Torna la Settimana del Pianeta Terra

Il festival nazionale di divulgazione scientifica, alla sua settima edizione, si terrà dal 13 al 20 ottobre. Con oltre 100 “Geoeventi” in tutta Italia pensati per conoscere meglio "la casa di tutti noi"

Uno degli eventi della Settimana del Pianeta Terra

Escursioni nella natura, passeggiate nei centri urbani e storici di alcuni dei borghi più belli, porte aperte nei centri di ricerca normalmente inaccessibili e nei musei, visite guidate, esposizioni, laboratori didattici e sperimentali per bambini e ragazzi, attività musicali e artistiche, degustazioni, conferenze, convegni, workshop, tavole rotonde. Dal 13 al 20 ottobre 2019 torna la Settimana del Pianeta Terra, il festival nazionale di divulgazione scientifica delle Geoscienze, alla sua settima edizione. Sarà una settimana molto importante, con oltre 100 “Geoeventi” in tutta Italia pensati per permettere a un pubblico di tutte le età di conoscere meglio la casa di tutti noi, cioè la Terra che ci ospita, con il suo straordinario patrimonio geologico e paesaggistico.

Dalla Valle d’Aosta al Veneto, dalla Lombardia alla Sicilia e alla Sardegna, passando per le Regioni del Centro Italia: bambini, ragazzi e adulti, gruppi di amici e famiglie, classi di studenti e professionisti potranno partecipare alle iniziative, per la maggior parte gratuite, organizzate nelle numerose località coinvolte su tutto il territorio nazionale.

Attraverso un ricco e variegato calendario di appuntamenti, la Settimana del Pianeta Terra offre infatti la possibilità di entrare in contatto con i luoghi affascinanti e spettacolari. Sarà anche possibile vedere reperti fossili straordinari, come quello del cranio di Homo heidelbergensis – uno degli ominidi più antichi d’Europa – o Nessie, il mostro di Loch Ness; luoghi unici come una miniera di rame risalente a 5000 anni fa o capire le scoperte geologiche anticipate nei dettagli delle opere di Leonardo da Vinci, proprio nell’anno in cui si celebrano i 500 anni dalla morte del grande inventore, artista e scienziato italiano.

L’edizione 2019 della manifestazione coincide infine con l’anno del turismo lento, proclamato dal Ministero Per i Beni e le Attività Culturali (MiBACT) per incentivare il turismo “slow” e la scoperta di luoghi anche al di fuori delle grandi traiettorie del turismo. In piena sintonia con la filosofia del “turismo lento”, i Geoeventi della Settimana del Pianeta Terra promuovono un turismo culturale, sensibile ai valori ambientali, diffuso su tutto il territorio italiano, che mette in risalto sia le risorse naturali più spettacolari, sia quelle meno conosciute, e proprio per questo più ricche di fascino e curiosità da scoprire. Turismo lento significa infatti approfittare di una occasione di visita per immergersi, con lentezza, nelle mille sfaccettature di un intero territorio: interagire con le comunità ospitanti, scoprire le particolarità e i prodotti locali, spostarsi in modo sostenibile e fruire di un luogo minimizzando l’impatto ambientale. Per questo la Settimana del Pianeta Terra aderisce anche alla campagna #plasticfree

Per partecipare ai Geoeventi della Settimana del Pianeta Terra basta consultare il sito, dove si trovano tutte le informazioni, aggiornamenti sul programma e istruzioni per iscriversi.