giovedì 25 Febbraio 2021

Acquista

Login

Registrati

Un vaso che purifica

Dal mensile di maggio – L’inquinamento domestico, anche detto indoor, è un argomento delicato anche se spesso sottovalutato. A provocarlo sono principalmente prodotti per la pulizia, profumi per l’ambiente, fumi passivi, ozono, anidride carbonica, formaldeide, iperfluorati, parabeni, ftalati, bisfenolo A e così via. L’aria che si respira a casa può essere diverse volte più inquinata di quella esterna. Tre trentenni italiani, con la loro startup Laboratori Fabrici, hanno ideato una soluzione per la depurazione dell’aria, ossia un vaso per piante con un sistema di filtraggio in grado di monitorare le condizioni dell’aria. Il primo prototipo si chiamava “Clairy”, oggi sostituito da “Natede”, che ricalca il suo predecessore per forma, dimensione e funzionamento.

Questo vaso smart, oltre ad essere un oggetto di design, ha un concept sostenibile e contemporaneamente molto tecnologico. L’azione combinata della pianta con il filtro innovativo di Natede è in grado di eliminare gli agenti tossici dall’aria. Di ridotte dimensioni, è dotato di un’unità centrale inserita nel vaso che permette di sfruttare l’azione naturale delle piante e un filtro fotocatalitico coperto di biossido di titanio che permette di eliminare la quasi totalità di composti organici volatili, virus, odori e batteri. La fotocatalisi è un processo naturale che decompone la materia organica a livello molecolare.

Con “Natede” è possibile inoltre tenere sotto controllo la qualità dell’aria degli ambienti interni tramite un’app specifica ed è in grado di connettersi ad altri dispositivi smart home, come Amazon Alexa e Google Home. Un’idea che mescola natura, tecnologia e innovazione. E che infatti, per la sua genialità, è riuscita a raccogliere 900.000 dollari in 45 giorni sulla piattaforma di crowdfunding di Kickstarter. Il progetto nasce a Pordenone da una tesi di laurea e ha ottenuto diversi premi, fra cui un finanziamento di 2 milioni di euro da parte dell’Unione Europea per il progetto “Horizon 2020” nel 2017.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Articoli correlati

Nasce l’Osservatorio indipendente sul Piano nazionale di ripresa e resilienza

A lanciare l'iniziativa sono un gruppo di organizzazioni della società civile che chiedono al Governo Draghi pieno coinvolgimento nella definizione del Pnrr. Tra queste c'è anche Legambiente

Cambiamenti climatici, in Europa ogni anno danni per 12 miliardi di euro

La cifra potrebbe aumentare addirittura a 170 miliardi nel caso in cui le temperature dovessero aumentare ulteriormente. La Commissione Ue vara una strategia di adattamento con la creazione di un nuovo osservatorio sul clima e la salute

Ecoforum Basilicata 2021

Le sfide dell'economia circolare

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Volontariato in tempi di pandemia, le nuove proposte di Legambiente

Imprese e Terzo Settore insieme per la sostenibilità ambientale. Il 23 febbraio il 7° workshop: tutela dell'ambiente, valori sociali e solidarietà. Nasce la “carta d'identità del volontariato aziendale”

Emissioni, per raggiungere target Ue bisogna decarbonizzare caldaie e riscaldamenti

La campagna #Coolproducts con Legambiente e Kyoto Club: servono nuove etichette energetiche e target più ambiziosi già a partire dal 2023

Gli scienziati all’UE: “No alle gabbie negli allevamenti”

Più di 140 scienziati, tra cui la primatologa Jane Goodall, hanno firmato la lettera conto le gabbie indirizzata alla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen

Cobalto in Congo, mai più schiavi delle risorse

Buona parte del cobalto che alimenta i nostri pc portatili si trova in Repubblica Democratica del Congo, dove ieri sono stati uccisi il nostro ambasciatore Luca Attanasio, il carabiniere Vittorio Iacovacci e il loro autista. Eppure il Paese rimane uno dei più poveri del pianeta

“Il mare è fonte di vita”. L’intervista a Nicola Sammarco, ideatore di Nicopò

La prima serie animata in cui l’entertainment incrocia i temi ambientali. Sullo sfondo Taranto, i fantasmi dell'Ilva e il sogno di cambiare la città
Ridimensiona font
Contrasto