mercoledì 27 Gennaio 2021

Vesuvio fish, operazione datteri di mare a Castellammare di Stabia

sequestro

Trovati con le mani sui datteri di mare, già serviti e pronti ad essere mangiati crudi. Un blitz in piena regola, con uomini e mezzi impegnati sera e notte, per setacciare i ristoranti dell’area vesuviana. È stata chiamata Vesuvio Fish, l’operazione condotta dalla Guardia Costiera di Castellammare di Stabia che ha individuato addirittura il prelibato e vietato mollusco già servito nei piatti di un ristorante tra Poggiomarino e San Giuseppe Vesuviano. Un caso davvero inedito, anche per chi dà la caccia ai datterari da anni. Il dattero viene prelevato distruggendo i fondali della penisola sorrentina. Da anni una organizzazione criminale cerca di sfuggire ai controlli delle forze dell’ordine per portare avanti un giro di affari illegale di milioni di euro.
I controlli hanno accertato che è proprio l’entroterra vesuviano il terreno fertile dove i componenti dell’organizzazione, attraverso una rete capillare di distribuzione, fanno arrivare il prezioso mollusco, il cui “cruditè”, come accertato, arriva ad essere pagato anche ben oltre le 120 euro.
I controlli proseguiranno nei prossimi giorni. I militari, grazie ad un’accurata indagine sui social, alla ricerca di foto, profili e locali, hanno identificato centinaia di consumatori di datteri di mare, provenienti anche da fuori regione. Ora si apprestano a passare al setaccio molte attività ristorative. Nel mirino anche alcuni locali rinomati e consigliati da riviste enogastronomiche.
“Si mira a colpire la domanda per far calare la richiesta così da poter mandare in “stallo” l’organizzazione dedita a tali traffici- sottolinea Ivan Savarese, comandante della Capitaneria di Porto di Castellammare di Stabia- In questi mesi abbiamo sequestrato una tonnellata di datteri di mare, oltre che attrezzature e risorse strumentali per un valore di migliaia di euro. I danni inferti all’organizzazione criminale sono stati ingenti, tanto da costringerla a dedicarsi ad altre attività illecite per racimolare proventi e risorse, come quella della raccolta di frodo delle “Vongole veraci” di Rovigliano”.
Nel blitz di venerdì notte sono state individuate anche diverse partite di vongole provenienti da Rovigliano, uno scoglio che si trova davanti alla foce del fiume Sarno, in una zona contamitana da inquinanti fecali e chimici ben oltre la norma.

Articoli correlati

Fusione dei ghiacci a ritmi record, dal ’94 persi 28 trilioni di tonnellate

Il primo studio effettuato con dati satellitari da un gruppo di ricerca dell'Università di Leeds conferma che il fenomeno è ormai in linea con gli scenari più preoccupanti previsti dagli esperti

Il biometano al centro della campagna Unfakenews contro le bufale ambientali

Prosegue l'impegno di Legambiente e Nuova Ecologia per fare chiarezza su temi ostacolati dall'opinione pubblica. Questo mese il biocombustibile a km0

Biometano, ecco le risposte che cerchi

È al centro della campagna Unfakenews di Legambiente e Nuova Ecologia contro le bufale ambientali. Non c'è spazio per i dubbi

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Il biometano al centro della campagna Unfakenews contro le bufale ambientali

Prosegue l'impegno di Legambiente e Nuova Ecologia per fare chiarezza su temi ostacolati dall'opinione pubblica. Questo mese il biocombustibile a km0

Biometano, ecco le risposte che cerchi

È al centro della campagna Unfakenews di Legambiente e Nuova Ecologia contro le bufale ambientali. Non c'è spazio per i dubbi

Emilia-Romagna a biogas, una regione circolare

Transizione verso le rinnovabili, ottimizzazione della differenziata e riduzione degli spandimenti fuori legge. Sono i vantaggi degli impianti a biometano

Life Delfi, cresce la rete di soccorso dei mammiferi marini in difficoltà

Nel primo anno di attività il progetto europeo ha permesso di formare e attivare i futuri rescue team che interverranno in mare o sulle coste per salvare cetacei spiaggiati o rimasti impigliati nelle reti da pesca

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente