venerdì 14 Maggio 2021

Acquista

Login

Registrati

Un vaso che purifica

Dal mensile di maggio – L’inquinamento domestico, anche detto indoor, è un argomento delicato anche se spesso sottovalutato. A provocarlo sono principalmente prodotti per la pulizia, profumi per l’ambiente, fumi passivi, ozono, anidride carbonica, formaldeide, iperfluorati, parabeni, ftalati, bisfenolo A e così via. L’aria che si respira a casa può essere diverse volte più inquinata di quella esterna. Tre trentenni italiani, con la loro startup Laboratori Fabrici, hanno ideato una soluzione per la depurazione dell’aria, ossia un vaso per piante con un sistema di filtraggio in grado di monitorare le condizioni dell’aria. Il primo prototipo si chiamava “Clairy”, oggi sostituito da “Natede”, che ricalca il suo predecessore per forma, dimensione e funzionamento.

Questo vaso smart, oltre ad essere un oggetto di design, ha un concept sostenibile e contemporaneamente molto tecnologico. L’azione combinata della pianta con il filtro innovativo di Natede è in grado di eliminare gli agenti tossici dall’aria. Di ridotte dimensioni, è dotato di un’unità centrale inserita nel vaso che permette di sfruttare l’azione naturale delle piante e un filtro fotocatalitico coperto di biossido di titanio che permette di eliminare la quasi totalità di composti organici volatili, virus, odori e batteri. La fotocatalisi è un processo naturale che decompone la materia organica a livello molecolare.

Con “Natede” è possibile inoltre tenere sotto controllo la qualità dell’aria degli ambienti interni tramite un’app specifica ed è in grado di connettersi ad altri dispositivi smart home, come Amazon Alexa e Google Home. Un’idea che mescola natura, tecnologia e innovazione. E che infatti, per la sua genialità, è riuscita a raccogliere 900.000 dollari in 45 giorni sulla piattaforma di crowdfunding di Kickstarter. Il progetto nasce a Pordenone da una tesi di laurea e ha ottenuto diversi premi, fra cui un finanziamento di 2 milioni di euro da parte dell’Unione Europea per il progetto “Horizon 2020” nel 2017.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Articoli correlati

Il 13 maggio l’overshoot day per l’Italia

Lo segnala il Global footprint network, che calcola l'impronta ecologica di ciascun Paese e quello globale. Dal 14 e fino alla fine dell'anno in corso il nostro Paese andrà in debito con la Terra  

International Day of Light, 7 scienziati che hanno rivoluzionato il mondo dell’energia

Il 16 maggio si celebra la Giornata internazionale della luce. Da Benjamin Franklin a Nikola Tesla, le persone che hanno illuminato il mondo  

Una mascherina chirurgica può rilasciare fino a 173mila microfibre al giorno in mare

Lo rileva uno studio dell'Università di Milano-Bicocca. Per le specie marine possibili danni da ostruzione in seguito a ingestione ed effetti tossicologici dovuti a contaminanti chimici e biologici

Seguici sui nostri Social

16,978FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Il 13 maggio l’overshoot day per l’Italia

Lo segnala il Global footprint network, che calcola l'impronta ecologica di ciascun Paese e quello globale. Dal 14 e fino alla fine dell'anno in corso il nostro Paese andrà in debito con la Terra  

International Day of Light, 7 scienziati che hanno rivoluzionato il mondo dell’energia

Il 16 maggio si celebra la Giornata internazionale della luce. Da Benjamin Franklin a Nikola Tesla, le persone che hanno illuminato il mondo  

Una mascherina chirurgica può rilasciare fino a 173mila microfibre al giorno in mare

Lo rileva uno studio dell'Università di Milano-Bicocca. Per le specie marine possibili danni da ostruzione in seguito a ingestione ed effetti tossicologici dovuti a contaminanti chimici e biologici

Moda e sostenibilità: al via la partnership tra Apparel Impact Institute e Legambiente

L’obiettivo è sviluppare un piano di progetti e azioni per far sì che le attività della filiera di settore abbiano un impatto sempre più positivo sull’ambiente anche nel nostro Paese

I Fridays for future (e non solo) manifestano contro Eni

I presìdi sono organizzati lo stesso giorno dell'assemblea degli azionisti. Denunciano le responsabilità del cane a sei zampe nella crisi climatica e nella devastazione ambientale
Ridimensiona font
Contrasto