Il rientro in Svizzera dei primi uccelli migratori

Tra i messaggeri dell’arrivo della stagione di fioritura ci sono il merlo, diverse specie di rapaci notturni, il falco pellegrino e il gipeto barbuto

L'immagine di un uccello migratorio rientrato in Svizzera

La primaverà iniziera tra un mese, ma i primi uccelli migratori stanno già iniziando a tornare in Svizzera, volando soprattutto di notte. A segnarlo sono i rilevamenti effettuati dalla Stazione ornitologica svizzera di Sempach, a Lugano. Tra i primi messaggeri della stagione di fioritura c’è il merlo, il cui rientro verso il Paese elvetico è una consuetudine già sul finire di febbraio.

A battere lo stesso percorso sono anche i rapaci notturni come il gufo reale e la civetta bubolano. Il falco pellegrino svolge invece i suoi voli nuziali, mentre il corvo comune è impegnato a costruire il suo nido. Il più precoce è il gipeto barbuto:
la deposizione del suo unico uovo avviene già da gennaio, o  addirittura da dicembre.

Nell’ultima settimana il numero di uccelli individuati è aumentato significativamente. La  loro direzione di volo a nord-est indica che si tratta dei primi migratori che hanno trascorso l’inverno nel Mediterraneo. Mentre quelli che  svernano in Africa tropicale inizieranno il loro pericoloso rientro verso la Svizzera tra circa un mese.