sabato 23 Gennaio 2021

L’Ue è corresponsabile della deforestazione in Brasile

ue Corresponsabile Della Deforestazione In Brasile

L’Unione europea è complice del Brasile nella deforestazione dell’Amazzonia. E’ l’accusa di due organizzazioni internazionali impegnate nella difesa delle foreste e dei popoli indigeni.

Oggi il 45% del Brasile rurale è di  proprietà di meno dell’1% dei proprietari terrieri. È come se il paese fosse tornato ai tempi coloniali. Il settore agricolo e agroalimentare è responsabile del 23% del PIL brasiliano, e ha contribuito a portare il presidente Jair Bolsonaro al potere durante le recenti elezioni nazionali.

A poche ore dall’assunzione della carica, Bolsonaro ha iniziato ad mettere in atto una serie di misure per minare la salvaguardia ambientale del paese. Con un ordine esecutivo ha trasferito la responsabilità di definire i confini dei territori indigeni dalla fondazione indiana nazionale, il FUNAI, al Ministero dell’Agricoltura, avocando al governo una funzione di competenza di un organo più indipendente.

Una raffica di annunci e misure arrivate a breve distanza ha portato avanti un’agenda che rispecchia gli interessi del settore agroindustriale ed erode la forza negoziale di coloro che ostacolano la distruzione delle preziose foreste pluviali e delle savane brasiliane.

Nel primo mese della presidenza Bolsonaro, la deforestazione in Amazzonia è  aumentata del 54% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Ma non è soltanto una responsabilità interna: c’è un enorme flusso commerciale di beni agricoli che contribuisce a causare violazioni dei diritti umani e land grabbing. Un flusso che porta dritto all’Europa. I paesi dell’UE messi insieme sono infatti la principale fonte di investimenti diretti esteri del Brasile e l’UE è il secondo partner commerciale del paese, con il 18,3% degli scambi commerciali.

L’industria della soia e della carne di manzo sono le principali responsabili degli abusi e della deforestazione, e nel 2017 l’UE ha ottenuto per il 42% dal Brasile questi due prodotti. Inoltre, l’UE sta negoziando un accordo di libero scambio con il blocco commerciale del Mercosur, di cui il Brasile è il membro più grande e potente.

Tenuto conto di tutto ciò, l’UE si trova in una ottima posizione per esercitare pressioni finanziarie sul lato della domanda che potrebbero fungere da freno per Bolsonaro. Perché ha deciso di non farlo?

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente

Rifiuti processo Resit: Cassazione conferma 18 anni a Cipriano Chianese, inventore ecomafie

Legambiente: “Soddisfazione per la conferma delle condanne. Continueremo nostro lavoro di denuncia e impegno per la rinascita della Terra dei fuochi”

Antonio Gramsci: tra resistenza sociale e resilienza ambientale

Nel 130esimo anniversario della nascita dell'uomo politico, viaggio alla riscoperta del suo pensiero e delle sue "intuizioni" ecologiste. Per comprendere come affrontare le sfide del presente

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente

Rifiuti processo Resit: Cassazione conferma 18 anni a Cipriano Chianese, inventore ecomafie

Legambiente: “Soddisfazione per la conferma delle condanne. Continueremo nostro lavoro di denuncia e impegno per la rinascita della Terra dei fuochi”

Antonio Gramsci: tra resistenza sociale e resilienza ambientale

Nel 130esimo anniversario della nascita dell'uomo politico, viaggio alla riscoperta del suo pensiero e delle sue "intuizioni" ecologiste. Per comprendere come affrontare le sfide del presente

Sardegna da tutelare: firmato l’accordo tra la famiglia Abbado e Legambiente

Presentato oggi il progetto il cui obiettivo è promuovere programmi di tutela dell’ambiente e di ricerca nel terreno ad Alghero di Claudio Abbado, famoso direttore d’orchestra scomparso nel 2014. Un'area protetta negli anni per i suoi valori naturalistici

Le armonie della bellezza, presentazione dell’accordo sul terreno di Claudio Abbado

Appuntamento domani, 21 gennaio, alle ore 11.00 sulle pagine Facebook di Legambiente e della Nuova Ecologia e sul sito della Nuova Ecologia