martedì 26 Gennaio 2021

Ecco i vincitori del Premio fotografico internazionale del paesaggio

foto vincitrice dell'International LAndascape

È Max Rive, olandese, il vincitore del premio fotografico internazionale del paesaggio 2017. Con un corpus di opere composto da immagini della Nuova Zelanda, Patagonia, Argentina, Alpi svizzere ed altri luoghi. Selezionate per il libro che annualmente raccoglie le 101 migliori foto di paesaggio. Scattate da artisti di tutto il mondo, in ogni luogo del mondo.

Peter Eastway e David Evans sono gli organizzatori, che insieme ad una giuria scelta definiscono di anno in anno lo stile e l’indirizzo del premio. Influenzato anche dalla personalità e dal lavoro dei partecipanti. Le immagini hanno una varietà che seduce l’occhio e fa viaggiare la mente. Dalle scene più scarne di territori aridi e assolati, alla neve che confonde linee e sfumature. Dai colori fiabeschi delle montagne degli antipodi del mondo fino al bianco e nero che traccia paesaggi rocciosi e isolati.

Oltre a Rive, sono stati premiati Adam Gibbs e Huibo Hou, rispettivamente al secondo e al terzo posto nella fotografia del paesaggio. Ma ci sono anche sezioni speciali del concorso. Per la fotografia aerea, il vincitore è il brasiliano Cristiano Xavier, con una foto dal parco nazionale di Lençóis Maranhenses nel nord-est del Brasile. Ancora un brasiliano per il premio lunga esposizione: Marcio Cabral, con una foto notturna del parco nazionale di Veadeiros. Alex Nail, fotografo inglese, ha vinto il premio per la fotografia di montagna, con una veduta degli altipiani islandesi.  E le montagne di Ciucas, in Romania, hanno fatto guadagnare il riconoscimento per la migliore fotografia di neve al fotografo rumeno Cosmin Stan.

“La storia dell’arte del paesaggio è molto più ampia della mera documentazione della natura. È interpretativa, immaginifica e ispirante”, sottolinea Eastway, che è anche presidente della giuria. Ed è anche ciò che appare sfogliando il libro, disponibile per essere scaricato e condiviso sui social al link www.internationallandscapephotographer.com/images/Downloadables/ILPOTY2017.pdf

Articoli correlati

Fusione dei ghiacci a ritmi record, dal ’94 persi 28 trilioni di tonnellate

Il primo studio effettuato con dati satellitari da un gruppo di ricerca dell'Università di Leeds conferma che il fenomeno è ormai in linea con gli scenari più preoccupanti previsti dagli esperti

Il biometano al centro della campagna Unfakenews contro le bufale ambientali

Prosegue l'impegno di Legambiente e Nuova Ecologia per fare chiarezza su temi ostacolati dall'opinione pubblica. Questo mese il biocombustibile a km0

Biometano, ecco le risposte che cerchi

È al centro della campagna Unfakenews di Legambiente e Nuova Ecologia contro le bufale ambientali. Non c'è spazio per i dubbi

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Il biometano al centro della campagna Unfakenews contro le bufale ambientali

Prosegue l'impegno di Legambiente e Nuova Ecologia per fare chiarezza su temi ostacolati dall'opinione pubblica. Questo mese il biocombustibile a km0

Biometano, ecco le risposte che cerchi

È al centro della campagna Unfakenews di Legambiente e Nuova Ecologia contro le bufale ambientali. Non c'è spazio per i dubbi

Emilia-Romagna a biogas, una regione circolare

Transizione verso le rinnovabili, ottimizzazione della differenziata e riduzione degli spandimenti fuori legge. Sono i vantaggi degli impianti a biometano

Life Delfi, cresce la rete di soccorso dei mammiferi marini in difficoltà

Nel primo anno di attività il progetto europeo ha permesso di formare e attivare i futuri rescue team che interverranno in mare o sulle coste per salvare cetacei spiaggiati o rimasti impigliati nelle reti da pesca

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente