venerdì 24 Settembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Vandana Shiva: “Il cibo a basso costo è dispendioso per la Terra”

Una fotografia di Vandana Shiva

L’agricoltura intensiva e l’industria alimentare hanno peggiorato la qualità dei prodotti e della nostra salute. Da questa premessa, e sulle soluzioni al problema, si concentra “Cibo per la salute”, il nuovo manifesto curato da Navdanya International, organizzazione guidata da Vandana Shiva. Il documento si pone come strumento di mobilitazione per rivendicare una transizione verso sistemi alimentari locali, ecologici e diversificati. Ne abbiamo parlato con la promotrice.

Come nasce il manifesto “Cibo per la salute” e qual è la tesi che sostiene?

In risposta al moltiplicarsi di malattie croniche legate a pesticidi e sostanze tossiche negli alimenti, imposti dall’agricoltura industriale, la nostra organizzazione ha convocato un gruppo di esperti leader nei settori alimentare, sanitario e agricolo. Medici, agronomi, produttori biologici, attivisti, giuristi e decisori politici hanno contribuito alla stesura del manifesto. Questo documento sostiene la necessità di un nuovo paradigma, un nuovo modo di pensare alla salute centrato sull’ecologia, basato sul pensiero sistemico e non sul riduzionismo meccanicistico, riconoscendo che la salute della terra e quella delle persone sono inestricabilmente collegate.

Un gran numero di persone, anche in Italia, è indotto dalla povertà a risparmiare sugli acquisti alimentari. Ma quali sono le conseguenze del comprare cibo a basso costo?

“Il cibo a basso costo” non è realmente economico. Anzi, è molto dispendioso per la Terra, i piccoli agricoltori e la nostra salute. Viene venduto a buon mercato perché prodotto grazie a sussidi, oligopoli e benefici fiscali. Agli agricoltori arriva una cifra tra l’1 e il 5% del prezzo pagato dal consumatore. Per questo dobbiamo capire che quando acquistiamo cibo “fintamente economico”, stiamo giocando un ruolo nella distruzione dei contadini, dell’ambiente e della nostra salute. Il cibo è un problema politico. La scelta è tra una dittatura alimentare e il seguente collasso delle nostre società, o la costruzione di robuste democrazie alimentari, rette da ecosistemi e comunità resilienti.

Quale dev’essere il ruolo delle sementi per rendere l’agricoltura meno vincolata ai grandi interessi?

Le attuali normative sui semi sono contrarie all’imperativo di una dieta basata su biodiversità, cibo biologico e locale per un microbioma sano e alimenti nutrienti. C’è un’evidente contraddizione tra uniformità e stabilità richiesta dal sistema industriale e la necessità di adattamento delle colture ai cambiamenti climatici e agli ecosistemi locali. Come possiamo avere una dieta diversificata se l’agricoltura che produce il nostro cibo si basa sull’omogeneità? Quando i soggetti che devono essere sottoposti a regolamentazione arrivano a scrivere le leggi per ottenere un potere assoluto e la piena proprietà delle sementi, liberandosi di ogni responsabilità ecologica e sociale, non abbiamo solo una crisi del cibo e dell’agricoltura, abbiamo una crisi di democrazia.

Articolo tratto dal mensile La Nuova Ecologia marzo 2019

Copertina Nuova Ecologia marzo 2019

Francesco Panié
Giornalista ambientale. per La Nuova Ecologia cura inchieste e approfondimenti su globalizzazione. inquinamento. clima. agricoltura e beni comuni. twitter @francesco.panie

Articoli correlati

Al via il Global Climate Strike, insieme per il clima e l’ambiente

Migliaia di giovani in piazza sull'onda lunga dei venerdì di Greta. E parte anche Puliamo il Mondo, che sostiene a gran voce i tanti ragazzi che in tutto il mondo scioperano per chiedere ai Grandi della Terra azioni concrete per il Pianeta

Forum Acque – Conferenza finale Progetto Life ESC VisPO

Al via la prima edizione del Forum Acque in Piemonte, momento di dialogo per affrontare le sfide del futuro, rappresentate dal cambiamento climatico e dalla pressione antropica sulla risorsa idrica

Sessant’anni fa la prima Marcia per la pace

Dal numero di settembreEra il 24 settembre 1961 quando Aldo Capitini organizzò l'appuntamento intorno al quale è cresciuto il movimento nonviolento italiano. Il nostro speciale con le voci dei protagonisti di ieri e di oggi: "Un mondo diverso è sempre possibile"

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Sisma centro Italia, il turismo sostenibile rigenera i territori

Arriva il supporto solidale dei viaggiatori e della rete di host sostenibili di Fairbnb.coop, piattaforma che devolverà metà delle proprie commissioni sui soggiorni alla campagna di crowdfunding "Alleva la speranza +" di Legambiente e Enel

Cultura, il nuovo appuntamento con la Fondazione Treccani

La cultura ci salverà? Definizione, obiettivi, strategie per elaborare un modello di futuro possibile. L'evento si terrà in diretta streaming venerdì  24 settembre alle ore 17:00 sulla pagina Facebook della Fondazione

In Italia è boom di tartarughe marine

In queste settimane la schiusa delle uova deposte nei nidi, cui segue l'ingresso dei piccoli in mare. Legambiente stima che quest'anno siano oltre 10 mila quelli con passaporto italiano

Benessere animale, le associazioni: “Etichettatura senza modifiche tradisce i consumatori”

La certificazione volontaria che deve essere votata in Conferenza Stato-Regioni garantirebbe priorità di accesso a fondi Pac e Pnrr. Ma senza modifiche sarebbe solo l’ennesimo regalo agli allevamenti intensivi. L’allarme degli ambientalisti

“The denial”, lo spot di Fridays for Future in occasione del 24 settembre

Il prossimo sciopero globale del clima è annunciato da un video dal carattere metaforico. Negare la crisi climatica è come correre verso un muro
Ridimensiona font
Contrasto