venerdì, Ottobre 23, 2020

Trattamento a zero emissioni, l’impianto progettato da ECO-PV ed Enea

“Ci auguriamo che le norme sul fotovoltaico siano chiare e stringenti, a tutela della filiera legale del riciclo. Investiamo risorse per innovarci e per offrire standard elevatissimi a tutela dell’ambiente, ci aspettiamo che il legislatore fornisca in tempi rapidi adeguate risposte normative”. È il monito lanciato da Damiano Zilio, amministratore delegato del Consorzio ECO-PV, nel commentare la proficua collaborazione scientifica con Enea il cui prossimo obiettivo è mettere a sistema il funzionamento di un impianto di trattamento a zero emissioni, al momento operativo in via sperimentale.

Damiano Zilio, amministratore delegato del Consorzio ECO-PV

La parola chiave di questo processo virtuoso è “fotovoltaico”. In pratica, ECO-PV ed Enea puntano a industrializzare un processo innovativo per il trattamento dei moduli fotovoltaici a fine vita finalizzato al recupero, il più efficiente ed ecosostenibile possibile, delle materie prime seconde. E dare così concretezza ai principi che sono alla base dell’economia circolare e dell’end-of-waste.

Alimentati da questo spirito innovativo, nel 2018 ECO-PV ed Enea sono riusciti a vincere due bandi: uno del ministero dell’Ambiente per il cofinanziamento di progetti di ricerca finalizzati allo sviluppo di nuove tecnologie di recupero, riciclaggio e trattamento dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche; l’altro, il “Proof of Concept”, finanziato dall’Ente stesso e finalizzato alla realizzazione di progetti innovativi scalabili a livello industriale. Bandi che hanno consentito al Consorzio ECO-Pv di realizzare l’impianto di trattamento a emissioni zero, e dunque completamente ecosostenibile, che ora si vuole rendere funzionante a tutti gli effetti.

Il know-how di ENEA, insieme all’esperienza in campo industriale di ECO-PV, hanno permesso di ingegnerizzare un processo in cui l’efficienza di recupero dei materiali è superiore al 95%. Rispetto a quelli già brevettati e a quelli attualmente implementati negli impianti commerciali, questo tipo di trattamento risulta più efficiente da un punto di vista energetico e completamente ecosostenibile, essendo ad emissioni zero. Massimizzare il recupero e il riciclo dei materiali costitutivi dei rifiuti fotovoltaici è il goal del Consorzio, che intende, nel prossimo futuro, impiegare a livello industriale questo processo rendendolo il nuovo standard di riferimento per il settore.

In questa “partita” il ruolo giocato da ECO-PV è centrale. Si tratta del primo consorzio italiano nato nel 2012 dai maggiori operatori di mercato per soddisfare le esigenze del settore fotovoltaico, conforme agli obblighi dettati dalle normative in vigore, e dall’anno successivo inserito nella prima lista dei soggetti riconosciuti idonei dal GSE per lo smaltimento dei moduli a fine vita. Oggi ECO-PV è in grado di offrire i propri servizi su tutto il territorio nazionale dopo aver selezionato nel corso degli anni dall’Albo Nazionale Gestori Ambientali gli operatori più compatibili con la propria visione rivolta al futuro.

E adesso, con questo fruttuoso percorso di ricerca avviato con Enea, punta a offrire ancora di più per un’efficienza industriale che sia sempre più rispettosa dell’ambiente.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

SOSTIENI IL MENSILE 

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Ciclo-Via Appenninica: 2 milioni di euro per la cartellonistica dell’itinerario

L'Appennino Bike Tour sarà inaugurato entro il 2021: un percorso in bici ben segnalato che unirà la Liguria alla Sicilia, valorizzando borghi, cultura e paesaggi italiani

Giappone, obiettivo emissioni zero entro il 2050

Lo annuncia il Primo Ministro Yoshihide Suga. Pressioni sulle aziende inquinanti, ora il futuro del Paese è in mano alle rinnovabili

Riforma Pac: un’ecotruffa scoraggiante firmata Ue

Il Parlamento Europeo e il Consiglio AgriFish con le loro posizioni sulla riforma della Politica Agricola Comune (PAC) hanno decretato una battuta di arresto del percorso di attuazione del Green Deal europeo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
20,882FollowersFollow

Gli ultimi articoli

Ciclo-Via Appenninica: 2 milioni di euro per la cartellonistica dell’itinerario

L'Appennino Bike Tour sarà inaugurato entro il 2021: un percorso in bici ben segnalato che unirà la Liguria alla Sicilia, valorizzando borghi, cultura e paesaggi italiani

Giappone, obiettivo emissioni zero entro il 2050

Lo annuncia il Primo Ministro Yoshihide Suga. Pressioni sulle aziende inquinanti, ora il futuro del Paese è in mano alle rinnovabili

Riforma Pac: un’ecotruffa scoraggiante firmata Ue

Il Parlamento Europeo e il Consiglio AgriFish con le loro posizioni sulla riforma della Politica Agricola Comune (PAC) hanno decretato una battuta di arresto del percorso di attuazione del Green Deal europeo.

In Italia 598 Comuni rifiuti free, in crescita quelli del Sud

Legambiente premia i Comuni Ricicloni 2020. Il Nord Est guida la graduatoria grazie a porta a porta e tariffazione puntuale, con Veneto e Trentino Alto Adige le regioni più virtuose. In risalita il Meridione, mentre resta stabile l'andamento del Centro. I risultati dell'indagine

Recovery plan, “Un investimento per il futuro dei nostri figli”

Il sottosegretario del ministero dell’Ambiente Roberto Morassut indica la direzione prevista per i fondi in arrivo dalla Commissione europea. Tra le priorità gli impianti per la rigenerazione dei rifiuti, una maggiore applicazione del Gpp e l’emanazione di nuovi decreti End of waste