giovedì 25 Febbraio 2021

Acquista

Login

Registrati

Venezia, laguna a rischio

La morfologia della laguna è stata stravolta dal traffico lungo il Canale Malamocco-Marghera, noto come il “canale dei petroli”, costruito negli anni ’60 per le petroliere dirette al polo petrolchimico. Secondo uno studio realizzato nell’ambito del progetto di ricerca nazionale “Ritmare”, coordinato dal Cnr, in media fra il 1974 e il 2015 le aree emerse a ridosso del canale si sono ritirate di 3-4 metri all’anno e i bassi fondali adiacenti hanno subito una forte erosione. Ne abbiamo parlato con Luca Zaggia, geologo dell’Istituto di geoscienze e georisorse del Cnr.

A che cosa è dovuta l’erosione?

Luca Zaggia

Il passaggio di una nave lungo un canale genera una depressione ai fianchi dell’imbarcazione, che interagisce con i fondali al margine del canale generando un’onda a forma di V, la cui ampiezza varia in base a velocità e grandezza della nave e all’ampiezza del canale. La perturbazione segue la nave durante la navigazione ed è il maggiore fattore di erosione: porta in sospensione i sedimenti delle sponde e li trascina verso il fondo del canale, dove la deposizione rende necessari frequenti dragaggi. Un’operazione molto costosa.

Che effetti ha il fenomeno in un ambiente come quello della Laguna di Venezia?

Attraversando bassi fondali, la depressione provocata dalle navi si propaga anche per centinaia di metri oltre i limiti del canale. Qui la sua ampiezza si riduce per l’interazione con il fondale, ma l’energia dissipata dall’onda si traduce in erosione dei fondali. A lungo andare i fondali ai margini si approfondiscono e la costante risospensione dei sedimenti influenza l’ecosistema acquatico, perché riduce la trasparenza dell’acqua e appiattisce la morfologia, con perdita di habitat e dei servizi ecosistemici a esso legati. L’abbassamento dei fondali nel bacino della laguna centrale ne aumenta la vulnerabilità alle mareggiate e agli eventi di acqua alta sempre più frequenti. Infine, la continua risospensione di sedimenti può smuovere contaminanti con possibili effetti negativi su tutto l’ecosistema.

Eppure si pensa a questa soluzione per far entrare in Laguna le grandi navi da crociera, quelle oltre le 40.000 tonnellate, e non farle passare dal bacino di San Marco.

Va fatta un’attenta valutazione. Il volume del traffico e le dimensioni delle navi da carico, dagli anni ’60, sono progressivamente aumentati e la morfologia del canale non è riuscita ad adattarsi a questa pressione crescente e continua. Sono circa 3.000 le navi che entrano ed escono ogni anno dalla bocca di Malamocco, molte superano i 200 metri di lunghezza. Aggiungerne altre cinquecento, tutte di grandi dimensioni, avrebbe un impatto importante. È difficile immaginare un grande porto senza impatto ambientale, ma i risultati delle ricerche potrebbero essere tenuti in considerazione per una gestione sostenibile del traffico navale, tale da minimizzare le conseguenze sulla morfologia e sull’ecosistema.

Elisa Cozzarini
Laureata in Scienze Politiche a Trieste, come giornalista si occupa di ambiente, e in particolare di fiumi, da oltre dieci anni. Si dedica al racconto del territorio del Friuli Venezia Giulia e del Veneto attraverso la scrittura, la fotografia e l'audiovisivo. Ha pubblicato diversi libri per Ediciclo/Nuovadimensione, tra cui "Radici liquide. Un viaggio inchiesta lungo gli ultimi torrenti alpini", 2018, finalista al Premio Mario Rigoni Stern.

Articoli correlati

Nasce l’Osservatorio indipendente sul Piano nazionale di ripresa e resilienza

A lanciare l'iniziativa sono un gruppo di organizzazioni della società civile che chiedono al Governo Draghi pieno coinvolgimento nella definizione del Pnrr. Tra queste c'è anche Legambiente

Cambiamenti climatici, in Europa ogni anno danni per 12 miliardi di euro

La cifra potrebbe aumentare addirittura a 170 miliardi nel caso in cui le temperature dovessero aumentare ulteriormente. La Commissione Ue vara una strategia di adattamento con la creazione di un nuovo osservatorio sul clima e la salute

Ecoforum Basilicata 2021

Le sfide dell'economia circolare

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Volontariato in tempi di pandemia, le nuove proposte di Legambiente

Imprese e Terzo Settore insieme per la sostenibilità ambientale. Il 23 febbraio il 7° workshop: tutela dell'ambiente, valori sociali e solidarietà. Nasce la “carta d'identità del volontariato aziendale”

Emissioni, per raggiungere target Ue bisogna decarbonizzare caldaie e riscaldamenti

La campagna #Coolproducts con Legambiente e Kyoto Club: servono nuove etichette energetiche e target più ambiziosi già a partire dal 2023

Gli scienziati all’UE: “No alle gabbie negli allevamenti”

Più di 140 scienziati, tra cui la primatologa Jane Goodall, hanno firmato la lettera conto le gabbie indirizzata alla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen

Cobalto in Congo, mai più schiavi delle risorse

Buona parte del cobalto che alimenta i nostri pc portatili si trova in Repubblica Democratica del Congo, dove ieri sono stati uccisi il nostro ambasciatore Luca Attanasio, il carabiniere Vittorio Iacovacci e il loro autista. Eppure il Paese rimane uno dei più poveri del pianeta

“Il mare è fonte di vita”. L’intervista a Nicola Sammarco, ideatore di Nicopò

La prima serie animata in cui l’entertainment incrocia i temi ambientali. Sullo sfondo Taranto, i fantasmi dell'Ilva e il sogno di cambiare la città
Ridimensiona font
Contrasto