lunedì 30 Novembre 2020

Trasporti, CIPRA: “Maggior tutela delle Alpi nel traffico di transito”

Nelle prossime settimane il Consiglio dei Ministri dei Trasporti dell’Unione Europea sarà chiamato a occuparsi della revisione della direttiva Eurovignetta/Eurocharging (direttiva sulla tassazione di autoveicoli pesanti adibiti al trasporto di merci su strada per l’uso di talune infrastrutture).

CIPRA Italia, con Club Alpino Italiano, Federazione Nazionale Pro Natura, Federparchi,
Legambiente, Kyoto Club, Mountain Wilderness, WWF Italia e Federazione Protezionisti
Sudtirolesi si è rivolta nei giorni scorsi alla Ministra dei Trasporti On. De Micheli per chiedere che la direttiva in oggetto venga migliorata. Nella direttiva, che consente di assumere importanti provvedimenti nel settore del trasporto merci su strada, infatti, manca ancora un impegno preciso a ridurre i volumi di traffico e a trasferire il traffico merci dalla strada alla rotaia, sebbene ponga particolare attenzione sulla difesa della salute pubblica e sull’importanza delle vie di trasporto transalpine.

Purtroppo l’inquinamento atmosferico e acustico, calati nella fase emergenziale, torneranno ad aumentare, mettendo a rischio la salute della popolazione non solo nelle grandi aree urbane, ma anche nelle valli alpine e lungo i grandi assi di transito. Nel 2019 al Brennero sono stati misurati 2,47 milioni di passaggi di TIR, con un aumento del 1,94% rispetto al 2018. Il 55% di tutte le merci che attraversano le Alpi transitano per il Brennero con conseguenti livelli di inquinamento molto elevati.

“Siamo convinti che per il futuro prossimo le merci debbano utilizzare vettori sempre meno
inquinanti e questa necessità è ancora più impellente per l’attraversamento di zone
particolarmente sensibili come le Alpi – afferma Vanda Bonardo, neo Presidente di CIPRA
Italia, Commissione Internazionale per la protezione delle Alpi, organizzazione della quale fanno parte oltre cento associazioni ed enti impegnati nella salvaguardia del territorio alpino. – Pur apprezzando gli obiettivi della nuova direttiva Eurocharging che mirano a migliorare la situazione ambientale, riteniamo indispensabile un ulteriore sforzo per includere tutti i costi ambientali del trasporto e, soprattutto, in un momento storico come quello che stiamo vivendo, che siano messe in campo tutte quelle politiche utili per il passaggio dei trasporti dalla gomma al ferro”.

Le organizzazioni ambientaliste chiedono alla Ministra dei Trasporti che la direttiva includa
tutti i costi esterni (protezione del clima, della salute, della natura e dell’acqua), confermi la
possibilità di applicare maggiorazioni di pedaggio in aree sensibili come le Alpi o le regioni
densamente popolate e che i pedaggi debbano essere riscossi sempre in funzione dei
chilometri percorsi, applicando così il principio di causalità “chi inquina paga”.
Queste richieste non sono dettate solo dalle attuali esigenze di protezione del clima e della
salute, ma sono anche un impegno assunto dall ́Italia e assieme agli altri Stati alpini e
all ́Unione Europea nella Convenzione delle Alpi, sottoscritta nel 1991, e nel relativo
Protocollo trasporti.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

SOSTIENI IL MENSILE 

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Dissesto idrogeologico in Sardegna: manca un’efficace politica di prevenzione

Dopo i nubifragi, a Bitti (Nu) lunedì 30 novembre il summit dei massimi esponenti della categoria dei geologi

Presentazione della “Nuova Ecologia” di dicembre e della campagna “Unfakenews”

Appuntamento in diretta streaming lunedì 30 novembre alle ore 16:00, per parlare della campagna di Legambiente e “Nuova Ecologia” contro le bufale su ambiente e salute, delle 100 notizie verdi del 2020 e di molti altri contenuti

Coronavirus, a rischio la stagione sciistica. CIPRA: “Occasione per sviluppare un turismo invernale più sano”

La monocultura dello sci non è sostenibile e utilizza 100 milioni di denaro pubblico all'anno. Ma la Commissione Internazionale per la Protezione delle Alpi avverte: la montagna ha molto da offrire oltre alle piste

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,162FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Dissesto idrogeologico in Sardegna: manca un’efficace politica di prevenzione

Dopo i nubifragi, a Bitti (Nu) lunedì 30 novembre il summit dei massimi esponenti della categoria dei geologi

Presentazione della “Nuova Ecologia” di dicembre e della campagna “Unfakenews”

Appuntamento in diretta streaming lunedì 30 novembre alle ore 16:00, per parlare della campagna di Legambiente e “Nuova Ecologia” contro le bufale su ambiente e salute, delle 100 notizie verdi del 2020 e di molti altri contenuti

Coronavirus, a rischio la stagione sciistica. CIPRA: “Occasione per sviluppare un turismo invernale più sano”

La monocultura dello sci non è sostenibile e utilizza 100 milioni di denaro pubblico all'anno. Ma la Commissione Internazionale per la Protezione delle Alpi avverte: la montagna ha molto da offrire oltre alle piste

ECOFORUM VENETO 2020

Quinta Edizione di EcoForum Veneto in diretta streaming dalle 9.30 alle 12.30 IL PROGRAMMA

Messico, attivista ambientale sequestrato da 33 giorni

È Miguel Vasquez, trent'anni in difesa della natura, per bloccare le centrali idroelettriche. Presunti rapitori hanno fatto sparire ogni traccia