martedì, Ottobre 20, 2020

Trame 9 Festival, Ciafani:”La Calabria ancora sul podio degli ecoreati”

Rosybattaglia Stefanociafani

Stefano Ciafani, presidente di Legambiente commenta con Rosy Battaglia, in anteprima nazionale a Trame.9, festival dei libri sulle mafie di Lamezia Terme, i dati del Rapporto Ecomafie che verrà presentato il 4 luglio a Roma: “La Calabria nel 2018 è la terza regione italiana per numero di ecoreati nel ciclo illegale dei rifiuti. Infatti l’8% dei reati sono stati accertati in questa regione: si tratta di oltre 650 reati sui rifiuti. Oltre 1000 persone sono state denunciate e ci sono stati 12 arresti e circa 350 sequestri, praticamente parliamo di una discarica abusiva al giorno. La Calabria, però, sta anche facendo passi avanti: la raccolta differenziata aumenta e si stanno facendo notevoli sforzi per avviare al riciclo sempre più rifiuti. Una regione che dimostra di voler fare bene, ma che ha ancora tante criticità dovute sia alla disattenzione dei cittadini, sia ai Comuni, sia ai comportamenti degli imprenditori”.

Continua Ciafani su salute e sicurezza: “In questo Paese siamo continuamente oggetto di messaggi distorti che fanno sembrare una presunta minaccia quella dei migranti che non è fondata su alcun numero, facendola sembrare come una cosa prioritaria da fronteggiare con una non soluzione tra l’altro come la chiusura dei porti. In realtà sarebbe fondamentale in questo Paese raccontare quali siano le vere emergenze che gravano su tutti i cittadini. L’Italia ha 30 milioni di tonnellate di amianto nelle case di tutti i comuni, questo è un paese dove si smaltiscono illegalmente milioni di tonnellate di rifiuti speciali ogni anno e dove la metà delle popolazioni vive in aree dove l’aria è malsana e respirano malaria con sostanze inquinanti che portano alla morte prematura di 60mila persone ogni anno. Sono circa 5mila i morti per mancate bonifiche dell’amianto e nelle zone inquinate dai rifiuti industriali circa 17 mila persone. L’unico decreto sicurezza che dovrebbe approvare il Governo Italiano – conclude Ciafani- non è quello che è stato approvato dal Governo Conte e promosso dal decreto Salvini ma è un decreto che punta a governare le vere emergenze sanitarie e ambientali del Paese”.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Riforma Pac, il voto non freni l’ambizione ambientale

Dopo la posizione deludente espressa dalla Ministra Teresa Bellanova, appello della Coalizione Cambiamo Agricoltura ai Parlamentari italiani per una scelta responsabile e lungimirante, coerente con il Green Deal europeo

Agroecologia e consumi bio, al voto la riforma della Pac

L'Italia è leader in Europa nel sistema agroalimentare biologico. Le associazioni chiedono che la Politica agricola comune non favorisca il modello intensivo, lontano dagli obiettivi del Green Deal. Ma il Governo sembra voler andare in una direzione opposta

Partecipiamo al futuro cambiando il presente: la crisi climatica

Partecipiamo al futuro cambiando il presente: la crisi climatica. Questo il nome del workshop che si è tenuto in due tempi, sabato 17 e...

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
20,861FollowersFollow

Gli ultimi articoli

Riforma Pac, il voto non freni l’ambizione ambientale

Dopo la posizione deludente espressa dalla Ministra Teresa Bellanova, appello della Coalizione Cambiamo Agricoltura ai Parlamentari italiani per una scelta responsabile e lungimirante, coerente con il Green Deal europeo

Agroecologia e consumi bio, al voto la riforma della Pac

L'Italia è leader in Europa nel sistema agroalimentare biologico. Le associazioni chiedono che la Politica agricola comune non favorisca il modello intensivo, lontano dagli obiettivi del Green Deal. Ma il Governo sembra voler andare in una direzione opposta

Partecipiamo al futuro cambiando il presente: la crisi climatica

Partecipiamo al futuro cambiando il presente: la crisi climatica. Questo il nome del workshop che si è tenuto in due tempi, sabato 17 e...

Ogni anno 630mila morti di origine ambientale

L’inquinamento dell’aria continua a essere la principale minaccia alla salute con oltre 400mila vittime premature ogni dodici mesi. E insieme alla povertà può essere collegato a tassi di mortalità maggiori per Covid-19. I risultati dell'ultimo rapporto dell’Agenzia europea per l’ambiente

Ecosistemi, più precari se sono piccoli e giovani

Lo dice uno studio condotto sul lago di Ocrida, situato nella penisola balcanica e considerato uno dei più antichi della Terra. I ricercatori hanno combinato i dati paleoambientali e paleoclimatici con l'analisi di oltre 150 specie di diatomee fossili