sabato 4 Dicembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Trasporti da alleggerire

immagine di una marmitta che scarica gas

Finalmente la Commissione europea completa la sua agenda per un sistema di mobilità pulita, proponendo per la prima volta norme di emissioni di CO2 per i veicoli pesanti, che nel 2025 dovranno essere inferiori del 15% rispetto al livello del 2019. Per il 2030 si propone l’obiettivo di riduzione di almeno il 30% rispetto al 2019, da rivedere entro il 2022. Un passo importante, ma inadeguato rispetto agli obiettivi dell’Accordo di Parigi. I trasporti rappresentano il maggiore problema climatico in Europa con il 27% delle emissioni complessive. E sono l’unico settore la cui crescita non si arresta. In particolare per quanto riguarda i veicoli pesanti, responsabili del 27% delle emissioni del trasporto su strada sebbene rappresentino solo il 5% dei veicoli circolanti. Rispetto al 1990, le emissioni dei veicoli pesanti sono invece aumentate del 25%. E l’Agenzia europea dell’ambiente prevede per il 2030 un’ulteriore crescita fino al 32%. Di fronte a questo scenario si è costituita un’insolita alleanza, che chiede obiettivi più ambiziosi. Multinazionali, grandi imprese di autotrasporto, un gruppo di governi capitanati da due Paesi produttori di veicoli pesanti come Francia ed Olanda, ambientalisti come il network europeo Transport & Environment chiedono di aumentare l’obiettivo di riduzione per il 2025 al 24% rispetto al livello del 2015 (circa il 21% rispetto al 2019) e di introdurre un nuovo obiettivo del 5% per le vendite di mezzi pesanti a zero-emissioni.
L’Europa, in questo modo, si metterebbe al passo con la normativa già esistente in Canada, Cina, Giappone e Stati Uniti. E grazie all’immissione sul mercato di mezzi più efficienti farebbe risparmiare agli autotrasportatori europei ben 7.770 euro l’anno sul costo del carburante. Un altro esempio di come l’azione per il clima fa bene anche all’economia.

Mauro Albrizio
Mauro Albrizio è responsabile dell'ufficio europeo di Legambiente a Bruxelles

Articoli correlati

Anna Giordano è l’ambientalista dell’anno 2021

La “signora dei falchi” vince la consultazione online e riceve il riconoscimento promosso da Legambiente e Nuova Ecologia intitolato a Luisa Minazzi giunto alla sua quindicesima edizione

EcoForum Veneto

Dalle 9.15 la diretta di EcoForum Veneto

Rinnovabili, nel 2026 saranno il 95% delle nuove fonti energetiche installatate

Lo prevede il nuovo rapporto dell'Iea, l'Agenzia internazionale dell'energia. Oltre la metà di questa energia verde sarà coperta dal fotovoltaico. E già il 2021 si chiuderà con un record con 290 gigawatt di nuova potenza installata

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Primo Festival nazionale del riuso: incontri, laboratori e spettacoli

Dall'8 all'11 dicembre a Torino, un'occasione per approfondire i tanti aspetti di un tassello chiave per l'economia circolare

Transizione ecologica, con rinnovabili ed efficienza energetica 1,1 miliardi di risparmio in bolletta

I dati presentati al Forum QualEnergia 2021. Al 2030 previsti 170 mila nuovi posti di lavoro e 150 miliardi di investimenti. Legambiente: "Troppi ritardi ed ostacoli, serve un cambio di passo". Streaming del Forum l'1 e 2 dicembre sui siti dedicati / SCARICA LO STUDIO ELEMENS

FORUM QUALENERGIA 2021. LA DIRETTA

Dalle 10 in diretta streaming i lavori della prima giornata del Forum: “Le opportunità economiche tra PNRR e transizione energetica”

Forum QualEnergia 2021, appuntamento a Roma l’1 e 2 dicembre

A Roma Eventi in Piazza di Spagna due giornate di confronto e dibattito su "Le opportunità economiche tra PNRR e transizione energetica". Il programma dei lavori

Biologico, Coldiretti e Legambiente: “Approvare subito la legge alla Camera dei deputati”

Appello delle associazioni per portare a termine celermente l’iter di approvazione della norma, approvata dal Senato con un solo voto contrario e ancora ferma alla Camera
Ridimensiona font
Contrasto