venerdì 5 Marzo 2021

Acquista

Login

Registrati

La Fabula e l’Arbiciolù, una serie di documentari per raccontare il Piemonte

La vita e le storie di ospiti provenienti da varie zone del Piemonte per promuovere il Monferrato, la cultura e il turismo sostenibile. L’appuntamento con i cortometraggi è ogni giovedì alle ore 20.45 sul canale YouTube CA’ MON 

La quarta edizione di IT.A.CÀ Monferrato, una delle dieci tappe di IT.A.CÀ – Migranti e Viaggiatori, il primo Festival di Turismo Responsabile in Italia, continua il suo viaggio sul web. Nei mesi scorsi di quest’anno contrassegnato dall’emergenza pandemica, gli organizzatori della tappa monferrina hanno portato avanti un’intensa attività videodocumentaristica, con l’intento di raccontare il territorio attraverso la Bio-diversità, tema conduttore dell’edizione 2020 che riguarda non solo l’ambito ecologico, ma in primis la società globale e il sistema socio-economico dominante.

«Nei mesi scorsi – spiega Max Biglia, coordinatore di IT.A.CÀ MONFERRATO – l’emergenza
sanitaria ci ha portato a confrontarci, sia a livello nazionale che locale, su come avremmo potuto realizzare il Festival. A seguito delle riflessioni scaturite, abbiamo deciso di investire la maggior parte delle nostre risorse in un progetto documentaristico che raccontasse il territorio attraverso le persone che lo vivono. Così, appena ne abbiamo avuta la possibilità, abbiamo cominciato le riprese, lavorando all’aperto in contesti che fossero in sicurezza pur mantenendo una forte carica suggestiva. Abbiamo realizzato una serie di interviste che hanno coinvolto ospiti provenienti dall’alessandrino, dall’astigiano, ma anche dal resto del Piemonte, con l’obiettivo di abbattere le barriere mentali, promuovendo il Monferrato e tutti quei valori che mettono al centro le persone e che, per questo, sono universali. Mentre giravamo, il lavoro si è progressivamente evoluto ed arricchito grazie all’apporto di idee dei tanti che ci hanno motivato e sostenuto. Il risultato sono più di venti cortometraggi che da ottobre vengono diffusi, a cadenza periodica (ogni giovedì alle ore 20.45 sul canale YouTube CA’ MON) e sui nostri canali social».

Il ciclo di cortometraggi La Fabula e l’Arbiciolù è un’idea di Max Biglia, un progetto, un gioco di pazienza curato da Confraternita degli Stolti e Il Picchio, associazioni culturali che hanno il desiderio di aprirsi per abbandonare ogni gravità, creando progetti, opportunità,
incontri, dibattiti e occasioni per riflettere, crescere e condividere. Il piano di lavoro ha la
preziosa collaborazione del videomaker Marco Balestra.

La Fabula e l’Arbiciolù, è una storia fatta di storie; è il racconto che si intreccia con una meravigliosa espressione dialettale che indica un individuo particolarmente ardito, vivace, intraprendente, con la voglia di “sconfinare”. Una serie di documentari dove poter scoprire luoghi e culture, confini immaginari, acrobati controvento e piacevoli diversità. Ogni puntata è quindi un viaggio attraverso il cuore del territorio, attraverso le parole di chi lo vive e sa raccontarne temi e qualità lungo il filo della Bio-diversità e delle sue molteplici sfaccettature. Sono inserite anche “réclame culturali”, in cui si dà spazio alla musica e al teatro, rendendo ancora più poetico e suggestivo il racconto corale.
«Tutto è semplice e molto misurato – spiega Biglia – ma con quel bisogno di saper ascoltare e attendere, tra chiaroscuri straordinari, talvolta imprevedibili, meravigliosi. Non accontentarsi e mettersi in cammino per raggiungere il punto più alto, che richiede una buona dose di coraggio, intelligenza, predisposizione ma anche una prudente immaginazione. Osservare le prospettive di un luogo, della natura, delle genti, significa persuadere la propria mente che metro dopo metro, il punto più alto si avvicina e si cominciano a delineare i dettagli che caratterizzano quelle stesse prospettive di inaspettata bellezza. Partire e restare, due dimensioni, due verbi inseparabili, l’uno presuppone l’altro e ogni viaggiatore lo sa, anche chi viaggia attraverso un buon libro, la propria fantasia, un’opera d’arte oppure percorrendo sconfinate colline, campi e scoscese stradine ghiaiose dalle emozioni inspiegabili, che solo saggiandole rispettosamente, si possono davvero comprendere.

«È la nostra IT.A.CÀ qui, in Monferrato ma non solo – conclude Biglia –, evento inserito all’interno della rassegna “IT.A.CÀ – migranti e viaggiatori”, festival che in Italia si occupa di turismo responsabile, innovazione turistica e cultura. Impegno, bene comune, empatia, diritti e doveri universali in un tempo complesso ma anche ricco di fermento e di occasioni per un cambiamento, non semplice, forse utopico, sicuramente necessario, che deve inevitabilmente partire e avere centro e motore in ogni singola persona. Una promessa, la passione, un vento che scompiglia e l’aria di casa che si ricombina a cui rivolgere lo sguardo con disobbedienza, creatività, ottimismo e avventatezza».
L’appuntamento con i cortometraggi di La Fabula e l’Arbiciolù è ogni giovedì alle ore 20.45 sul canale YouTube CA’ MON

Per ulteriori informazioni: www.festivalitaca.net

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Berta Caceres, cinque anni in cerca di verità e giustizia

Avrebbe compiuto 50 anni ieri la leader indigena assassinata nel 2016 da un gruppo armato. A 5 anni dalla sua “semina” tante le iniziative lanciate dal Copinh. Come #unalberoperlavita, in memoria di chi è stato ucciso nel mondo per difendere ambiente e beni comuni

Città e mobilità sostenibili: il motore per il rilancio del Paese

Dall’8 marzo al 10 aprile la campagna di Legambiente 'Clean Cities: ripartiamo dalle città' per accelerare le politiche locali verso la transizione ecologica. Un viaggio di 14 tappe per una mobilità più sicura, più elettrica e più condivisa

Ambiente, Cingolani: “La transizione ecologica sia globale e antropologica”

Intervenuto alla Conferenza preparatoria della Strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile il ministro della Transizione Ecologica ha illustrato le sfide che il nuovo dicastero dovrà affrontare: “La visione è globale, ma le soluzioni devono essere innestate nel tessuto locale”

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Pnrr, Pefc Italia: “Cruciali gli investimenti nel settore del legno e delle foreste”

Investire nei materiali di origine legnosa per gli edifici, puntare sullo stoccaggio di CO<sub>2</sub> per contrastare la crisi climatica e incentivare la gestione attiva di boschi e foreste. Sono queste alcune proposte che Pefc Italia, ente promotore della gestione sostenibile delle foreste, avanza in occasione della revisione della prima bozza del Pnrr

Italiana Coke condannata dal Consiglio di stato ad adeguare l’impianto della Val Bormida

L'azienda impegnata nella distillazione di carbone fossile di importazione dovrà attenersi alle prescrizioni previste dall’Autorizzazione integrata ambientale. Soddisfatta Legambiente Liguria: “Servono garanzie rispetto alla gestione e al sostegno dei costi di bonifica del sito perché troppo spesso questi sono rimasti a carico del pubblico”

Anagni, tramonta l’idea di un parcheggio nell’area archeologica di Piscina

Con la delibera di Giunta del 16 febbraio scorso l’amministrazione comunale ha definitivamente abbandonato l’idea. Rita Ambrosino, presidente di Legambiente Anagni: “Soddisfatti di questa decisione”

Fukushima 10 anni dopo. Il nuovo numero di Nuova Ecologia

Si intitola "Uscita di sicurezza" il numero di marzo del mensile dedicato al nucleare e al deposito di rifiuti radioattivi che dovrà essere realizzato in Italia. Oggi alle 11.30 la presentazione in diretta sulle pagine Facebook di Legambiente e La Nuova Ecologia e su lanuovaecologia.it

Nessuna transizione senza trasformazione

Editoriale del direttore Francesco Loiacono al numero di marzo della Nuova Ecologia
Ridimensiona font
Contrasto