martedì 26 Ottobre 2021

Acquista

Login

Registrati

Viaggio nel cuore della terra

cover del libro "La Terra non è mai sporca"

“Scomporre il concetto di terra”, a partire dalla rivoluzione gentile di Pierre Rabhi, fondatore del movimento Colibris, fino alle parole di libertà e creazione dell’artista Michelangelo Pistoletto. Sono le sensibilità di vari mondi – fra letteratura, arte, agroeconomia, moda, musica, religione, tv, politica – a comporre un’invenzione a più voci sul tema della terra. Abilmente narrata dalle autrici, Carola Benedetto e Luciana Ciliento. Indologa, autrice e regista, la prima; traduttrice e interprete la seconda.

“La terra non è mai sporca”, dice Svami Ma Uma Shakti Ghiri. L’ispirazione di questa monaca induista dà il titolo e pervade le pagine del libro. “Mettere le mani nella terra rende l’essere umano partecipe del suo sforzo vitale”, afferma la religiosa nel suo breve saggio, scritto a quattro mani con Svamini Hamsananda Ghiri. E la rigenerazione spirituale attraverso la natura arriva sulle sponde del fiume Brahmaputra, in India, dove Jadav Payeng ha trasformato un banco di sabbia in una verdeggiante foresta.

Una terra da scalare, come si legge nel contributo dell’alpinista Daniele Nardi. Da attraversare senza limiti né confini, come nel racconto di Beppe Tenti, ideatore e conduttore di “Overland”, su Rai1. Da esplorare fino a sfiorare il cielo, come fa il funambolo Andrea Loreni. La terra che crea e che ricrea se stessa nell’arte e che non smette di sorprendere. Ma anche di offrire occasioni di rigenerazione personale: è il caso del progetto dell’agricoltura nelle carceri di cui parla l’agronomo Paolo Marin.

Un caleidoscopio di sfumature, suoni, visioni che insegna soprattutto il rispetto per la terra: il suolo che abitiamo ci rende parte di qualcosa di unico e ci eleva oltre noi stessi.

Articoli correlati

“I mercati del carbonio non sono progettati per ridurre le emissioni”. L’intervista a Larry Lohmann

Il ricercatore dell’organizzazione britannica The Corner House spiega i limiti dei meccanismi di finanziarizzazione della natura

Diritti umani e dell’ambiente, dal non profit nasce la campagna “Impresa 2030”

Ben 16 milioni di persone sottoposte a forme moderne di schiavitù lungo le filiere produttive. Le organizzazioni di categoria propongono una norma di due diligence che imporrà alle imprese di adottare pratiche efficaci nel garantire il rispetto dei diritti umani e degli ecosistemi

Ecomondo e Key energy, dove passa la transizione ecologica dell’Italia

Alla Fiera di Rimini fino al 29 ottobre appuntamenti in presenza e in digitale per rimettere in connessione il mondo della pubblica amministrazione, quello finanziario e imprenditoriale

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

“I mercati del carbonio non sono progettati per ridurre le emissioni”. L’intervista a Larry Lohmann

Il ricercatore dell’organizzazione britannica The Corner House spiega i limiti dei meccanismi di finanziarizzazione della natura

Diritti umani e dell’ambiente, dal non profit nasce la campagna “Impresa 2030”

Ben 16 milioni di persone sottoposte a forme moderne di schiavitù lungo le filiere produttive. Le organizzazioni di categoria propongono una norma di due diligence che imporrà alle imprese di adottare pratiche efficaci nel garantire il rispetto dei diritti umani e degli ecosistemi

Tutte le strade portano a Glasgow

Gli anni da qui al 2030 saranno cruciali per contenere l’aumento della temperatura media globale entro 1,5 °C. Ecco perché la Cop26 deve essere il vertice dell’azione per combattere la crisi climatica

Centro Italia, prorogati i termini della campagna Alleva la speranza +

Continua l’impegno di Enel e Legambiente a favore delle aree terremotate. Fino al 30 novembre sulla piattaforma Planbee sarà possibile sostenere allevatori, allevatrici e imprenditori locali del turismo sostenibile, aiutandoli a realizzare il loro progetto di rinascita

Nascono gli ortofrutteti solidali

Accade in Sicilia, a Modica e Catania, grazie a un progetto ideato da AzzeroCO2. Privati, aziende, associazioni di volontariato e cooperative sociali insieme per rigenerare i territori e tutelare la biodiversità
Ridimensiona font
Contrasto