martedì 18 Maggio 2021

Acquista

Login

Registrati

Traffico di rifiuti nel Vallo di Diano, arrestato l’ex “re Mida” Cardiello

Sono sette le persone ritenute responsabili di traffico organizzato di rifiuti e inquinamento ambientale. L’indagine per impedire che la zona diventasse la “nuova terra dei fuochi”

Sette persone, tutte ritenute responsabili di traffico organizzato di rifiuti e inquinamento ambientale. Una in carcere, cinque agli arresti domiciliari e una sottoposta all’obbligo di dimora. Questo il risultato di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip del Tribunale di Potenza su richiesta della Direzione distrettuale antimafia. In carcere Luigi Cardiello, già oggetto di numerose indagini in materia ambientale tra gli anni ’90 e l’inizio degli anni 2000, che gli avevano valso il soprannome di “Re Mida dei rifiuti”.

L’indagine Shamar

L’indagine, denominata “Shamar” (parola ebraica che significa custodire gelosamente), “ha avuto il compito di impedire – scrive la procura – che il Vallo di Diano venisse trasformato nella nuova terra dei fuochi”

L’indagine, denominata “Shamar” (parola ebraica che significa custodire gelosamente), “ha avuto il compito di impedire – scrive la procura – che il Vallo di Diano venisse trasformato nella nuova terra dei fuochi”. Le attività d’indagine coordinate dalla Dda di Potenza e condotte dal nucleo investigativo di Salerno e dai carabinieri di Sala Consilina, costituiscono un autonomo filone dell’inchiesta “Febbre dell’oro nero” relativa a un vasto contrabbando di idrocarburi.

L’ex re Mida Cardiello

Cardiello nell’indagine risulta aver agevolato l’ex compagno d’affari Raffaele Diana nella ricerca di nuovi siti di illecito stoccaggio e sversamento per rifiuti pericolosi frutto di lavorazione industriale, individuati nel Vallo di Diano e tra la Basilicata e la Puglia, in particolare a Tursi (Matera) e a Foggia. “Sebbene – spiega la procura – rispetto al traffico organizzato di rifiuti e inquinamento ambientale non siano stati acquisiti gravi indizi di colpevolezza a carico di Diana, arrestato oggi per altri gravi delitti connessi al citato traffico di idrocarburi, gli iniziali accordi con Cardiello hanno consentito di aprire un nuovo fronte di indagine nei confronti dell’ex Re Mida”. Sono stati così individuati comportamenti illeciti riconducibili a due società del salernitano, una di Polla e l’altra di Sant’Arsenio, che si sarebbero rivolte all’organizzazione criminosa con a capo Cardiello per lo smaltimento illegale dei rifiuti prodotti.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

LOTTA ALL’AGROPIRATERIA E SICUREZZA ALIMENTARE

Il webinar su una riforma necessaria

Reggia di Caserta, i bambini coltivano gli orti didattici

I ragazzini dell’Istituto Calcara di Marcianise (Ce) hanno avviato le prime attività agricole grazie al progetto Horticultura della coop. Terra Felix. Appuntamento al 24 maggio

Leonardo DiCaprio ha promesso 43 milioni di dollari per il ripristino delle Galapagos

L'iniziativa è in collaborazione con l'organizzazione Re:Wild. L'obiettivo è la reintroduzione di 13 specie estinte nelle isole. Ma non solo

Seguici sui nostri Social

16,978FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Reggia di Caserta, i bambini coltivano gli orti didattici

I ragazzini dell’Istituto Calcara di Marcianise (Ce) hanno avviato le prime attività agricole grazie al progetto Horticultura della coop. Terra Felix. Appuntamento al 24 maggio

Clean beach tour, Piero Pelù e Legambiente in Toscana per liberare le spiagge dai rifiuti

Tappa a sorpresa a Marina di Alberese. Un centinaio di persone hanno partecipato alla pulizia nel Parco della Maremma, nel rispetto delle misure di sicurezza anti-Covid

Treni a idrogeno, perché non sono né pronti né verdi

Anche quando, dopo il 2040, l’idrogeno sarà prodotto solo da elettricità rinnovabile, occorreranno comunque il doppio di bacini idrici, di condotte idrauliche e pannelli solari per azionare gli elettrolizzatori e mettere in moto i locomotori

A Bologna, nel quartiere Pilastro, l’economia circolare è di casa

Il circolo di Legambiente L'Arboreto che è un rihub del progetto Ecco. Tante le iniziative: dalla stoviglioteca a noleggio al servizio di prestito librario a domicilio

International Day of Light, 7 scienziati che hanno rivoluzionato il mondo dell’energia

Il 16 maggio si celebra la Giornata internazionale della luce. Da Benjamin Franklin a Nikola Tesla, le persone che hanno illuminato il mondo  
Ridimensiona font
Contrasto