domenica 29 Novembre 2020

Una dieta sbilanciata

foto di pesci

Profondo Blu

Da tempi immemori ci nutriamo di animali marini, un importante complemento alla dieta primitiva fatta di semi e frutti spontanei. Dal pesce assimiliamo sostanze che sono meno facili da reperire adottando una dieta prettamente “terrestre”, come calcio, ferro, zinco, selenio, omega-3 e vitamina A: i cosiddetti “micronutrienti”. Con le pratiche artigianali di conservazione, poi, come essiccazione e affumicatura, diffuse a livello globale, siamo riusciti a rendere il pesce disponibile anche in località distanti dal mare, contrastando la carenza di micronutrienti, che può provocare malattie.

Un recente studio internazionale coordinato dall’Università di Lancaster (Uk) ha però evidenziato che il mercato ittico globale, coinvolgendo sempre di più specie legate al commercio locale di prodotti conservati, sta provocando seri danni alla catena di approvvigionamento di micronutrienti, soprattutto nei Paesi in via di sviluppo, dove è difficile arricchire la dieta con alimenti più nobili, anche vegetali, in sostituzione a quelli di origine animale. Eclatante il caso della sardinella senegalese, affumicata, essiccata e diffusa nell’interno del Paese, dove rappresenta la prima fonte di micronutrienti e di proteine animali. Da qualche anno questo flusso si arresta alla fonte: i pescatori vendono il pescato ad aziende cinesi che lo convertono in mangime per pesci allevati in Cina.

Le proiezioni della Fao dicono che, nel 2030, il 62% del pesce commercializzato verrà da acquacoltura. Mangiamo sempre più pesce e questo è un bene per la nostra salute. Mangiamo meno pesce “selvaggio” e può essere un bene per il mare. Tuttavia, mangiare più pesce allevato non è un bene assoluto, poiché il nostro benessere può fare danni altrove.

Domenico D'Alelio
Ecologo acquatico, ricercatore alla Stazione Zoologica Anton Dohrn di Napoli e vice presidente dell'Associazione italiana di oceanologia e limnologia

Articoli correlati

Messico, attivista ambientale sequestrato da 33 giorni

È Miguel Vasquez, trent'anni in difesa della natura, per bloccare le centrali idroelettriche. Presunti rapitori hanno fatto sparire ogni traccia

Al via la campagna “Compostabile, una scelta naturale” sul corretto smaltimento di biopolimeri

Vanno nell’umido insieme agli scarti di cucina, per essere trasformati in compost. BioTable e Legambiente per un’economia circolare

Le regioni con maggiori fragilità sociali sono anche quelle con più criticità ambientali

È quanto emerge dal rapporto "Territori civili. Indicatori, mappe e buone pratiche verso l’ecologia integrale" di Caritas e Legambiente che racconta il territorio italiano

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,148FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Messico, attivista ambientale sequestrato da 33 giorni

È Miguel Vasquez, trent'anni in difesa della natura, per bloccare le centrali idroelettriche. Presunti rapitori hanno fatto sparire ogni traccia

Al via la campagna “Compostabile, una scelta naturale” sul corretto smaltimento di biopolimeri

Vanno nell’umido insieme agli scarti di cucina, per essere trasformati in compost. BioTable e Legambiente per un’economia circolare

Le regioni con maggiori fragilità sociali sono anche quelle con più criticità ambientali

È quanto emerge dal rapporto "Territori civili. Indicatori, mappe e buone pratiche verso l’ecologia integrale" di Caritas e Legambiente che racconta il territorio italiano

Armi, secondo la Legge di Bilancio nel 2021 verranno spesi 6 miliardi di euro

Campagna Sbilanciamoci e Rete Italiana Pace e Disarmo: "Per noi è chiaro. Più sanità e istruzione, meno armamenti"

Alluvione a Crotone, “per l’emergenza climatica il tempo è scaduto”

Appello di Legambiente Calabria dopo l'ennessimo disastro ambientale nella città calabrese. La presidente Anna Parretta: "Indispensabile che la Regione Calabria affronti l’emergenza climatica a partire dai nodi irrisolti del dissesto idrogeologico, dell’abusivismo edilizio e delle scelte urbanistico-edilizie totalmente errate”