martedì, Ottobre 20, 2020

Un gioco da professionisti

di MARCO PIETROSANTE

Aiju, Instituto tecnológico de producto infantil y ocio, è una società spagnola che si occupa di affiancare le aziende del settore dei giocattoli nello sviluppo e nell’innovazione dei loro prodotti. Non solo in termini tipologici e tecnologici ma anche negli aspetti percettivi, psicologici, educativi e sociali. L’obiettivo che cerca di perseguire riguarda l’ottimizzazione del processo produttivo in tutte le sue fasi, prestando particolare attenzione ai valori dell’ecologia e della sostenibilità in generale.
Accanto al suggerimento delle procedure per rispettare le norme di qualità e sicurezza, mantenendo la fattibilità economica, la società elabora strategie e tecnologie per ridurre l’uso di materiali e delle lavorazioni, per prevenire il cambiamento climatico, per attuare e semplificare il corretto smaltimento dei giocattoli, tipicamente composti di multimateriali, spesso elettronici.
Altri settori di ricerca di Aiju riguardano l’analisi della tossicità degli additivi aromatici presenti nelle plastiche, la migrazione chimica nei prodotti a contatto col cibo, l’ottimizzazione delle batterie al litio. Infine, la società sta sviluppando una piattaforma per favorire il reintegro dei ragazzi marginali attraverso il gioco. Tutto ciò grazie alla collaborazione con più di settanta professionisti: tecnici, psicologici, tecnologi, designers. l

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Riforma Pac, il voto non freni l’ambizione ambientale

Dopo la posizione deludente espressa dalla Ministra Teresa Bellanova, appello della Coalizione Cambiamo Agricoltura ai Parlamentari italiani per una scelta responsabile e lungimirante, coerente con il Green Deal europeo

Agroecologia e consumi bio, al voto la riforma della Pac

L'Italia è leader in Europa nel sistema agroalimentare biologico. Le associazioni chiedono che la Politica agricola comune non favorisca il modello intensivo, lontano dagli obiettivi del Green Deal. Ma il Governo sembra voler andare in una direzione opposta

Partecipiamo al futuro cambiando il presente: la crisi climatica

Partecipiamo al futuro cambiando il presente: la crisi climatica. Questo il nome del workshop che si è tenuto in due tempi, sabato 17 e...

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
20,861FollowersFollow

Gli ultimi articoli

Riforma Pac, il voto non freni l’ambizione ambientale

Dopo la posizione deludente espressa dalla Ministra Teresa Bellanova, appello della Coalizione Cambiamo Agricoltura ai Parlamentari italiani per una scelta responsabile e lungimirante, coerente con il Green Deal europeo

Agroecologia e consumi bio, al voto la riforma della Pac

L'Italia è leader in Europa nel sistema agroalimentare biologico. Le associazioni chiedono che la Politica agricola comune non favorisca il modello intensivo, lontano dagli obiettivi del Green Deal. Ma il Governo sembra voler andare in una direzione opposta

Partecipiamo al futuro cambiando il presente: la crisi climatica

Partecipiamo al futuro cambiando il presente: la crisi climatica. Questo il nome del workshop che si è tenuto in due tempi, sabato 17 e...

Ogni anno 630mila morti di origine ambientale

L’inquinamento dell’aria continua a essere la principale minaccia alla salute con oltre 400mila vittime premature ogni dodici mesi. E insieme alla povertà può essere collegato a tassi di mortalità maggiori per Covid-19. I risultati dell'ultimo rapporto dell’Agenzia europea per l’ambiente

Ecosistemi, più precari se sono piccoli e giovani

Lo dice uno studio condotto sul lago di Ocrida, situato nella penisola balcanica e considerato uno dei più antichi della Terra. I ricercatori hanno combinato i dati paleoambientali e paleoclimatici con l'analisi di oltre 150 specie di diatomee fossili