lunedì 18 Gennaio 2021

Un’esperienza controcorrente

Ovunque in Italia si parli di sanità pubblica, immediatamente si fa riferimento al servizio ospedaliero, nel bene e nel male. L’esperienza delle microaree a Trieste disegna un percorso controcorrente, nel solco della cultura basagliana. Ancora una volta rovesciando il senso comune per avvicinarsi di più ai bisogni della gente. Si va là dove vive la popolazione più fragile, più povera, quella che nella malattia si rivolge, in emergenza, alle strutture ospedaliere. Nelle microaree triestine si investe sul “medico di territorio” per aggredire le disuguaglianze sanitarie. I risultati sono stati documentati dagli epidemiologi dell’università di Torino e Udine: migliora lo stato di salute della popolazione coinvolta e diminuiscono le spese sanitarie.

È la conferma che la salute non è l’effetto della medicalizzazione, ma è il risultato di un sistema di relazioni che rompono la solitudine e l’abbandono, e ricostruiscono comunità. Servono spazi da frequentare insieme, serve la cura delle relazioni tra persone, serve ricostruire pari opportunità per tutti.Il progetto “Microaree” ha avviato tutto questo in una visione globale d’innovazione sociale che, affrontando le disuguaglianze sanitarie, per forza di cose si fa carico delle disuguaglianze economiche e ambientali. Partendo dal riconoscimento che ogni malato è innanzitutto una persona che fa parte di una comunità.

È una ricetta replicabile? Non con il “taglia e incolla” ma replicando principi e visione tenendo conto delle diversità territoriali. Serve quindi la volontà, forse culturale prima ancora che politica, per capire che il senso di un servizio pubblico che vuole ridurre le disuguaglianze si gioca tutto qui: nella capacità di tenere insieme la multidimensionalità delle disuguaglianze con cui una persona fragile si deve misurare.

Articoli correlati

Focus 2 ruote, presentazione del report 2021

Appuntamento lunedì 18 gennaio alle ore 11.00 sul sito de La nuova ecologia e su ancma.it

Mobilità sostenibile, l’Italia investe ancora troppo in combustibili fossili

I dati del nuovo studio di Transport & Environment. Dei bus immatricolati nel 2019, solo il 5,4% è a zero emissioni. Legambiente: "Serve un cambio di passo"

Sorrento, trovata morta la balenottera arenata ieri nel porto

Il corpo era a circa 12 metri di profondità. Ultimi aggiornamenti indicano che l'animale sul fondo sarebbe più grande di quello visto ieri sera

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Focus 2 ruote, presentazione del report 2021

Appuntamento lunedì 18 gennaio alle ore 11.00 sul sito de La nuova ecologia e su ancma.it

Mobilità sostenibile, l’Italia investe ancora troppo in combustibili fossili

I dati del nuovo studio di Transport & Environment. Dei bus immatricolati nel 2019, solo il 5,4% è a zero emissioni. Legambiente: "Serve un cambio di passo"

Sorrento, trovata morta la balenottera arenata ieri nel porto

Il corpo era a circa 12 metri di profondità. Ultimi aggiornamenti indicano che l'animale sul fondo sarebbe più grande di quello visto ieri sera

La campagna “Alleva la speranza” al fianco di chi non abbandona le terre del terremoto

Riparte “Alleva la speranza +”, la campagna promossa da Legambiente ed Enel per sostenere le realtà colpite da terremoto e pandemia. Che per ricominciare puntano su turismo di prossimità, natura e storia

Riscaldamento degli oceani, il 2020 è l’anno record

Ciascuno degli ultimi nove decenni è stato più caldo del precedente, mentre il Mediterraneo è il bacino che mostra il tasso di riscaldamento maggiore / Clima, 2020 l'anno più caldo per l'Europa / L’ecologismo è una forma di umanesimo. L'intervista a Telmo Pievani