Vacanze per crescere

Un protocollo d’intesa fra Legambiente, Panda avventure e Aig per promuovere un turismo attento al patrimonio storico, artistico e ambientale. A partire dai più giovani

Vacanze per crescere

Si diffonde sempre più una nuova forma di turismo, incline all’approfondimento delle relazioni umane e al bisogno di socialità. Un turismo finalmente sostenibile, che pone l’accento sulla necessità di proteggere l’ambiente e di rispettare l’identità delle popolazioni. «È un settore capace di offrire ottime occasioni per rigenerare territori, creare posti di lavoro e costruire filiere economiche più attente alla coesione sociale e al rispetto dell’ambiente – spiega Lorenzo Barucca, coordinatore dell’ufficio economia civile di Legambiente – E capace anche di creare scambio e acquisizione di competenze nei comuni più a rischio spopolamento. Ecco perché abbiamo siglato un protocollo d’intesa con l’Aig (Associazione italiana alberghi per la gioventù, ndr), che mira a promuovere il turismo giovanile, scolastico, sociale e familiare con particolare attenzione al patrimonio storico, artistico e ambientale».
Si parte insieme con i centri di educazione ambientale più vicini ai desideri dei ragazzi e alberghi della gioventù più attenti alla gestione sostenibile delle strutture. «Ogni piccolo gesto quotidiano, oltre le misure permanenti e strutturali – sottolinea Filippo Capellupo, presidente di Aig – può essere davvero motore di cambiamento verso una migliore qualità di vita, sociale e ambientale, e per garantire un futuro più sostenibile. Da questa considerazione nasce il nostro accordo strategico».
Il protocollo fra Legambiente e Aig è stato siglato a “Fa’ la cosa giusta”. Stessa spiaggia stesso mare anche per un altro accordo stretto dall’associazione ambientalista, in questo caso con Panda avventure, attivo da decenni con i suoi campi per giovanissimi, sia in Italia che all’estero.
Riduzione, riutilizzo, riciclaggio e recupero imballaggi di materiali inquinanti altrimenti destinati alle discariche, risparmio ed efficienza energetica, utilizzo di fonti di energia pulita e rinnovabile, lotta all’inquinamento e ai mutamenti climatici, miglioramento dell’ecosistema urbano: è lo stile di vita proposti ai ragazzi che decidono di partire. Un collegamento trasversale che unisce turismo sostenibile, scuola ed economia civile. L’obiettivo è offrire un’occasione formativa attraverso un’esperienza vissuta in ambienti dal grande valore naturalistico. I soggiorni e i percorsi didattici di valorizzazione ambientale e riscoperta culturale fanno crescere nei giovani l’importanza di alcuni valori che i nostri luoghi conservano. «La modalità di andare in vacanza sta cambiando a una velocità impressionante – spiega Sebastiano Venneri, responsabile del settore turismo di Legambiente – In particolare crescono sempre di più i cosiddetti “turismi ambientali” e le modalità più social di visitare i luoghi. Insomma, non esiste solo il turismo di rapina – riprende Venneri – quello che aggredisce i territori e minaccia il senso d’identità delle comunità. C’è, ed è sempre più presente, un turismo che può far bene ai territori, può integrarsi con le comunità locali, contribuire a migliorarle e a far crescere nel complesso il nostro Paese». Il protocollo di intesa punta a valorizzarlo. «è da subito operativo – aggiunge Matteo Del Giudice, direttore di Panda avventure – con un primo progetto contro la dispersione scolastica svolto nella struttura gestita da Legambiente del Parco regionale di Monte Barro. Sono inoltre già in via di definizione proposte di educazione per i più giovani presso “Il Girasole”, il centro nazionale per lo sviluppo sostenibile a Ripescia, in Maremma, e a “Cascina Govean” ad Alpignano, in provincia di Torino. A questi progetti – conclude Del Giudice – presto se ne affiancheranno molti altri che arricchiranno l’offerta educativa rendendo la collaborazione ancora più solida ed efficiente». Uno scambio reciproco di competenze e valori, ma soprattutto scelte, idee e comportamenti che riescono a incidere concretamente e positivamente sul futuro di tutti.l