sabato 24 Luglio 2021

Acquista

Login

Registrati

Fabbriche autogestite, il caso virtuoso di Vio.Me a Salonicco

Dal mensile di febbraio – Luca Calafati, ricercatore del Collettivo per l’economia fondamentale, è convinto che esistano le condizioni per evitare che esperienze come quella greca restino isolate. E salvare, così, posti di lavoro e crearne di nuovi

Luca Calafati, ricercatore del Collettivo per l’economia fondamentale e autore dell’articolo “Squat to work. Squatted workspaces, the commons and solidarity economies in Europe”, pubblicato a novembre sul giornale di studi sociopolitici Partecipazione e Conflitto, è convinto che esistano le condizioni per evitare che esperienze come quella di Vio.Me restino isolate ma, al contrario, che vengano comprese e valorizzate. Per salvare posti di lavoro e, se possibile, crearne di nuovi.

In Europa esistono altri casi di autogestione delle fabbriche?

Con la crisi economica del 2008 il fenomeno delle occupazioni illegali delle fabbriche si è concentrato soprattutto nei Paesi del sud: Francia, Grecia, Italia e Turchia. In Italia i casi più noti sono stati quelli di Rimaflow (Trezzano sul Naviglio, Milano) e Officine Zero (Roma).

Si possono distinguere diversi percorsi di occupazione delle fabbriche?

C’è il percorso dei workers buyout, ovvero l’impresa rigenerata. In questo caso i dipendenti che hanno perso il lavoro assumono, attraverso canali legali, il controllo della fabbrica andata in fallimento o di sue singole unità produttive. Poi ci sono esperienze più conflittuali, che hanno come punto di partenza le occupazioni illegali. Fra queste c’è anche quella di Vio.Me a Salonicco.

Quali sono i limiti strutturali delle occupazioni illegali?

Nel caso delle occupazioni illegali delle fabbriche parliamo di percorsi il più delle volte legati alla classe operaia. Per quanto la creatività e l’imprenditorialità di questi operai non sia da sottovalutare, partono da una posizione svantaggiata in termini di competenze, di capitale sociale e finanziario. Spesso non hanno nessuno dietro di sé e vedono l’occupazione come un’ultima spiaggia.

Di che hanno bisogno queste imprese per funzionare?

Per consolidarsi queste esperienze hanno bisogno di formazione, legalità e accesso al credito. Bisogna saper mettere a punto un business plan, scrivere dei progetti, parlare con i fornitori, mostrarsi convincenti con gli istituti di credito. Serve tutta una serie di competenze che molti lavoratori spesso non hanno. Sul tema delle occupazioni delle fabbriche circola molta retorica, si organizzano tanti convegni. La realtà, però, è che l’economia alternativa va fatta in modo concreto.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Rocco Bellantone
Classe 1983, nato a Reggio Calabria, cresciuto a Scilla sullo Stretto di Messina, residente a Roma. Giornalista professionista, mi occupo da anni di questioni africane e tematiche ambientali

Articoli correlati

Azione climatica, l’impegno europeo per ridurre le emissioni è ancora insufficiente

Il nuovo Pacchetto legislativo Clima-Energia “Fit for 55” proposto dalla Commissione lo scorso 14 luglio è inadeguato a fronteggiare la crisi climatica e a mantenere vivo l’obiettivo di 1.5°C. Un obiettivo ambizioso ma possibile

G20, Cingolani: “Raggiunto un accordo unico sulla tutela della natura”, in piazza cresce la protesta

Secondo il ministro il documento riprende la visione del Pnrr italiano: tutela degli ecosistemi e della biodiversità, economia circolare, finanza green I difficili negoziati sulla transizione ecologica

Al via “La Compagnia del suolo”, nove tappe per analizzare la salute dei terreni agricoli

L'iniziativa, organizzata nell'ambito del progetto "Cambia la Terra", punta ad attraversare l’Italia da nord a sud in nove tappe, a partire dal 28 luglio fino alla prima metà di ottobre

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Al via “La Compagnia del suolo”, nove tappe per analizzare la salute dei terreni agricoli

L'iniziativa, organizzata nell'ambito del progetto "Cambia la Terra", punta ad attraversare l’Italia da nord a sud in nove tappe, a partire dal 28 luglio fino alla prima metà di ottobre

Rete EducAzioni, la scuola in presenza è l’unica opzione

L'appello del coordinamento di cui fa parte tra gli altri il Forum Disuguaglianze Diversità, le Scuole senza zaino, Saltamuri e Asvis al governo e al ministro dell'istruzione. Per un'istruzione senza disparità

G20 a Napoli, il controvertice dell’ecosocialforum

Una tre giorni dal basso, di informazione, di confronto e di mobilitazione. Insieme i Fridays for future, Extinction Rebellion, Greenpeace e tanti comitati locali: sono le "bees against G20"

Formula 1, Vettel raccoglie i rifiuti sugli spalti di Silverstone

Uscito anzitempo al Gran Premio di Gran Bretagna il pilota tedesco ha deciso di dare una mano per ripulire il circuito di Silverstone

FestambienteSud, al via il 23 luglio la XVII edizione del Festival di Legambiente

Appuntamento dal 23 al 25 luglio a Monte Sant’Angelo e dal 31 luglio al 2 agosto a Vieste e in Foresta Umbra. Annunciati i Comuni Ricicloni e quelli virtuosi per la raccolta differenziata che riceveranno un premio speciale
Ridimensiona font
Contrasto