mercoledì 1 Dicembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Presentata a Bruxelles la nuova strategia per la protezione del suolo

Ogni anno l’Europa cementifica suoli per una superficie pari a 40.000 ettari. Dalla Commissione l’impegno per una legge ad hoc. Il titolo scelto è “Raccogliere i frutti dei suoli sani per le persone, il cibo, la natura e il clima”

Oggi la Commissione europea ha reso pubblica la strategia europea sul suolo al 2030, parte integrante del Green Deal. Il titolo della strategia, “Raccogliere i frutti dei suoli sani per le persone, il cibo, la natura e il clima”, è già un programma se confrontato con la situazione critica che viene invece descritta nel documento. Secondo la Commissione Europea tra il 60 e il 70% dei suoli europei versa infatti in un cattivo stato di salute o affronta una condizione di degrado o perfino di desertificazione, e qualcosa come un miliardo di tonnellate di suolo si perdono ogni anno a causa dell’erosione, in gran parte dovuta a pratiche agricole intensive. Inoltre ogni anno l’Europa cementifica suoli per una superficie pari a 40.000 ettari. Un dato inaccettabile anche alla luce del cattivo uso che viene fatto delle superfici già impermeabilizzate: a fronte di enormi aree dismesse, spesso legate alla storia industriale del nostro continente, solo il 13,5% degli interventi di nuovo sviluppo urbano riguarda la riabilitazione di queste aree: la rigenerazione urbana, non solo in Italia, continua ad essere uno slogan.

La strategia europea vuole mettere fine a questo stato di cose, aderendo alle sfide globali, come quella dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite che nel suo SDG 15 fissa il target ‘fermare e invertire il degrado dei suoli’. E ci sono ottime ragioni, anche economiche, per impegnarsi su questo fronte: i soli terreni agricoli europei producono ogni anno servizi ecosistemici per un valore quantificato in 76 miliardi di euro inclusa ovviamente la produzione di materie prime, alimentari e non solo.

“Sebbene la strategia europea non contenga misure vincolanti per i Paesi Membri, siamo però molto soddisfatti del livello di ambizione degli obiettivi fissati dalla Commissione, e in particolare dell’impegno a presentare, entro il 2023, il testo di una legge europea sul suolo. Si tratta di una sfida storica, da tempo attesa e su cui la nostra associazione si è già impegnata promuovendo la petizione europea People4soil, che nel 2017 aveva raccolto 230.000 firme di sostegno. Impegno che prosegue oggi con le attività di advocacy previste dal progetto europeo Soil4Life di cui siamo coordinatori”, dichiara Stefano Ciafani, presidente di Legambiente.

Nonostante il forte impegno della Commissione, che fa seguito a un esplicito pronunciamento del Parlamento Europeo votato a larga maggioranza lo scorso aprile, la sfida di una Direttiva Europea sul suolo non sarà una passeggiata: gli ostacoli sono infatti rappresentati dall’aperta ostilità di alcuni Stati Membri ad una normativa vincolante sulla protezione del suolo, una opposizione che, già in passato ha costretto la Commissione a ritornare sui suoi passi. Il fatto nuovo è che questa volta in seno agli Stati Membri si va delineando un fronte favorevole, palesatosi con una lettera inviata ai Commissari Europei dai Ministri dell’Ambiente e dell’Agricoltura di Portogallo, Belgio, Spagna, Cipro, Lituania, Lettonia, Bulgaria, Repubblica Ceca, Romania e Slovacchia. Sorprendentemente, nell’elenco dei firmatari non figura l’Italia, che pure è un Paese che ha messo la tutela del suolo nell’elenco delle riforme essenziali del suo Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza.

“La partita della protezione dei suoli sotto l’ombrello di una direttiva europea ora si gioca soprattutto nella dialettica tra gli Stati Membri – ha aggiunto Stefano Ciafani – e l’Italia può e deve fare la sua parte, sostenendo la road map proposta dalla Commissione. Ormai tutte le evidenze scientifiche depongono per la necessità di uno sforzo condiviso per contrastare il degrado dei suoli, che pare destinato ad aggravarsi per gli effetti dei cambiamenti climatici”.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Primo Festival nazionale del riuso: incontri, laboratori e spettacoli

Dall'8 all'11 dicembre a Torino, un'occasione per approfondire i tanti aspetti di un tassello chiave per l'economia circolare

Transizione ecologica, con rinnovabili ed efficienza energetica 1,1 miliardi di risparmio in bolletta

I dati presentati al Forum QualEnergia 2021. Al 2030 previsti 170 mila nuovi posti di lavoro e 150 miliardi di investimenti. Legambiente: "Troppi ritardi ed ostacoli, serve un cambio di passo". Streaming del Forum l'1 e 2 dicembre sui siti dedicati / SCARICA LO STUDIO ELEMENS

FORUM QUALENERGIA 2021. LA DIRETTA

Dalle 10 in diretta streaming i lavori della prima giornata del Forum: “Le opportunità economiche tra PNRR e transizione energetica”

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Primo Festival nazionale del riuso: incontri, laboratori e spettacoli

Dall'8 all'11 dicembre a Torino, un'occasione per approfondire i tanti aspetti di un tassello chiave per l'economia circolare

Forum QualEnergia 2021, appuntamento a Roma l’1 e 2 dicembre

A Roma Eventi in Piazza di Spagna due giornate di confronto e dibattito su "Le opportunità economiche tra PNRR e transizione energetica". Il programma dei lavori

Economia circolare, 200 cittadini attivi in tutta Italia per il progetto “New Life”

Sostenuto da Crédit Agricole Italia e Legambiente, è volto alla riqualificazione urbana ma comprende anche tutorial con consigli per stili di vita sostenibili, dalla cucina degli scarti alla cosmesi naturale

FORUM QUALENERGIA SICILIA

Dalle 9.30 Forum Qualenergia Sicilia in diretta da Palermo. Un’occasione per confrontarsi con il mondo delle rinnovabili, per collaborare nella costruzione di un quadro normativo e di strumenti e azioni finalizzate a supportare il capitale tecnologico e umano necessario allo sviluppo sostenibile dell’isola.

FORUM ECONOMIA CIRCOLARE TOSCANA

Dalle 9,00 la sesta edizione dell'Ecoforum Toscana. L'esperienza virtuosa di Prato circular city che ha come obiettivo l'accelerazione nella transizione ecologica della città. Innovazione e sostenibilità nella mission dei gestori, in attesa del nuovo Prb. Il racconto dai distretti (cartario, tessile, lapideo, vitivinicolo), le politiche per la riduzione degli sprechi, la gestione dei rifiuti urbani e l’analisi dei flussi sugli speciali
Ridimensiona font
Contrasto