sabato 28 Novembre 2020

Unicef e Global child forum presentano l’Atlante dei diritti

immagine di un minore, di spalle, durante un lavoro pesante

È stato presentato in Svezia, al X Global child forum, l’Atlante dei diritti dei bambini e delle imprese, uno strumento digitale che consente alle aziende di identificare il potenziale impatto, e di esplorare le opportunità, che le loro azioni e le loro politiche hanno sulle vite dei bambini a livello globale.

“I bambini sono fondamentali per il futuro delle imprese, come futuri leader, clienti, investitori e impiegati – ha detto il vicedirettore generale dell’Unicef, Fatoumata Ndiaye – In collaborazione con il Global child forum, chiediamo al mondo delle aziende di rispettare i diritti dei bambini e trovare soluzioni coraggiose per ogni potenziale impatto che possa nuocere i bambini. Questa è una soluzione che va a vantaggio sia delle imprese sia dei bambini.”

L’Atlante online è stato ideato per aiutare aziende, investitori e organizzazioni del settore industriale a comprendere gli impatti delle loro azioni sui diritti dei bambini a livello globale. Questo strumento consente alle aziende di superare la maggior parte delle più diffuse forme di rischio conosciute, come lo sfruttamento del lavoro minorile, coprendo tematiche più ampie, che comprendono salari, orari di lavoro, prodotti, impatto ambientale, sicurezza e politiche di protezione online.

“Insieme con l’Unicef – ha spiegato Ulrika Nilsson, amministratore delegato del Global child forum – vogliamo incoraggiare le aziende a dare maggiori possibilità ai bambini di crescere e sviluppare il proprio pieno potenziale”.

L’Atlante è una piattaforma interattiva e mostra indici, mappe interattive globali, analisi e dati di Paesi e scenari del settore industriale per consentire alle imprese di comprendere al meglio i loro impatti sui luoghi di lavoro, sui mercati, sulle comunità e sull’ambiente. La metodologia utilizzata allinea i diritti umani ai processi di verifica di investimenti finanziari programmati, identificati nei Principi guida delle Nazioni Unite su imprese e diritti umani (Ungps) e nei Principi di impresa e diritti dei bambini (Crbps)

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Messico, attivista ambientale sequestrato da 33 giorni

È Miguel Vasquez, trent'anni in difesa della natura, per bloccare le centrali idroelettriche. Presunti rapitori hanno fatto sparire ogni traccia

Al via la campagna “Compostabile, una scelta naturale” sul corretto smaltimento di biopolimeri

Vanno nell’umido insieme agli scarti di cucina, per essere trasformati in compost. BioTable e Legambiente per un’economia circolare

Le regioni con maggiori fragilità sociali sono anche quelle con più criticità ambientali

È quanto emerge dal rapporto "Territori civili. Indicatori, mappe e buone pratiche verso l’ecologia integrale" di Caritas e Legambiente che racconta il territorio italiano

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,148FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Messico, attivista ambientale sequestrato da 33 giorni

È Miguel Vasquez, trent'anni in difesa della natura, per bloccare le centrali idroelettriche. Presunti rapitori hanno fatto sparire ogni traccia

Al via la campagna “Compostabile, una scelta naturale” sul corretto smaltimento di biopolimeri

Vanno nell’umido insieme agli scarti di cucina, per essere trasformati in compost. BioTable e Legambiente per un’economia circolare

Le regioni con maggiori fragilità sociali sono anche quelle con più criticità ambientali

È quanto emerge dal rapporto "Territori civili. Indicatori, mappe e buone pratiche verso l’ecologia integrale" di Caritas e Legambiente che racconta il territorio italiano

Armi, secondo la Legge di Bilancio nel 2021 verranno spesi 6 miliardi di euro

Campagna Sbilanciamoci e Rete Italiana Pace e Disarmo: "Per noi è chiaro. Più sanità e istruzione, meno armamenti"

Alluvione a Crotone, “per l’emergenza climatica il tempo è scaduto”

Appello di Legambiente Calabria dopo l'ennessimo disastro ambientale nella città calabrese. La presidente Anna Parretta: "Indispensabile che la Regione Calabria affronti l’emergenza climatica a partire dai nodi irrisolti del dissesto idrogeologico, dell’abusivismo edilizio e delle scelte urbanistico-edilizie totalmente errate”