venerdì 5 Marzo 2021

Acquista

Login

Registrati

Viaggio nell’economia civile e circolare. Terza tappa nelle cooperative Macramè e Reware

didattica a distanza

di NOEMI ZURLO

Il blocco delle attività generato dal Coronavirus ha causato un aumento delle vulnerabilità, estendendola a categorie di persone precedentemente non considerate “fragili”: tra questi molti studenti, che non hanno potuto accedere alla didattica a distanza in quanto privi delle strumentazioni necessarie ad affrontarla.

Esistono però realtà associative e imprenditoriali che, riferendosi a un modello economico alternativo e a buone pratiche inclusive, hanno dato alla luce progetti per far fronte a questa crescente difficoltà. Tra queste la cooperativa sociale Macramè, attiva a Campi Bisenzio (Fi) e sede del Ri-Hub toscano del progetto ECCO che lavora, dal 1999, a stretto contatto con i giovani, in particolare adolescenti in condizione di marginalità. Il costante rapporto con questa categoria ha permesso loro di comprendere, tempestivamente, nella fase di lockdown, quali fossero le nuove esigenze nate dalla chiusura delle scuole e di intervenire a supporto della comunità grazie a un progetto nato nell’ambito del percorso territoriale che li vede protagonisti.

Leonardo Sacchetti, educatore della cooperativa, racconta:“Dall’esigenza di connettere le istituzioni scolastiche con alcuni studenti in difficoltà è nata l’idea di trasformare un bisogno parziale dei nostri ragazzi in una spinta per il nostro Ri-Hub, polo territoriale del progetto ECCO – Economie Circolari di COmunità, che ben si prestava a diventare luogo di raccolta e di rigenerazione informatica. In accordo con il Comune di Campi Bisenzio abbiamo avviato una campagna social per reperire pc, tablet e notebook funzionanti da formattare e mettere a disposizione di chi ne avesse bisogno. Ad aggregare le esigenze degli studenti sono stati gli istituti scolastici del Comune in collaborazione con la Protezione Civile che ha ritirato e redistribuito parte delle apparecchiature”.

Altro progetto analogo è quello messo in campo dalla cooperativa e impresa sociale Reware, attiva dal 2013, che, a livello nazionale, si occupa del reperimento di apparecchiature informatiche dismesse da aziende (pubbliche e private) alle quali fornire una seconda chance. Con Elettronica Solidale, in questo periodo di emergenza, sostiene il diritto allo studio di giovani in difficoltà. Nicolas Denis socio di Reware spiega: “In questa fase ci impegniamo a rigenerare e distribuire gratuitamente computer donati dalle aziende il cui 20% viene consegnato alle scuole che ne faranno richiesta. È compito della scuola individuare le famiglie più bisognose alla quali donarli”. Sempre in Reware è nato il progetto PC4Change attraverso il quale la cooperativa dona ad associazioni, tra cui Legambiente, parte dei proventi di vendita collegati alle apparecchiature rigerenate. Ottimi esempi di come, anche in un momento come questo, è possibile coniugare solidarietà, inclusione sociale ed economia circolare.

Avete anche voi storie simili da raccontare? Fatelo contattandoci all’indirizzo ecco@legambiente.it

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

SOSTIENI IL MENSILE 

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Berta Caceres, cinque anni in cerca di verità e giustizia

Avrebbe compiuto 50 anni ieri la leader indigena assassinata nel 2016 da un gruppo armato. A 5 anni dalla sua “semina” tante le iniziative lanciate dal Copinh. Come #unalberoperlavita, in memoria di chi è stato ucciso nel mondo per difendere ambiente e beni comuni

Città e mobilità sostenibili: il motore per il rilancio del Paese

Dall’8 marzo al 10 aprile la campagna di Legambiente 'Clean Cities: ripartiamo dalle città' per accelerare le politiche locali verso la transizione ecologica. Un viaggio di 14 tappe per una mobilità più sicura, più elettrica e più condivisa

Ambiente, Cingolani: “La transizione ecologica sia globale e antropologica”

Intervenuto alla Conferenza preparatoria della Strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile il ministro della Transizione Ecologica ha illustrato le sfide che il nuovo dicastero dovrà affrontare: “La visione è globale, ma le soluzioni devono essere innestate nel tessuto locale”

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Pnrr, Pefc Italia: “Cruciali gli investimenti nel settore del legno e delle foreste”

Investire nei materiali di origine legnosa per gli edifici, puntare sullo stoccaggio di CO<sub>2</sub> per contrastare la crisi climatica e incentivare la gestione attiva di boschi e foreste. Sono queste alcune proposte che Pefc Italia, ente promotore della gestione sostenibile delle foreste, avanza in occasione della revisione della prima bozza del Pnrr

Italiana Coke condannata dal Consiglio di stato ad adeguare l’impianto della Val Bormida

L'azienda impegnata nella distillazione di carbone fossile di importazione dovrà attenersi alle prescrizioni previste dall’Autorizzazione integrata ambientale. Soddisfatta Legambiente Liguria: “Servono garanzie rispetto alla gestione e al sostegno dei costi di bonifica del sito perché troppo spesso questi sono rimasti a carico del pubblico”

Anagni, tramonta l’idea di un parcheggio nell’area archeologica di Piscina

Con la delibera di Giunta del 16 febbraio scorso l’amministrazione comunale ha definitivamente abbandonato l’idea. Rita Ambrosino, presidente di Legambiente Anagni: “Soddisfatti di questa decisione”

Fukushima 10 anni dopo. Il nuovo numero di Nuova Ecologia

Si intitola "Uscita di sicurezza" il numero di marzo del mensile dedicato al nucleare e al deposito di rifiuti radioattivi che dovrà essere realizzato in Italia. Oggi alle 11.30 la presentazione in diretta sulle pagine Facebook di Legambiente e La Nuova Ecologia e su lanuovaecologia.it

Nessuna transizione senza trasformazione

Editoriale del direttore Francesco Loiacono al numero di marzo della Nuova Ecologia
Ridimensiona font
Contrasto