sabato 5 Dicembre 2020

Una questione generale

primo piano di Sergio Costa

Sergio Costa, nato a Napoli nel 1959, si è laureato in Scienze agrarie, con un master in Diritto dell’ambiente. Entrato nel Corpo forestale, ne è diventato comandante regionale in Campania. È in questo ruolo che all’inizio del Duemila ha guidato la sua indagine più nota, quella sui rifiuti tossici interrati dal clan dei Casalesi nella cosiddetta Terra dei fuochi, la piana agricola del Casertano al confine con Napoli. Costa si è inoltre occupato delle discariche abusive nel Parco del Vesuvio e ha condotto indagini sul traffico internazionale dei rifiuti, in collaborazione con la Direzione nazionale antimafia.

Nel 2017, quando la Forestale è stata accorpata ai Carabinieri, è diventato generale di brigata dell’Arma. Oggi vive a Napoli. Sul suo tavolo il neo ministro troverà due dossier particolarmente delicati, per i quali l’Italia è stata deferita dalla Commissione europea alla Corte di giustizia: i continui sforamenti dei limiti per l’inquinamento atmosferico, in particolare per quanto riguarda le polveri sottili (Pm10), e il deposito unico nazionale delle scorie nucleari. L’Italia è tenuta a farlo dalle norme europee, ma i vari governi non hanno mai affrontato l’argomento per timore delle prevedibili proteste popolari.

Il ministero dell’Ambiente ha poi voce in capitolo su tutte le grandi opere, con le Valutazioni di impatto ambientale (Via), senza le quali i cantieri non vanno avanti. Si pensi a Tav, Tap, Terzo Valico, Mose e tante altre.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

È Rosario Esposito La Rossa l’ambientalista dell’anno, vincitore del Premio Luisa Minazzi

"Crediamo nei sogni impossibili" ha affermato dopo la vittoria. RInviata alla primavera la quarta edizione del Festival della virtù civica, che porterà a Casale Monferrato gli otto finalisti

L’ecologismo è una forma di umanesimo. L’intervista a Telmo Pievani

Dal mensile di settembre - Cambiamenti climatici, perdita di biodiversità, crisi economica e pandemie. Tutto è legato ma riconosciamo il pericolo solo quando è imminente. E la politica, commenta l’autore di “Homo sapiens e altre catastrofi”, spesso non è all’altezza delle sfide globali

Cercatori di verità

"La scienza ci rende consapevoli delle trasformazioni in corso". L'editoriale del direttore Francesco Loiacono su La Nuova Ecologia di dicembre

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,206FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

È Rosario Esposito La Rossa l’ambientalista dell’anno, vincitore del Premio Luisa Minazzi

"Crediamo nei sogni impossibili" ha affermato dopo la vittoria. RInviata alla primavera la quarta edizione del Festival della virtù civica, che porterà a Casale Monferrato gli otto finalisti

L’ecologismo è una forma di umanesimo. L’intervista a Telmo Pievani

Dal mensile di settembre - Cambiamenti climatici, perdita di biodiversità, crisi economica e pandemie. Tutto è legato ma riconosciamo il pericolo solo quando è imminente. E la politica, commenta l’autore di “Homo sapiens e altre catastrofi”, spesso non è all’altezza delle sfide globali

Cercatori di verità

"La scienza ci rende consapevoli delle trasformazioni in corso". L'editoriale del direttore Francesco Loiacono su La Nuova Ecologia di dicembre

PREMIAZIONE AMBIENTALISTA DELL’ANNO 2020

Cerimonia conclusiva del Premio intitolato a Luisa Minazzi

Giornata Mondiale del suolo, CIC: la sua tutela sia al centro dell’agenda politica

È l'appello del Consorzio Italiano Compostatori che promuove la piattaforma S.O.S. Soil - SAVE ORGANICS IN SOIL, «conserva la sostanza organica del suolo»