martedì 30 Novembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Tutte le ragioni del Forum sulle disuguaglianze e le diversità

Forum disuguaglianze diversità

Nel 2017 l’1% più ricco della popolazione mondiale si è impossessato dell’82% della ricchezza. Il dato presentato da Oxfam è solo l’ultimo eclatante conferma della escalation nell’aumento delle disuguaglianze, che perfino nel recente vertice di Davos ha suscitato più di qualche preoccupazione. La ripresa economica, infatti, sembra consolidata (+3,9% nel 2018 per l’economia mondiale) eppure nell’indagine presentata dal World Economic Forum a Davos è diffusa la preoccupazione tra gli esperti che due grandi rischi incombono sulla ripresa: i rischi di guerra, provocati da conflitti politici ed economici, e gli effetti nefasti dell’aumento delle disuguaglianze.

Se lo dicono anche a Davos, allora vuol proprio dire che non è un’invenzione di una vetero sinistra che insegue fantasmi novecenteschi … E la situazione italiana non fa eccezione.

Il Forum sulle disuguaglianze e le diversità nasce da qui, promosso dalla Fondazione Basso insieme ad altre 7 organizzazioni (Legambiente, Caritas, Action Aid, Cittadinanzattiva, Uisp, cooperativa Dedalus, Fondazione di comunità Messina) e 32 ricercatori ed esperti, vuole mettere insieme i saperi prodotti dall’associazionismo sociale ed ambientalista e quelli prodotti dalla ricerca con una prospettiva che va molto al di là di un approccio solo economico.

Un’operazione ambiziosa che punta a mettere a disposizione del grande pubblico le conoscenze sulle cause dell’esplosione delle disuguaglianze, che rendono fragile la prospettiva dello sviluppo, che vuole raccogliere le esperienze che già oggi rappresentano un antidoto e che vuole produrre proposte per i decisori, per la politica.

Ma il Forum vuole anche indagare sui tanti aspetti che nel dibattito pubblico non vengono comunemente trattati. Le disuguaglianze, ad esempio, non hanno solo effetti negativi sullo sviluppo economico, ma contribuiscono anche a diffondere un clima di rabbia e di paura, che favorisce l’infiltrazione di forme dirompenti di intolleranza e di razzismo, provocano inaspettate difficoltà nel riconoscimento del ruolo, dei valori, delle aspirazioni della persona. E ancora, quelle che a noi di Legambiente ci sfidano di più, le disuguaglianze hanno acuito la distanza fra i centri urbani e le periferie, fra le aree urbane e quelle rurali, i poveri pagano più di tutti il degrado ambientale, in termini di salute e di perdita del diritto di accesso alla ricchezza comune, mentre il degrado peggiora là dove c’è più povertà. E così, oggi, la rapida e forte riduzione delle disuguaglianze ha molto a che vedere con la coesione sociale, con i diritti, con la possibilità materiale di godere dei beni comuni, con la riqualificazione ambientale con il diritto di godere della bellezza, che ha molto a che fare con la qualità della vita e con la felicità. Tutti aspetti che ci obbligano a declinare in modo diverso dal Novecento il tema della giustizia sociale.

Insomma si sta costruendo un luogo in grado di produrre e promuovere proposte per l’azione pubblica che favoriscano la realizzazione dell’articolo 3 della Costituzione Italiana, che investe la Repubblica del compito di rimuovere gli ostacoli che limitano la libertà e l’uguaglianza dei cittadini.

info www.forumdisuguaglianzediversita.org

Articoli correlati

LA LOTTA È SPERANZA. PRESENTAZIONE DI NUOVA ECOLOGIA DI DICEMBRE

DALLE 15:00. Introduce e modera Francesco Loiacono, direttore di Nuova Ecologia, intervengono: Mauro Albrizio, ufficio europeo di Legambiente, Tiziana Guerrisi, fondatrice Next New Media, Grazia Forino, attivista e volontaria del progetto Youth4Climate, Antonio Nicoletti, responsabile aree protette e biodiversità di Legambiente, e i giornalisti di Nuova Ecologia Fabio Dessì, Rocco Bellantone, Giulia Assogna. Durante la presentazione Gianlorenzo Ingrami realizza delle vignette in diretta

“La lotta è speranza”, il numero di dicembre de La Nuova Ecologia

La sfida della crisi climatica post Glasgow, le 100 notizie verdi del 2021, l’intervista allo scrittore Paolo Cognetti, l’inchiesta sui Parchi a 30 anni dalla legge quadro che istituì le aree protette in Italia e molto altro. La presentazione oggi alle ore 15.00 sul sito e sui canali social

Inquinamento fiumi in Campania, sequestrati beni per 78 milioni alla società Gesesa

Le indagini hanno rilevato la presenza diffusa di scarichi diretti dalle fogne dei Comuni di Benevento e della provincia nel Calore e nel Sabato

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Economia circolare, 200 cittadini attivi in tutta Italia per il progetto “New Life”

Sostenuto da Crédit Agricole Italia e Legambiente, è volto alla riqualificazione urbana ma comprende anche tutorial con consigli per stili di vita sostenibili, dalla cucina degli scarti alla cosmesi naturale

FORUM QUALENERGIA SICILIA

Dalle 9.30 Forum Qualenergia Sicilia in diretta da Palermo. Un’occasione per confrontarsi con il mondo delle rinnovabili, per collaborare nella costruzione di un quadro normativo e di strumenti e azioni finalizzate a supportare il capitale tecnologico e umano necessario allo sviluppo sostenibile dell’isola.

FORUM ECONOMIA CIRCOLARE TOSCANA

Dalle 9,00 la sesta edizione dell'Ecoforum Toscana. L'esperienza virtuosa di Prato circular city che ha come obiettivo l'accelerazione nella transizione ecologica della città. Innovazione e sostenibilità nella mission dei gestori, in attesa del nuovo Prb. Il racconto dai distretti (cartario, tessile, lapideo, vitivinicolo), le politiche per la riduzione degli sprechi, la gestione dei rifiuti urbani e l’analisi dei flussi sugli speciali

Mediateca delle Terre, un archivio per la cultura contadina

Crocevia inaugura a Roma l’Archivio e Mediateca delle Terre: oltre mezzo secolo di storia contadina in duemila filmati, fotografie, diapositive, libri e riviste da tutto il mondo

Agroecologia, la pastora Assunta Valente premiata ambasciatrice del territorio da Legambiente

Il riconoscimento in occasione del III Forum nazionale dell'Agroecologia Circolare di Legambiente. L'imprenditrice, che svolge la sua attività sulla montagna del frusinate al confine con il Parco d’Abruzzo Lazio e Molise, da tempo è vittima di atti intimidatori. L'appello della documentarista Anna Kauber: "Non lasciamola sola"
Ridimensiona font
Contrasto