domenica 18 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

Fabbriche autogestite, il caso virtuoso di Vio.Me a Salonicco

Dal mensile di febbraio – Luca Calafati, ricercatore del Collettivo per l’economia fondamentale, è convinto che esistano le condizioni per evitare che esperienze come quella greca restino isolate. E salvare, così, posti di lavoro e crearne di nuovi

Luca Calafati, ricercatore del Collettivo per l’economia fondamentale e autore dell’articolo “Squat to work. Squatted workspaces, the commons and solidarity economies in Europe”, pubblicato a novembre sul giornale di studi sociopolitici Partecipazione e Conflitto, è convinto che esistano le condizioni per evitare che esperienze come quella di Vio.Me restino isolate ma, al contrario, che vengano comprese e valorizzate. Per salvare posti di lavoro e, se possibile, crearne di nuovi.

In Europa esistono altri casi di autogestione delle fabbriche?

Con la crisi economica del 2008 il fenomeno delle occupazioni illegali delle fabbriche si è concentrato soprattutto nei Paesi del sud: Francia, Grecia, Italia e Turchia. In Italia i casi più noti sono stati quelli di Rimaflow (Trezzano sul Naviglio, Milano) e Officine Zero (Roma).

Si possono distinguere diversi percorsi di occupazione delle fabbriche?

C’è il percorso dei workers buyout, ovvero l’impresa rigenerata. In questo caso i dipendenti che hanno perso il lavoro assumono, attraverso canali legali, il controllo della fabbrica andata in fallimento o di sue singole unità produttive. Poi ci sono esperienze più conflittuali, che hanno come punto di partenza le occupazioni illegali. Fra queste c’è anche quella di Vio.Me a Salonicco.

Quali sono i limiti strutturali delle occupazioni illegali?

Nel caso delle occupazioni illegali delle fabbriche parliamo di percorsi il più delle volte legati alla classe operaia. Per quanto la creatività e l’imprenditorialità di questi operai non sia da sottovalutare, partono da una posizione svantaggiata in termini di competenze, di capitale sociale e finanziario. Spesso non hanno nessuno dietro di sé e vedono l’occupazione come un’ultima spiaggia.

Di che hanno bisogno queste imprese per funzionare?

Per consolidarsi queste esperienze hanno bisogno di formazione, legalità e accesso al credito. Bisogna saper mettere a punto un business plan, scrivere dei progetti, parlare con i fornitori, mostrarsi convincenti con gli istituti di credito. Serve tutta una serie di competenze che molti lavoratori spesso non hanno. Sul tema delle occupazioni delle fabbriche circola molta retorica, si organizzano tanti convegni. La realtà, però, è che l’economia alternativa va fatta in modo concreto.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Rocco Bellantone
Classe 1983, nato a Reggio Calabria, cresciuto a Scilla sullo Stretto di Messina, residente a Roma. Giornalista professionista, mi occupo da anni di questioni africane e tematiche ambientali

Articoli correlati

L’orsa JJ4 resterà libera

Il Tar di Trento ha pubblicato la sentenza con cui cancella l’ordinanza della Provincia di Trento che disponeva la cattura

ADRIATICO A RISCHIO

Il webinar Come fare a recuperarlo? Verso un riserva marina nel Canale d'Otranto. A cura di Medreact e Legambiente

Transizione ecologica: è l’ora del dibattito pubblico

Occorre scommettere su trasparenza delle informazioni e qualità dei progetti. A dirlo è un Manifesto promosso da 14 associazioni tra cui Legambiente, Greenpeace, Action Aid e Cittadinanza Attiva

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Catanzaro, continua la battaglia contro la discarica di Scala Coeli

Legambiente ha presentato di nuovo il ricorso al Tar per verificare se gli ultimi interventi non rappresentino un'anticipazione dell'ampliamento. Ciafani: "Serve un cambio di rotta"

Il 29 maggio in Trentino il primo concerto climate positive

L'iniziativa si chiama TreeTicket e sarà il primo evento musicale per assistere al quale si pagherà in alberi. A Malga Costa in Val di Sella, nella cornice della foresta artistica di Arte Sella, si esibiranno il violoncellista Mario Brunello e Stefano Mancuso

Agricoltura e clima, per il frumento perdite di produttività del 20% entro il 2040

È uno dei dati che emerge dal nuovo rapporto “12 passi per la terra (e il clima)” dell’associazione Terra! Ecco le proposte per offrire una via d’uscita dalla spirale di crisi in cui il settore agricolo rischia di restare invischiato

South beach, Legambiente dice stop al consumo di suolo sulla costiera molisana

L'associazione ambientalista contraria al progetto sostenuto dalla Regione che punta a urbanizzare ed edificare un’area di circa 160 ettari a ridosso del mare

In Italia 17,5 milioni di abitazioni riscaldate con gas metano

Dal settore residenziale proviene il 53% delle emissioni di PM10, mentre dagli edifici il 18% di quelle climalteranti. I dati del nuovo studio sulla decarbonizzazione dei sistemi di riscaldamento realizzato presentato da Legambiente e Kyoto Club
Ridimensiona font
Contrasto