giovedì 25 Febbraio 2021

Acquista

Login

Registrati

Un laboratorio di convivenza

Parco di San Rossore - Pisa

Antonia ha un passato che vuole dimenticare con tutte le sue forze, un passato di soprusi e detenzione. Da tre anni ha cominciato una nuova vita, iniziata con il salto da quel camion che correva in autostrada verso il mattatoio. A raccogliere la sua voglia di vivere è stata una scatola di cartone, che due ragazze di una squadra di rugby femminile in sosta all’autogrill hanno utilizzato per accogliere la gallina e portarla ai volontari di un santuario nel parco di San Rossore, in provincia di Pisa. Quel santuario si chiama “Ippoasi”, è nato nel 2010 e accoglie oggi un centinaio di animali cosiddetti “da reddito”, sottratti a situazioni di sfruttamento e vessazione.
Tutto è nato, lo dice il nome stesso, dai cavalli. «La ricerca di una relazione sempre più rispettosa con i cavalli di un centro ippico ha portato i due fondatori a chiudere una sezione per trasformarla in un rifugio, dirigendo poi le proprie attenzioni sui problemi che coinvolgevano anche altri animali – racconta Susanna Panini del collettivo responsabile di “Ippoasi” – Cominciarono così ad arrivare mucche, maiali, asini, capre, pecore, galline, anatre, tutti attualmente abitanti del rifugio». Come Peppa, suino ibrido da allevamento, la cui coda amputata lascia poco spazio all’immaginazione. O la pecora Ettore, arrivato quando era ancora un agnello di poche settimane, e la mucca Lilith, sfruttata per la produzione di latte fino al sequestro. Non c’è nessuno, insomma, senza un trascorso intenso, toccante e molto eloquente. Oltre al collettivo che gestisce le attività del rifugio, Susanna spiega che “Ippoasi” ospita anche volontari provenienti da tutto il mondo, che possono soffermarsi per giorni o settimane e partecipare a tutte le attività, dall’accoglienza dei gruppi di visitatori e delle scolaresche all’organizzazione degli eventi, fino al lavoro con gli animali. «Proprio mentre rispondo alle tue domande – dice Susanna – stiamo condividendo le attività quotidiane con Haru, che arriva dalla Corea del Sud, Garyck, californiano, e Pierluigi, un volontario storico di Bologna. I lavori sono moltissimi e gli impegni richiedono costanti energie. Per ogni volontario è prevista una formazione e un avvicinamento graduale agli animali».
Grazie alle visite guidate durante ogni weekend, ai numerosi eventi benefit e ai laboratori didattici con istituti scolastici di ogni grado, “Ippoasi” accoglie ogni anno migliaia di visitatori. La struttura è raggiungibile anche con i mezzi pubblici e attorno a essa si snoda un percorso pedonale immerso nella natura, percorribile liberamente ogni giorno. «L’esperienza della visita guidata non è improntata sul contatto fisico a tutti i costi – conclude Susanna – quanto piuttosto sull’osservazione reciproca, sulla conoscenza diretta attraverso le storie individuali di ogni rifugiato e sul godersi la pace di un luogo come questo». Ed è una precisazione importante, perché non si tratta di una fattoria o di un ospizio, ma di un luogo sicuro dove le barriere di specie non esistono. Un vero e proprio «laboratorio di convivenza».

Francesco Panié
Giornalista ambientale. per La Nuova Ecologia cura inchieste e approfondimenti su globalizzazione. inquinamento. clima. agricoltura e beni comuni. twitter @francesco.panie

Articoli correlati

Nasce l’Osservatorio indipendente sul Piano nazionale di ripresa e resilienza

A lanciare l'iniziativa sono un gruppo di organizzazioni della società civile che chiedono al Governo Draghi pieno coinvolgimento nella definizione del Pnrr. Tra queste c'è anche Legambiente

Cambiamenti climatici, in Europa ogni anno danni per 12 miliardi di euro

La cifra potrebbe aumentare addirittura a 170 miliardi nel caso in cui le temperature dovessero aumentare ulteriormente. La Commissione Ue vara una strategia di adattamento con la creazione di un nuovo osservatorio sul clima e la salute

Ecoforum Basilicata 2021

Le sfide dell'economia circolare

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Volontariato in tempi di pandemia, le nuove proposte di Legambiente

Imprese e Terzo Settore insieme per la sostenibilità ambientale. Il 23 febbraio il 7° workshop: tutela dell'ambiente, valori sociali e solidarietà. Nasce la “carta d'identità del volontariato aziendale”

Emissioni, per raggiungere target Ue bisogna decarbonizzare caldaie e riscaldamenti

La campagna #Coolproducts con Legambiente e Kyoto Club: servono nuove etichette energetiche e target più ambiziosi già a partire dal 2023

Gli scienziati all’UE: “No alle gabbie negli allevamenti”

Più di 140 scienziati, tra cui la primatologa Jane Goodall, hanno firmato la lettera conto le gabbie indirizzata alla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen

Cobalto in Congo, mai più schiavi delle risorse

Buona parte del cobalto che alimenta i nostri pc portatili si trova in Repubblica Democratica del Congo, dove ieri sono stati uccisi il nostro ambasciatore Luca Attanasio, il carabiniere Vittorio Iacovacci e il loro autista. Eppure il Paese rimane uno dei più poveri del pianeta

“Il mare è fonte di vita”. L’intervista a Nicola Sammarco, ideatore di Nicopò

La prima serie animata in cui l’entertainment incrocia i temi ambientali. Sullo sfondo Taranto, i fantasmi dell'Ilva e il sogno di cambiare la città
Ridimensiona font
Contrasto