche tuttora irrisolte"

La tutela del suolo al centro della transizione ecologica

Un appello importante lanciato oggi in occasione della Giornata mondiale della Terra. Il suolo è un importante bacino di biodiversità e fornisce una serie di servizi ecosistemici. Ecco perché è arrivato il momento che l'Unione Europea adotti una direttiva ad hoc

Servono politiche innovative di sviluppo montano

Nelle liste stilate dalle Regioni per il Pnrr non si colgono cambi di prospettiva per la montagna. Emblematico il caso del turismo. L’intervento di Vanda Bonardo

Cibo e social nella rubrica Foodhacker

Nasce la rubrica della Federico II di Napoli che studia tendenze social sul food. Con la partecipazione di 5 food influencer: Karen Phillips, Luciano Pignataro, Sonia Peronaci, Flavia Corrado (Zia Flavia foodn’boobs), Valentina Castellano
Ridimensiona font
Contrasto