sabato 8 Maggio 2021

Acquista

Login

Registrati

Trani, l’evasione gentile
di Puliamo il mondo

pim

«Il nostro obiettivo è rendere protagoniste le periferie in senso lato, sia fisico che sociale». Ecco come Pierluigi Colangelo, presidente di Legambiente Trani, racconta la decisione di mettere gli ultimi e gli emarginati al centro delle manifestazioni organizzate dai circoli di Trani, Bisceglie e Barletta per Puliamo il Mondo. Un’iniziativa nata in collaborazione con le autorità locali e che ha ottenuto il plauso del governo, tanto che all’evento sarà presente anche il ministro della Giustizia  Andrea Orlando.

«Come avviene ormai da dieci anni – dice Colangelo- alla giornata parteciperanno una decina di detenuti degli istituti penitenziari sia maschili sia femminili di Trani: durante tutto l’anno abbiamo fatto attività formativa in carcere, in modo da spiegare l’importanza della raccolta differenziata e il modo corretto di smaltire i rifiuti. Poi ci saranno i bambini delle scuole e le persone con disabilità mentali seguiti dalla Asl, per cui questa è un’occasione di socializzazione e reinserimento. Quest’anno, poi, la partecipazione si allarga a nuovi soggetti. Primo, abbiamo aperto i Cantieri Sociali, un modo per collaborare con i lavoratori socialmente utili. Secondo, abbiamo iniziato a lavorare insieme con l’associazione Migrantes: per la prima volta, circa 40 richiedenti asilo prenderanno parte a Puliamo il mondo. Anche in questo caso, l’idea non è nata dal nulla, ma da un percorso educativo durante il quale abbiamo insegnato ai giovani migranti come raccogliere e differenziare i rifiuti. Saranno con noi anche due mamme svizzere sposate fra di loro, che abbiamo conosciuto grazie a dei progetti internazionali e che verranno a Trani apposta per darci man forte».

Appuntamento quindi il 22 settembre in piazza Giovanni Paolo II (all’angolo con via Andria) a Barletta per l’evento principale. Mentre il 23 verrà il turno di via Falcone e Borsellino, sempre a Trani, dove sono stati piantumati ulivi antichi salvati da un esproprio ma abbandonati all’incuria, e il giorno dopo della passeggiata lungomare di Barletta, resa impraticabile da rifiuti e calcinacci.

Articoli correlati

In Sicilia, il crollo della Grotta delle piscine a Realmonte non sarà l’ultimo

Il dissesto idrogeologico rientra in fenomeni naturali che interessano certe tipologie di coste. Legambiente Sicilia: "In un immediato futuro, in particolare per l’innalzamento del livello marino avremo sempre di più a che fare con questi eventi"

Giornata mondiale degli uccelli migratori, tanti esemplari a rischio

Ricorre l'8 maggio ed è stata creata per sensibilizzare alla tutela della biodiversità e degli habitat in cui l'avifauna vive. Un fine settimana pieno di iniziative

“Bella presenza”: la comunità che educa

Si chiama così il progetto per il contrasto della povertà educativa minorile, in Campania, Piemonte e Toscana. L'appuntamento è online il 26 maggio alle 18

Seguici sui nostri Social

16,978FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

In Sicilia, il crollo della Grotta delle piscine a Realmonte non sarà l’ultimo

Il dissesto idrogeologico rientra in fenomeni naturali che interessano certe tipologie di coste. Legambiente Sicilia: "In un immediato futuro, in particolare per l’innalzamento del livello marino avremo sempre di più a che fare con questi eventi"

“Bella presenza”: la comunità che educa

Si chiama così il progetto per il contrasto della povertà educativa minorile, in Campania, Piemonte e Toscana. L'appuntamento è online il 26 maggio alle 18

Sex and the cancer, contro ogni tabù

C’è un aspetto nella diagnosi di cancro di cui ancora troppo poco si parla: come cambia la sessualità con e dopo il tumore. Appuntamento all’11 maggio con un convegno sul tema

L’87% dei cittadini di Roma e Milano chiede più spazi verdi

È quanto emerge dai dati italiani del sondaggio europeo YouGov, commissionata dal movimento europeo Clean Cities di cui fanno parte Legambiente e Kyoto Club. Firma la petizione per una mobilità a zero emissioni

Dal 2 all’8 maggio la Settimana internazionale sulla consapevolezza del compost

Obiettivo dell'iniziativa, che si conclude l'8 maggio, è creare consapevolezza sui vantaggi dell'uso del compost e del recupero valorizzato di sostanze organiche per la società civile, il suolo e l'ambiente. Anche quest'anno tra i promotori c'è il Consorzio italiano compostatori
Ridimensiona font
Contrasto