martedì 21 Settembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Un sequestro boomerang

foto di un ulivo colpito dalla xylella

Il “caso xylella” scoppia sui media nazionali il 18 dicembre 2015, quando la procura di Lecce, non ritenendo che vi fosse un nesso fra il disseccamento degli ulivi e l’infezione, si oppone alla realizzazione del piano Silletti, dal nome del commissario straordinario per l’emergenza xylella. Con un decreto firmato dal procuratore Cataldo Motta, dal procuratore aggiunto Elsa Valeria Mignone e dal sostituto Roberta Licci, 2.223 ulivi che sarebbero dovuti essere abbattuti per contenere il contagio vengono sequestrati. Contestualmente, i magistrati aprono un’indagine contro dieci persone, fra cui ricercatori universitari, funzionari della Regione e lo stesso commissario Silletti. Secondo la tesi accusatoria sono responsabili della diffusione colposa del batterio.

Facendo leva su perizie che di fatto scavalcano il lavoro degli scienziati, la procura ipotizza che la xylella fosse presente in Puglia da tempo e che parlare di emergenza è ingiustificato. Ipotizza inoltre la presenza di nove ceppi del batterio, invitando dunque a una maggior cautela prima dell’attuazione del piano. La vicenda finisce addirittura sulle pagine di Nature, dove la comunità scientifica esprime scetticismo riguardo alla liceità dell’azione dei magistrati. Gli ulivi interessati dall’abbattimento vengono dissequestrati a luglio 2016. La tesi accusatoria crolla quando la presenza dei nove ceppi distinti viene smentita. Le analisi genetiche individuano infatti un’unica sottospecie associata alla peste degli ulivi: “xylella fastidiosa”. Per una singolare coincidenza, a due anni esatti dall’azione della procura, il 18 dicembre 2017 su Scientific reports viene pubblicato il lavoro di alcuni dei ricercatori indagati – Maria Saponari, Donato Boscia e Vito Nicola Savino – che dimostra il nesso di causalità fra la xylella e il “Complesso di disseccamento rapido degli olivi”.

Articoli correlati

Giustizia climatica e solidarietà, torna “Puliamo il mondo”

Dal mensile di settembre. Appuntamento dal 24 al 26 settembre con la grande manifestazione di volontariato ambientale. Un’edizione speciale alla vigilia della Pre-Cop

Clima, Draghi: “Italia determinata ad affrontare l’emergenza”

L'intervento al Climate moment a New York: "Dobbiamo agire subito o non rimarremo sotto l'incremento di 1,5 °C"

Clima, il rapporto del Cmcc indica il futuro dell’Italia tra eventi estremi e siccità

I dati del Centro Euro-Mediterraneo sui cambiamenti climatici: aumento delle temperature di 2-5 °C entro il 2050. Incremento del rischio idrogeologico e perdite fino all’8% del Pil pro capite con nuove differenze socio-economiche tra Nord e Sud / Leggi il rapporto del CMCC

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Giustizia climatica e solidarietà, torna “Puliamo il mondo”

Dal mensile di settembre. Appuntamento dal 24 al 26 settembre con la grande manifestazione di volontariato ambientale. Un’edizione speciale alla vigilia della Pre-Cop

Parchi eolici italiani, online la prima guida turistica dedicata

Da Rivoli Veronese a Gibellina, undici gli impianti da scoprire con Legambiente attraverso una serie di itinerari tra percorsi ciclabili, borghi, arte e buona cucina diventati laboratori della transizione energetica

Commercio illegale di idrofluorocarburi, disponibile il rapporto ufficiale dell’Environmental Investigation Agency

I gas refrigeranti inquinano come emissioni di gas serra di più di 6,5 milioni di automobili in un anno. E la Romania rimane in silenzio

Attivismo giovanile, arriva lo Youth climate meeting Lazio

Appuntamento a sabato 18 settembre 2021, alle ore 16.00 presso il Parco della Garbatella a Roma

Punta Campanella, nate 82 tartarughe marine sulla spiaggia di Maiori

Con questa schiusa, la conta dei nidi di Caretta caretta in Campania sale a quota 52. Un anno da record storico
Ridimensiona font
Contrasto