martedì 11 Maggio 2021

Acquista

Login

Registrati

Trivelle, via libera dal ministero della Transizione ecologica a 7 progetti di estrazione

Nelle ultime settimane il nuovo dicastero ha firmato sette decreti di Valutazione di impatto ambientale che riguardano rinnovi di concessioni, progetti di messa in produzione di pozzi e di perforazione, sia su piattaforma che onshore. La reazione di Legambiente, Greenpeace e Wwf: “Atti concreti dal Governo per una emancipazione definitiva dalle fonti fossili”

Nelle ultime settimane il ministero della Transizione ecologica ha firmato sette decreti di Valutazione di impatto ambientale (Via) che riguardano rinnovi di concessioni, progetti di messa in produzione di pozzi e di perforazione, sia su piattaforma che onshore. Come spiega ilfattoquotidiano.it, si tratta, nello specifico, del rinnovo delle concessioni minerarie ‘Barigazzo’ e ‘Vetta’, in Emilia Romagna, per la coltivazione di idrocarburi gassosi, dei progetti di messa in produzione del pozzo a gas naturale ‘Podere Maiar 1dir’ (nell’ambito della concessione di coltivazione ‘Selva Malvezzi’, sempre in Emilia Romagna) e del giacimento per la coltivazione di idrocarburi ‘Teodorico’, fra l’Emilia Romagna e il Veneto. A questi si aggiungo i progetti di perforazione di tre pozzi, nell’ambito di concessioni di coltivazione di petrolio e gas già esistenti: il pozzo ‘Calipso 5 Dir’ nelle Marche, il pozzo ‘Donata 4 Dir’, fra Marche e Abruzzo e il pozzo esplorativo Lince, in Sicilia.

In merito a queste decisioni arriva una ferma presa di posizione in senso contrario da parte di Legambiente, Greenpeace Italia e Wwf. “In merito all’esito positivo delle Valutazioni di impatto ambientale (Via) approvate dal MiTE nelle scorse settimane e che riguardano alcuni rinnovi di concessioni di coltivazione per l’estrazione di idrocarburi, alcuni progetti di messa in produzione di pozzi già realizzati e la perforazione di nuovi pozzi in aree di coltivazione già autorizzate, Greenpeace Italia, Legambiente e Wwf sottolineano come il problema sia a monte, come più volte evidenziato dalle associazioni ambientaliste nel passato, e non a valle di procedimenti tecnici come la Via”, si legge in una not congiunta.

“Manca infatti in Italia una legge analoga a quelle approvate in Francia e, recentemente, in Danimarca (uno dei maggiori produttori di petrolio della UE) che stabilisca un chiaro termine ultimo di validità delle concessioni di coltivazioni in essere e che preveda, di conseguenza, un fermo di tutte le attività ad esse correlate oltre che un fermo delle autorizzazioni per nuove attività di ricerca e prospezione degli idrocarburi”, prosegue la nota.

Manca in Italia una legge analoga a quelle approvate in Francia e, recentemente, in Danimarca che stabilisca un chiaro termine ultimo di validità delle concessioni di coltivazioni in essere e che preveda, di conseguenza, un fermo di tutte le attività ad esse correlate oltre che un fermo delle autorizzazioni per nuove attività di ricerca e prospezione degli idrocarburi
– Legambiente, Greenpeace Italia, Wwf

“Queste nuove autorizzazioni non vanno proprio bene seppur riferite a procedimenti in corso da anni” – dichiarano le associazioni – Ora più che mai ci attendiamo misure e atti concreti dal Governo per una emancipazione definitiva dalle fonti fossili del nostro Paese dotandoci da subito di una exit strategy dalle trivellazioni, investimenti per una svolta davvero verde – grazie anche alle risorse del Next Generation EU – e non lo svincolo di permessi per le fossili. Per rispettare gli obiettivi dell’European Green Deal Greenpeace Italia, Legambiente e Wwf chiedono alle forze politiche di governo una scelta di campo chiara, netta e coerente con l’obiettivo europeo del conseguimento della neutralità climatica entro il 2050″.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Inquinamento da traffico: le regioni si muovono in ordine sparso

Nuove misure straordinarie per Emilia Romagna, Piemonte e Veneto. Una risposta alla sentenza della Corte di Giustizia europea che ha condannato l'Italia per "violazione sistematica e continuata" delle norme

Clima, le ondate di calore marine devastano gli ecosistemi

La "febbre" sta affliggendo gli oceani e il cambiamento climatico la sta peggiorando. Gli scienziati studiano per prevedere quando colpiranno

RAPPORTO CAVE 2021

La Transizione dell'economia circolare nel settore delle costruzioni

Seguici sui nostri Social

16,978FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Inquinamento da traffico: le regioni si muovono in ordine sparso

Nuove misure straordinarie per Emilia Romagna, Piemonte e Veneto. Una risposta alla sentenza della Corte di Giustizia europea che ha condannato l'Italia per "violazione sistematica e continuata" delle norme

RAPPORTO CAVE 2021

La Transizione dell'economia circolare nel settore delle costruzioni

Cave, in Italia 29 milioni di metri cubi di sabbia e ghiaia estratti all’anno

Sono 4.168 le autorizzate, 14.141 le dismesse o abbandonate. L'appello di Legambiente: “Ridurre il prelievo da cave accelerando nella direzione dell’economia circolare”. Oggi alle 15 in diretta streaming la presentazione del dossier Rapporto Cave 2021

Quando le auto elettriche costeranno meno?

Il report di Bloomberg New Energy Finance e Transport & Environment mostra come passare al 100% elettrico per auto e furgoni nuovi tra il 2030 e il 2035 è fattibile in tutti i Paesi dell'UE: tutto dipende dalle scelte che farà la politica

In Sicilia, il crollo della Grotta delle piscine a Realmonte non sarà l’ultimo

Il dissesto idrogeologico rientra in fenomeni naturali che interessano certe tipologie di coste. Legambiente Sicilia: "In un immediato futuro, in particolare per l’innalzamento del livello marino avremo sempre di più a che fare con questi eventi"
Ridimensiona font
Contrasto