domenica 18 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

Ue, nasce il Corpo europeo di solidarietà per giovani da 18 a 30 anni

Al via il corpo europeo di solidarietà

Ok dell’Europarlamento al nuovo Corpo europeo di solidarietà. In seguito al voto finale di martedì sul Corpo europeo di solidarietà, i giovani potranno fare volontariato o lavorare in programmi di solidarietà a livello europeo. L’iniziativa, annunciata dal Presidente Juncker durante il discorso sullo Stato dell’Unione del settembre 2016 e avviata ufficialmente nel dicembre 2016, dispone ora di un quadro giuridico. I giovani dell’UE potranno partecipare a un’ampia gamma di attività legate alla solidarietà, come l’istruzione, la salute, la protezione dell’ambiente, la prevenzione delle catastrofi, la fornitura di prodotti alimentari e non, e l’accoglienza e l’integrazione dei migranti e dei richiedenti asilo.

È stato approvato un bilancio complessivo, per il periodo 2018-2020, di 375,6 milioni di euro, di cui il 90% destinato al volontariato e il 10% alla parte occupazionale del programma. La Commissione europea ha proposto complessivamente 1,26 miliardi di euro per il prossimo esercizio finanziario 2021-2027.

Il programma è aperto ai singoli individui, che possono iscriversi alle attività gestite dalle organizzazioni registrate. Gli individui e le organizzazioni possono registrarsi attraverso un portale web multilingue e interattivo che può essere utilizzato per offrire o cercare esperienze di volontariato, tirocinio o inserimento professionale. Dal lancio dell’iniziativa nel 2016, più di 70.000 persone si sono registrate e quasi 7.000 persone stanno già partecipando ad attività di inclusione sociale, integrazione dei migranti, e sostegno alle comunità locali, al patrimonio culturale o all’istruzione. (Dati della Commissione europea, giugno 2018). I deputati hanno votato a favore di una maggiore accessibilità al programma per i giovani con minori opportunità, come le persone con disabilità, o provenienti da comunità isolate o emarginate, e per i giovani con difficoltà di apprendimento o di salute. La Commissione europea e gli Stati membri dovranno quindi prevedere delle misure speciali per loro, inclusi una guida e delle offerte specifiche. I giovani possono iscriversi a partire dall’età di 17 anni, ma devono avere più di 18 anni (e non più di 30) all’inizio delle loro attività di volontariato o di lavoro.

I deputati hanno votato a favore di una chiara distinzione tra attività di volontariato e tirocini, per garantire che nessuna organizzazione partecipante utilizzi i giovani come volontari non retribuiti quando sono invece disponibili potenziali posti di lavoro. Il periodo di volontariato sarà limitato a 12 mesi e i tirocini saranno da 2 a 6 mesi. Il Parlamento ha inoltre imposto un contratto di lavoro minimo di tre mesi.

Tutte le organizzazioni partecipanti hanno bisogno di un “marchio di qualità” che certifichi che sono in grado di offrire attività di solidarietà di alta qualità. Questo marchio viene controllato regolarmente e può essere revocato; le organizzazioni non dovrebbero essere finanziate automaticamente per il semplice fatto che sono munite di questo marchio.

“Il Corpo europeo di solidarietà è un programma di volontariato più ampio per i giovani in Europa. Il programma rafforza la solidarietà in Europa, apre nuove prospettive di sviluppo per i giovani e offre sostegno alle comunità all’interno e all’esterno dell’UE. Sono lieta che stiamo compiendo questo passo per rafforzare non solo i giovani, ma anche la solidarietà tra i popoli e le regioni”, ha dichiarato la relatrice Helga Trüpel (Verdi/ALE, DE).

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

L’orsa JJ4 resterà libera

Il Tar di Trento ha pubblicato la sentenza con cui cancella l’ordinanza della Provincia di Trento che disponeva la cattura

ADRIATICO A RISCHIO

Il webinar Come fare a recuperarlo? Verso un riserva marina nel Canale d'Otranto. A cura di Medreact e Legambiente

Transizione ecologica: è l’ora del dibattito pubblico

Occorre scommettere su trasparenza delle informazioni e qualità dei progetti. A dirlo è un Manifesto promosso da 14 associazioni tra cui Legambiente, Greenpeace, Action Aid e Cittadinanza Attiva

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Catanzaro, continua la battaglia contro la discarica di Scala Coeli

Legambiente ha presentato di nuovo il ricorso al Tar per verificare se gli ultimi interventi non rappresentino un'anticipazione dell'ampliamento. Ciafani: "Serve un cambio di rotta"

Il 29 maggio in Trentino il primo concerto climate positive

L'iniziativa si chiama TreeTicket e sarà il primo evento musicale per assistere al quale si pagherà in alberi. A Malga Costa in Val di Sella, nella cornice della foresta artistica di Arte Sella, si esibiranno il violoncellista Mario Brunello e Stefano Mancuso

Agricoltura e clima, per il frumento perdite di produttività del 20% entro il 2040

È uno dei dati che emerge dal nuovo rapporto “12 passi per la terra (e il clima)” dell’associazione Terra! Ecco le proposte per offrire una via d’uscita dalla spirale di crisi in cui il settore agricolo rischia di restare invischiato

South beach, Legambiente dice stop al consumo di suolo sulla costiera molisana

L'associazione ambientalista contraria al progetto sostenuto dalla Regione che punta a urbanizzare ed edificare un’area di circa 160 ettari a ridosso del mare

In Italia 17,5 milioni di abitazioni riscaldate con gas metano

Dal settore residenziale proviene il 53% delle emissioni di PM10, mentre dagli edifici il 18% di quelle climalteranti. I dati del nuovo studio sulla decarbonizzazione dei sistemi di riscaldamento realizzato presentato da Legambiente e Kyoto Club
Ridimensiona font
Contrasto