venerdì 23 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

Viaggio in Italia: l’economia civile e circolare si racconta

EcoforumLa Comunità montana Castelli Romani e Prenestini si è costituita Distretto dell’economia civile.  Si tratta del primo ente sovracomunale a farlo in Italia

di Angelo Buonomo

La Comunità montana Castelli Romani e Prenestini rappresenta la prima esperienza in Italia di ente sovracomunale a costituirsi come Distretto dell’economia civile. I comuni coinvolti sono: Cave, Colonna, Frascati, Gallicano nel Lazio, Genazzano, Grottaferrata, Monte Compatri, Monte Porzio Catone, Palestrina, Rocca di Papa, Rocca Priora, San Cesareo e Zagarolo. Il Distretto ha preso vita grazie a un atto fondativo sottoscritto dai comuni aderenti alla Comunità Montana, cittadini, imprese, realtà associative, agenzie formative sancendo, in questo modo, il protagonismo degli attori dell’Economia civile.

A partire da questo atto sono stati elaborati diversi strumenti e progetti volti a costruire reti tra i soggetti coinvolti e a dare vita a processi di sviluppo locale sostenibile dal punto di vista economico, sociale e ambientale. In questa ottica il Distretto, nel settembre 2019, ha adottato laCarta di Impegno e il Manifesto dei Valori dell’Economia Civile del Distretto della Comunità Montana Castelli Romani e Prenestini e, successivamente, nel maggio del 2020, il Regolamento dei beni condivisi”. Accanto a questi strumenti è stata promossa una ricerca-azione condotta attraverso il metodo del “Design del potenziale dei contesti territoriali”, lo strumento utilizzato da Legambiente per rafforzare l’azione dei Distretti dell’Economia civile, con l’obiettivo di dare una nuova lettura del contesto volta a sviluppare percorsi di innovazione partecipata aperta.

L’analisi prodotta ha evidenziato alcune traiettorie di lavoro su quattro “codici traino”: economia circolare, capitale relazionale, innovazione pubblico-privato, connessione emergenza sociale e potenzialità locale. Il Distretto si articola in due direzioni: i processi di sviluppo locale che nascono attraverso gli enti pubblici e gli attori di economia civile della Comunità montana e le iniziative dei singoli Comuni aderenti. Dalla sua costituzione il Distretto dell’Economia civile Comunità Montana Castelli Romani e Prenestini ha promosso diversi progetti come l’adozione di  patti di collaborazione, la candidatura al bando Social Economy Missions” promosso dall’Agenzia esecutiva per le PMI con il progetto “Send a postcard”, i progetti di cooperazione internazionale come Alin.li. volto a creare un ponte di solidarietà con l’Africa e l’accordo di per realizzare un Distretto dell’Economia Civile in Senegal. In questa prospettiva assumono un valore significativo i bandi promossi dalla Comunità montana volti a sviluppare processi di economia circolare e civile come quello indirizzato a gruppi informali di giovani tra i 25 e i 40 anni, quello indirizzato alle associazioni presenti nel Distretto e quello dedicato ai comuni aderenti. Un processo aperto e partecipato che punta a costruire un nuovo modello di sviluppo locale. Il Distretto dell’Economia civile della Comunità Montana Castelli Romani e Prenestini è in cammino.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Caccia, le Regioni rifiutano la tutela per la tortora

Secca la reazioni delle associazioni ambientaliste al rifiuto delle Regioni di ogni tutela per la tortora: "Senza il Piano di gestione scatterà la moratoria completa"

Il Regno Unito ridurrà le emissioni di CO2 entro il 2035

Il governo britannico fissa per legge l'obiettivo più ambizioso al mondo in materia di cambiamento climatico.  Johnson: "Vogliamo puntare in alto sulla tutela del clima"

Dubbi e criticità sul deposito nazionale rifiuti radioattivi

Dal rischio idrogeologico all’analisi del rischio di incidente rilevante fino alla conservazione delle aree protette: sono le prime anomalie riscontrate da Legambiente. "Un'opera necessaria che si potrà realizzare solo con un processo trasparente e il dibattito pubblico" Questo deposito s'ha da fare di F. DessìLeggi il numero di Nuova Ecologia "Uscita di sicurezza"

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Caccia, le Regioni rifiutano la tutela per la tortora

Secca la reazioni delle associazioni ambientaliste al rifiuto delle Regioni di ogni tutela per la tortora: "Senza il Piano di gestione scatterà la moratoria completa"

Il Regno Unito ridurrà le emissioni di CO2 entro il 2035

Il governo britannico fissa per legge l'obiettivo più ambizioso al mondo in materia di cambiamento climatico.  Johnson: "Vogliamo puntare in alto sulla tutela del clima"

Proposte per una Carta della Terra delle Nazioni Unite

In occasione dell'Earth Day è una delle priorità su cui richiama l'attenzione l’Associazione “Costituente Terra”

#liberidaiveleni, la campagna di Legambiente per il risanamento ambientale

Nella giornata mondiale della Terra e alla vigilia del Consiglio dei ministri che approverà il Pnr l'associazione lancia una nuova iniziativa. E fa un appello al premier Draghi: “Non si dimentichino le vertenze ambientali croniche tuttora irrisolte"

La tutela del suolo al centro della transizione ecologica

Un appello importante lanciato oggi in occasione della Giornata mondiale della Terra. Il suolo è un importante bacino di biodiversità e fornisce una serie di servizi ecosistemici. Ecco perché è arrivato il momento che l'Unione Europea adotti una direttiva ad hoc
Ridimensiona font
Contrasto