A Verona ‘pali smart’ per incentivare la mobilità elettrica

Le infrastrutture illuminano con luce led, contengono una presa di ricarica veloce, un’antenna wifi e una telecamera ad alta definizione per il controllo urbano in tempo reale e per la gestione dei parcheggi

L'immagine di un Palo Smart a Verona

Verona diventa una città sempre più smart e a misura della mobilità elettrica. La società Agsm ha avviato la sperimentazione di una nuova generazione di ‘pali smart’ cablati in fibra ottica che, oltre a illuminare in modo efficiente con luce led, contengono al loro interno una presa di ricarica veloce a 22 KWh per vetture elettriche, un’antenna wifi, una telecamera ad alta definizione per il controllo urbano in tempo reale e per la gestione dei parcheggi.

I ‘pali intelligenti’ sono già predisposti e verranno attivati a breve per il monitoraggio ambientale, il telecontrollo delle infrastrutture, il monitoraggio della raccolta dei rifiuti, l’erogazione di servizi istituzionali e/o commerciali. Si tratta, in pratica, di una nuova tecnologia che consentirà di seguire costantemente le performance delle nuove infrastrutture dedicate alla diffusione di servizi avanzati IoT (Internet of Things).

I ‘pali smart’ rappresentano uno degli step più qualificanti del programma ‘Electrify Verona’, avviato lo scorso settembre dal Comune di Verona, insieme a Volkswagen Group Italia e Agsm.

In città due pali sono già operativi e, ad oggi, sono le prime infrastrutture di questo genere presenti in tutta Europa: si trovano in via Righi e in via Montorio, consentono la ricarica veloce delle autovetture elettriche e sono prenotabili attraverso ‘Verona SmartApp’. Altri due pali smart, senza però la funzione di ricarica, si trovano in via Bassetti, a Porta Vescovo, e al parcheggio camper di via Dalla Bona.