giovedì 25 Febbraio 2021

Acquista

Login

Registrati

Biden promette il rientro degli Usa negli accordi di Parigi sul clima

Il candidato democratico alla Casa Bianca Joe Biden annuncia che, se verrà eletto, l’America riprenderà in mano l’intesa che era stata stralciata da Trump. Ma servirà altro per una reale transizione energetica degli Stati Uniti

In attesa di conoscere l’esito delle elezioni presidenziali americane, con il candidato democratico Joe Biden che appare vicino al raggiungimento dei 270 grandi elettori necessari per conquistare la Casa Bianca, gli Usa fanno ufficialmente un passo indietro dagli accordi sul clima di Parigi. Siglata nel 2015 da Barack Obama, l’intesa è stata stralciata dal suo successore Donald Trump il quale, un anno fa, si era avvalso di una clausola di uscita diventata effettiva ieri, mercoledì 4 novembre.

Nelle ultime settimane di campagna elettorale Biden ha puntato molto sulla questione climatica, dichiarando che in caso di elezione a presidente imporrà al Paese un cambio di passo sul piano delle politiche ambientali ed energetiche. E tra i cambiamenti promessi c’è anche il rientro negli accordi di Parigi. Con un tweet il candidato democratico ha promesso che in caso di nomina nel suo primo giorno di presidenza volterà pagina riprendendo in mano l’intesa sul clima. “Oggi l’amministrazione Trump ha ufficialmente abbandonato l’accordo di Parigi sul clima. Ed esattamente in 77 giorni una amministrazione Biden vi rientrerà”, ha twittato Biden. Per Washington ciò significherebbe rimettersi in riga con gli impegni che nel 2015 erano stati presi da Obama, vale a dire tagliare le emissioni di gas serra dal 26 al 28% sotto i livelli del 2005 entro il 2025. Impegno oggi difficile da rispettare, considerato che attualmente le emissioni generate dagli Usa sono sotto del 15%.

Non sarà questa l’unica incognita da sciogliere riguardo gli impegni ambientali di una nuova Amministrazione Usa a guida democratica. Nel Green deal democratico lanciato da Biden, che dovrebbe essere finanziato con 2mila miliardi di dollari, non si spiega con chiarezza come gli Usa intendono portare avanti la loro transizione energetica verso le fonti rinnovabili. Per un Paese ancora fortemente ancorato allo sfruttamento di fonti fossili e che negli ultimi anni ha investito moltissimo nel fracking, è una domanda che, se saranno vincitori di queste elezioni, i democratici non potranno eludere ancora a lungo.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Rocco Bellantone
Classe 1983, nato a Reggio Calabria, cresciuto a Scilla sullo Stretto di Messina, residente a Roma. Giornalista professionista, mi occupo da anni di questioni africane e tematiche ambientali

Articoli correlati

Nasce l’Osservatorio indipendente sul Piano nazionale di ripresa e resilienza

A lanciare l'iniziativa sono un gruppo di organizzazioni della società civile che chiedono al Governo Draghi pieno coinvolgimento nella definizione del Pnrr. Tra queste c'è anche Legambiente

Cambiamenti climatici, in Europa ogni anno danni per 12 miliardi di euro

La cifra potrebbe aumentare addirittura a 170 miliardi nel caso in cui le temperature dovessero aumentare ulteriormente. La Commissione Ue vara una strategia di adattamento con la creazione di un nuovo osservatorio sul clima e la salute

Ecoforum Basilicata 2021

Le sfide dell'economia circolare

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Volontariato in tempi di pandemia, le nuove proposte di Legambiente

Imprese e Terzo Settore insieme per la sostenibilità ambientale. Il 23 febbraio il 7° workshop: tutela dell'ambiente, valori sociali e solidarietà. Nasce la “carta d'identità del volontariato aziendale”

Emissioni, per raggiungere target Ue bisogna decarbonizzare caldaie e riscaldamenti

La campagna #Coolproducts con Legambiente e Kyoto Club: servono nuove etichette energetiche e target più ambiziosi già a partire dal 2023

Gli scienziati all’UE: “No alle gabbie negli allevamenti”

Più di 140 scienziati, tra cui la primatologa Jane Goodall, hanno firmato la lettera conto le gabbie indirizzata alla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen

Cobalto in Congo, mai più schiavi delle risorse

Buona parte del cobalto che alimenta i nostri pc portatili si trova in Repubblica Democratica del Congo, dove ieri sono stati uccisi il nostro ambasciatore Luca Attanasio, il carabiniere Vittorio Iacovacci e il loro autista. Eppure il Paese rimane uno dei più poveri del pianeta

“Il mare è fonte di vita”. L’intervista a Nicola Sammarco, ideatore di Nicopò

La prima serie animata in cui l’entertainment incrocia i temi ambientali. Sullo sfondo Taranto, i fantasmi dell'Ilva e il sogno di cambiare la città
Ridimensiona font
Contrasto