domenica 18 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

Viaggio in Italia, a Lucca è nato il primo Distretto dell’economia civile provinciale

Oltre alla Provincia ne fanno parte alcuni Comuni del territorio, la Camera di Commercio, l’Arcidiocesi, la Caritas, Legambiente, il Polo tecnologico e numerose associazioni

di ANGELO BUONOMO

A Lucca è nato il primo Distretto dell’Economia civile provinciale. Dopo un lungo percorso avviato circa un anno fa che ha visto come protagonisti istituzioni, enti del terzo settore, mondo dell’impresa e Università, il Presidente della Provincia Luca Menesini ha emanato un decreto deliberativo che ha istituito ufficialmente il Distretto. Oltre alla Provincia ne fanno parte alcuni Comuni del territorio, la Camera di Commercio, l’Arcidiocesi, la Caritas, Legambiente, il Polo tecnologico e numerose associazioni. La promozione dell’economia civile passa attraverso la pratica di un modello di sviluppo che si muove sui valori di corresponsabilità, protagonismo civico, sostenibilità economica, sociale e ambientale.

Mappature di fragilità

Il processo di istituzione del Distretto, che nasce dal lavoro promosso dalla Provincia di Lucca e dalla Camera di Commercio, è uno degli esiti del  Tavolo di economia civile della provincia di Lucca, promosso da Caritas diocesana e Legambiente nel 2019. Il Tavolo ha realizzato un’attività di ricerca-azione attraverso il metodo del “Design potenziale dei contesti territoriali” al fine di dare vita a una mappatura delle fragilità e delle potenzialità socio-ambientali dei territori, individuando i soggetti economici e del Terzo settore che operano nella provincia e che praticano economia civile. Da questo lavoro di mappatura sono nati due lavori di ricerca: il flash report “d’ISTANTI: capacità di risposta sociale e orizzonti civili in tempo di Covid” presentato a luglio 2020 e “Fermenti. Primo rapporto sull’economia civile in provincia di Lucca” presentato a dicembre 2020. I promotori del Distretto della provincia di Lucca hanno dichiarato che in questa fase di incertezze e difficoltà legate alla diffusione del virus l’economia civile assume un valore decisivo per lo sviluppo sostenibile dei territori.

Tutti gli obiettivi del Distretto

Nel comunicato stampa si legge: “La Provincia di Lucca, con l’istituzione del Distretto, raccoglie l’invito dei fondatori del Tavolo attraverso ‘l’Appello per la costituzione del Distretto di economia civile in provincia di Lucca’   viste  le richieste di adesione da parte di nuovi soggetti  e  le sollecitazioni seguite alla presentazione dei due rapporti di ricerca”. Nel documento istitutivo si pongono gli obiettivi del Distretto: promuovere azioni di innovazione sociale, ambientale ed economica per rispondere alle fragilità socio-ambientali; misurare l’impatto dei territori in termini di ecologia integrale; costruire risposte concrete con gli attori di economia civile; sviluppare il tessuto economico in una chiave di sostenibilità ambientale, economica e sociale. Un’ottima notizia in una regione, la Toscana, sempre più circolare e civile.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

 

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

L’orsa JJ4 resterà libera

Il Tar di Trento ha pubblicato la sentenza con cui cancella l’ordinanza della Provincia di Trento che disponeva la cattura

ADRIATICO A RISCHIO

Il webinar Come fare a recuperarlo? Verso un riserva marina nel Canale d'Otranto. A cura di Medreact e Legambiente

Transizione ecologica: è l’ora del dibattito pubblico

Occorre scommettere su trasparenza delle informazioni e qualità dei progetti. A dirlo è un Manifesto promosso da 14 associazioni tra cui Legambiente, Greenpeace, Action Aid e Cittadinanza Attiva

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Catanzaro, continua la battaglia contro la discarica di Scala Coeli

Legambiente ha presentato di nuovo il ricorso al Tar per verificare se gli ultimi interventi non rappresentino un'anticipazione dell'ampliamento. Ciafani: "Serve un cambio di rotta"

Il 29 maggio in Trentino il primo concerto climate positive

L'iniziativa si chiama TreeTicket e sarà il primo evento musicale per assistere al quale si pagherà in alberi. A Malga Costa in Val di Sella, nella cornice della foresta artistica di Arte Sella, si esibiranno il violoncellista Mario Brunello e Stefano Mancuso

Agricoltura e clima, per il frumento perdite di produttività del 20% entro il 2040

È uno dei dati che emerge dal nuovo rapporto “12 passi per la terra (e il clima)” dell’associazione Terra! Ecco le proposte per offrire una via d’uscita dalla spirale di crisi in cui il settore agricolo rischia di restare invischiato

South beach, Legambiente dice stop al consumo di suolo sulla costiera molisana

L'associazione ambientalista contraria al progetto sostenuto dalla Regione che punta a urbanizzare ed edificare un’area di circa 160 ettari a ridosso del mare

In Italia 17,5 milioni di abitazioni riscaldate con gas metano

Dal settore residenziale proviene il 53% delle emissioni di PM10, mentre dagli edifici il 18% di quelle climalteranti. I dati del nuovo studio sulla decarbonizzazione dei sistemi di riscaldamento realizzato presentato da Legambiente e Kyoto Club
Ridimensiona font
Contrasto