venerdì 23 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

Una nuova coalizione globale contro il trattato Ue-Mercosur

Nata oggi riunisce oltre 450 realtà tra associazioni, sindacati e movimenti sociali di tutto il mondo. Se l’accordo verrà ratificato alimenterà la deforestazione, le violazioni dei diritti umani e la crudeltà sugli animali. In pericolo l’Amazzonia

Sono oltre 450. Sono associazioni, sindacati, movimenti sociali: realtà della società civile che chiedono a gran voce di fermare il Trattato UE-Mercosur. Si tratta di una nuova coalizione globale che oggi ha lanciato una dichiarazione congiunta in cui si dimostra come l’accordo sia un pessimo affare per tutti, ma soprattutto per i lavoratori, l’ambiente, le comunità indigene.

“Il trattato appartiene a un modello commerciale obsoleto che ha contribuito alla crisi climatica Serve unicamente gli interessi delle grandi aziende a scapito dell’ambiente, e divarica ulteriormente la forbice delle diseguaglianze” – Monica Di Sisto portavoce della campagna italiana.

Trattato Ue-Mercosur: un po’ di storia

L’accordo è stato siglato il 28 giugno 2019 a seguito di 20 anni di negoziati. Oggi si aspetta la ratifica dall’Ue e dai vari parlamenti nazionali. “Il trattato appartiene a un modello commerciale obsoleto che ha contribuito alla crisi climatica – spiega Monica Di Sisto portavoce della campagna italiana – Serve unicamente gli interessi delle grandi aziende a scapito dell’ambiente, e divarica ulteriormente la forbice delle diseguaglianze”.

A seguito delle forti pressioni, diversi Stati membri, Austria, Francia, Belgio e Lussemburgo, e il Parlamento europeo hanno espresso le loro preoccupazioni e la procedura di ratifica è sospesa. La Commissione europea sta conducendo discussioni con i paesi del Mercosur per valutare delle “condizioni di pre-ratifica”, che potrebbero sfociare in un protocollo aggiuntivo al documento. Ma la coalizione sostiene che questo escamotage non risolverebbe nessuna delle questioni sollevate, perché il testo dell’accordo non cambierebbe.

Mercosur: in pericolo l’Amazzonia

Di Sisto spiega che il trattato consisterebbe in “uno scambio fra carne e biocarburanti dal latinoamerica e automobili tedesche”. Otre agli impatti sull’agricoltura europea, rappresenterebbe quindi una minaccia imminente per i posti di lavoro nel settore industriale dei paesi del Mercosur. Si alimenterebbe così la dipendenza dell’America latina dall’esportazione a basso costo di materie prime ottenute attraverso la distruzione di risorse naturali, mettendo in pericolo l’Amazzonia.

“Un altro commercio è possibile”, scrivono le 450 organizzazioni nella dichiarazione lanciata oggi. L’obiettivo è la creazione di società socialmente giuste ed ecologicamente resilienti, basate sui principi di solidarietà, protezione dei diritti umani e della biosfera.

Leggi anche:
Colpevoli di ecocidio: le responsabilità italiane nella deforestazione dell’Amazzonia

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Caccia, le Regioni rifiutano la tutela per la tortora

Secca la reazioni delle associazioni ambientaliste al rifiuto delle Regioni di ogni tutela per la tortora: "Senza il Piano di gestione scatterà la moratoria completa"

Il Regno Unito ridurrà le emissioni di CO2 entro il 2035

Il governo britannico fissa per legge l'obiettivo più ambizioso al mondo in materia di cambiamento climatico.  Johnson: "Vogliamo puntare in alto sulla tutela del clima"

Dubbi e criticità sul deposito nazionale rifiuti radioattivi

Dal rischio idrogeologico all’analisi del rischio di incidente rilevante fino alla conservazione delle aree protette: sono le prime anomalie riscontrate da Legambiente. "Un'opera necessaria che si potrà realizzare solo con un processo trasparente e il dibattito pubblico" Questo deposito s'ha da fare di F. DessìLeggi il numero di Nuova Ecologia "Uscita di sicurezza"

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Caccia, le Regioni rifiutano la tutela per la tortora

Secca la reazioni delle associazioni ambientaliste al rifiuto delle Regioni di ogni tutela per la tortora: "Senza il Piano di gestione scatterà la moratoria completa"

Il Regno Unito ridurrà le emissioni di CO2 entro il 2035

Il governo britannico fissa per legge l'obiettivo più ambizioso al mondo in materia di cambiamento climatico.  Johnson: "Vogliamo puntare in alto sulla tutela del clima"

Proposte per una Carta della Terra delle Nazioni Unite

In occasione dell'Earth Day è una delle priorità su cui richiama l'attenzione l’Associazione “Costituente Terra”

#liberidaiveleni, la campagna di Legambiente per il risanamento ambientale

Nella giornata mondiale della Terra e alla vigilia del Consiglio dei ministri che approverà il Pnr l'associazione lancia una nuova iniziativa. E fa un appello al premier Draghi: “Non si dimentichino le vertenze ambientali croniche tuttora irrisolte"

La tutela del suolo al centro della transizione ecologica

Un appello importante lanciato oggi in occasione della Giornata mondiale della Terra. Il suolo è un importante bacino di biodiversità e fornisce una serie di servizi ecosistemici. Ecco perché è arrivato il momento che l'Unione Europea adotti una direttiva ad hoc
Ridimensiona font
Contrasto