giovedì 29 Luglio 2021

Acquista

Login

Registrati

Il 29 maggio in Trentino il primo concerto climate positive

L’iniziativa si chiama TreeTicket e sarà il primo evento musicale per assistere al quale si pagherà in alberi. A Malga Costa in Val di Sella, nella cornice della foresta artistica di Arte Sella, si esibiranno il violoncellista Mario Brunello e Stefano Mancuso

Sarà il primo concerto “climate positive” che si paga in alberi. L’iniziativa si chiama TreeTicket e consiste nell’organizzazione di un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della foresta artistica di Arte Sella il prossimo 29 maggio, con un doppio appuntamento per massimo 40 persone ciascuno, alle ore 14 e alle 17.

Alberi adottati dal pubblico come biglietto di accesso

Si tratta anche del primo evento “climate positive”: gli alberi adottati dal pubblico come biglietto di accesso verranno in seguito piantati nell’area circostante, colpita nel 2018 dalla tempesta Vaia, per catturare più CO2 di quella emessa dall’evento stesso e per lasciare all’ambiente un “tesoretto verde”, un nuovo bosco in grado di restituire nel tempo biodiversità al territorio, di catturare più anidride carbonica e di filtrare meglio l’acqua piovana nella falda.

Mario Brunello e Stefano Mancuso saranno protagonisti di un’indagine “musical-vegetale”, nata in passato nell’ambito del festival dell’economia circolare Recò, che prende corpo dall’ultimo movimento della Seconda Partita in re minore per violino solo di Bach. L’opera conta su un’architettura basata sulla variazione che si costruisce pian piano su se stessa, proprio come una pianta e possiede una vita e un respiro analoghi a quelli di un albero. L’originale iniziativa è promossa dalla trentina Acqua Levico “The climate positive water” che si impegna a piantare e a prendersi cura degli alberi adottati, mentre il primo esperimento di TreeTicket è organizzato da Etifor, spin-off dell’Università di Padova che si occupa su scala globale di valorizzazione del patrimonio forestale per enti pubblici e privati, in collaborazione con Arte Sella.

“Con questo evento – spiega Mauro Franzoni, presidente di Levico – abbiamo inteso estendere il nostro approccio climate positive, ovvero capace di ridare all’ambiente più di quanto impatti l’attività, anche ad altri settori con lo scopo di diffondere una cultura climate positive, perseguibile da qualsiasi azienda, ente pubblico o associazione, in Italia e nel mondo. In questo caso, abbiamo voluto sostenere anche l’ambito artistico, che ha particolarmente sofferto le conseguenze della pandemia e che trova un grande interprete in Arte Sella, una foresta-galleria d’arte contemporanea a cielo aperto, tra le poche realtà in grado di coniugare eticamente arte e natura”.

Gli spettatori, una volta acquistato il biglietto dall’organizzatore del concerto, in questo caso da Arte Sella al sito www.artesella.it, scaricano dalla piattaforma di riforestazione in crowdfunding www.wownature.eu l’attestato di adozione dell’albero, che andrà poi presentato all’evento per potervi accedere. I titolari del biglietto, quindi dell’albero, verranno poi invitati nei mesi successivi all’evento di messa a dimora delle piante.

Dalle Alpi alla Sicilia

L’evento pilota in Val di Sella è anticipato da un test in Sicilia, nella food forest “Saja” a Paternò, in data 18 aprile 2021 alle ore 18 con il concerto “Phonosynthesis” che vede sul palco Roy Paci e Angelo Sicurella. Il concerto, che sarà trasmesso in live streaming dalla pagina Facebook di Roy Paci, durerà in base alla quantità di alberi adottati fino alla fine dell’evento: più grande è il nuovo bosco che si verrà a creare, più a lungo durerà il concerto. L’obiettivo è raggiungere i 1.200 nuovi alberi per Saja per un’ora di concerto.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Napoli, maxi operazione contro i datterari: 18 arresti

123 indagati, 245 capi di imputazione, 3mila euro di danno per metro quadrato, oltre 6 chilometri di costa devastata. Sono i numeri della vasta operazione portata a termine  dalla Procura di Torre Annunziata e dalla Capitaneria di Porto

Il naufragar m’è dolce in questo mare (di libri)

Dal mensile. Da Omero alla letteratura contemporanea del Nord Europa, dai romanzi di Melville alle poesie di Rimbaud. Un’immersione nelle profondità della letteratura

Un oceano in miniatura

Dal mensile. Il Mediterraneo è un distillato di tutte le sfide e le contraddizioni che ritroviamo su scala globale, dalle temperature medie sempre più calde all’invasione di specie aliene

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Napoli, maxi operazione contro i datterari: 18 arresti

123 indagati, 245 capi di imputazione, 3mila euro di danno per metro quadrato, oltre 6 chilometri di costa devastata. Sono i numeri della vasta operazione portata a termine  dalla Procura di Torre Annunziata e dalla Capitaneria di Porto

Il naufragar m’è dolce in questo mare (di libri)

Dal mensile. Da Omero alla letteratura contemporanea del Nord Europa, dai romanzi di Melville alle poesie di Rimbaud. Un’immersione nelle profondità della letteratura

Un oceano in miniatura

Dal mensile. Il Mediterraneo è un distillato di tutte le sfide e le contraddizioni che ritroviamo su scala globale, dalle temperature medie sempre più calde all’invasione di specie aliene

Roberto Danovaro: “Per vivere bene sul pianeta abbiamo bisogno dell’oceano sano”

Dal mensile. Professore di Biologia marina e presidente della Stazione zoologica “Anton Dohrn”, spiega perché è importante studiare i mari e quanto resta ancora da fare per tutelare quelli italiani

Scrigno d’acqua

Dal mensile. Biodiversità, cibo, energia, materie prime. I servizi ecosistemici che rendono possibile la vita sulla Terra possono nutrire l’economia del futuro. Se gli ecosistemi marini saranno ben tutelati
Ridimensiona font
Contrasto