domenica 19 Settembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Un’esperienza controcorrente

Ovunque in Italia si parli di sanità pubblica, immediatamente si fa riferimento al servizio ospedaliero, nel bene e nel male. L’esperienza delle microaree a Trieste disegna un percorso controcorrente, nel solco della cultura basagliana. Ancora una volta rovesciando il senso comune per avvicinarsi di più ai bisogni della gente. Si va là dove vive la popolazione più fragile, più povera, quella che nella malattia si rivolge, in emergenza, alle strutture ospedaliere. Nelle microaree triestine si investe sul “medico di territorio” per aggredire le disuguaglianze sanitarie. I risultati sono stati documentati dagli epidemiologi dell’università di Torino e Udine: migliora lo stato di salute della popolazione coinvolta e diminuiscono le spese sanitarie.

È la conferma che la salute non è l’effetto della medicalizzazione, ma è il risultato di un sistema di relazioni che rompono la solitudine e l’abbandono, e ricostruiscono comunità. Servono spazi da frequentare insieme, serve la cura delle relazioni tra persone, serve ricostruire pari opportunità per tutti.Il progetto “Microaree” ha avviato tutto questo in una visione globale d’innovazione sociale che, affrontando le disuguaglianze sanitarie, per forza di cose si fa carico delle disuguaglianze economiche e ambientali. Partendo dal riconoscimento che ogni malato è innanzitutto una persona che fa parte di una comunità.

È una ricetta replicabile? Non con il “taglia e incolla” ma replicando principi e visione tenendo conto delle diversità territoriali. Serve quindi la volontà, forse culturale prima ancora che politica, per capire che il senso di un servizio pubblico che vuole ridurre le disuguaglianze si gioca tutto qui: nella capacità di tenere insieme la multidimensionalità delle disuguaglianze con cui una persona fragile si deve misurare.

Articoli correlati

Sicilia Carbon Free: la presentazione del Rapporto Isole Sostenibili

Energia, acqua, economia circolare, mobilità: le sfide per le isole minori italiane tra cambiamenti climatici e pressione turistica. Appuntamento oggi, sabato 18 settembre, alle 9.30 allo Stabilimento Florio di Favignana, oppure in diretta su questa pagina e su La Nuova Ecologia con la seconda tappa di Sicilia Carbon Free

Commercio illegale di idrofluorocarburi, disponibile il rapporto ufficiale dell’Environmental Investigation Agency

I gas refrigeranti inquinano come emissioni di gas serra di più di 6,5 milioni di automobili in un anno. E la Romania rimane in silenzio / Leggi qui il rapporto dell'EIA

Attivismo giovanile, arriva lo Youth climate meeting Lazio

Appuntamento a sabato 18 settembre 2021, alle ore 16.00 presso il Parco della Garbatella a Roma

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Commercio illegale di idrofluorocarburi, disponibile il rapporto ufficiale dell’Environmental Investigation Agency

I gas refrigeranti inquinano come emissioni di gas serra di più di 6,5 milioni di automobili in un anno. E la Romania rimane in silenzio / Leggi qui il rapporto dell'EIA

Attivismo giovanile, arriva lo Youth climate meeting Lazio

Appuntamento a sabato 18 settembre 2021, alle ore 16.00 presso il Parco della Garbatella a Roma

Punta Campanella, nate 82 tartarughe marine sulla spiaggia di Maiori

Con questa schiusa, la conta dei nidi di Caretta caretta in Campania sale a quota 52. Un anno da record storico

I Comuni al centro della pianificazione urbana nella sfida all’emergenza climatica

Se ne parla il 17 settembre a Campi Bisenzio a un convegno organizzato da Legambiente nell'ambito del Festival dell'Economia Civile

Venezia78, il premio Green Drop Award al film “Il Buco” di Michelangelo Frammartino

A premiare le produttrici Piera Boccacciaro e Chiara Cerretini è stato Lino Banfi, che ha ricevuto la Goccia Blu insieme a Ronn Moss
Ridimensiona font
Contrasto