Vicolo dell’immaginario

IL LIBRO. L’ultimo romanzo di Simona Baldelli racconta una storia per niente scontata, ambientata fra un paesino della Bassa in Emilia Romagna e la capitale portoghese negli anni ‘60. Mette insieme diversi livelli di interpretazione, fra riferimenti storici e politici, suggestioni fantastiche e chiavi di lettura inusuali

Vicolo dell'Immaginario

di MILENA DOMINICI

L’ultimo romanzo di Simona Baldelli racconta una storia per niente scontata, ambientata fra un paesino della Bassa in Emilia Romagna e la capitale portoghese negli anni ‘60, mettendo insieme diversi livelli di interpretazione, fra riferimenti storici e politici, suggestioni fantastiche e chiavi di lettura inusuali. La protagonista è Clelia, una giovane donna incastrata in una vita soffocante fra doveri e necessità, unico sostegno per la madre, persona arida e rancorosa, e la sorella, poliomielitica furba e manipolatrice. Ma Clelia ha molte risorse e sogna, e cerca, una vita diversa. Le vicissitudini familiari e sentimentali che accadono nel flusso della storia sociale e politica dell’Italia di quegli anni la spingeranno a lasciare la sua terra per reinventarsi una vita altrove. Da Lisbona, dove Clelia si reinventa come Amalia, si apre una storia ancora diversa, fra romanticismo e realismo magico, sentimenti estremamente terreni e continui richiami allo spiritismo e alla vita ultraterrena.
Alla quotidianità della vita in Italia, divisa tra fabbrica e famiglia, amore e insofferenza, si sostituisce una ricchissima varietà di vicende ed emozioni. Amalia a Lisbona lavora come badante e si affeziona a un’anziana aristocratica che attende il ritorno del re condottiero Sebastiano I scomparso in battaglia nel XVI secolo; nel tempo libero cuce abiti alla moda per giovani donne in cerca dell’amore e lavora ogni sera nella trattoria di Tia Marga nel Vicolo dell’immaginario, dove alla vitalità degli studenti col garofano all’occhiello si sovrappone, forse fin troppo, la leggenda delle anime del fiume che nelle notti di nebbia tornano per chiudere i conti con i vivi, affrontando rimorsi e rimpianti per perdonare e perdonarsi. Ed è quello che succederà anche alla protagonista, fuggita dall’Italia per vivere una nuova vita e costretta a scontrarsi con se stessa e il suo passato per costruirsi un futuro possibile.

Simona Baldelli
Vicolo dell’immaginario
Sellerio
pp. 245, 16 euro