domenica 24 Gennaio 2021

Sisma, nasce il Comitato dei sindaci del terremoto

Il campanile del monastero di Sant'Antonio

Cresce la rabbia dei sindaci dei Comuni delle aree terremotate. I primi cittadini si sono riuniti nel ‘Comitato dei sindaci del terremoto’ – a cui aderiscono i Comuni di Lazio, Marche, Abruzzo e Umbria colpiti dal sisma – e adesso chiedono di essere ascoltati dal presidente del consiglio a cui chiedono di riscrivere le regole della ricostruzione in modo che prendano esempio da quanto fatto in Friuli e in parte a L’Aquila. 

“Chiederemo a Conte di essere convocati entro la fine di marzo, per discutere la rivisitazione delle regole della ricostruzione”, annunciano i promotori, Filippo Palombini e Gianluca Pasqui, rispettivamente sindaci di Amatrice e Camerino, secondo i quali tra i provvedimenti necessari c’è il “superamento del sistema dei commissari”. “Vogliamo maggiori competenze – spiega Palombini – come la possibilità di avviare la realizzazione delle strade, che finora invece viene affidata all’Anas. Bisogna semplificare e velocizzare”.

Non manca un affondo nei confronti del nuovo governo, accusato di essere rimasto sulla linea dei precedenti. “Il sottosegretario Crimi ci ascolti, non vogliamo che ci presenti regole già scritte da lui senza un vero dialogo – aggiunge Palombini -. Bisogna capire che la stagione dei commissari nominati dal governo è finita”. Se da Palazzo Chigi non arriveranno risposte adeguate, si preannuncia già nei prossimi mesi un grande corteo a Roma, al quale parteciperanno i cittadini di quei territori. “Se sarà necessario, la nostra battaglia istituzionale sarà avvicinata da quella più popolare, con un incontro in piazza per discutere e far sentire la nostra voce – aggiunge Pasqui -. Ancora non si parla di ricostruzione, abbiamo bisogno di un cambiamento radicale”.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente

Rifiuti processo Resit: Cassazione conferma 18 anni a Cipriano Chianese, inventore ecomafie

Legambiente: “Soddisfazione per la conferma delle condanne. Continueremo nostro lavoro di denuncia e impegno per la rinascita della Terra dei fuochi”

Antonio Gramsci: tra resistenza sociale e resilienza ambientale

Nel 130esimo anniversario della nascita dell'uomo politico, viaggio alla riscoperta del suo pensiero e delle sue "intuizioni" ecologiste. Per comprendere come affrontare le sfide del presente

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente

Rifiuti processo Resit: Cassazione conferma 18 anni a Cipriano Chianese, inventore ecomafie

Legambiente: “Soddisfazione per la conferma delle condanne. Continueremo nostro lavoro di denuncia e impegno per la rinascita della Terra dei fuochi”

Antonio Gramsci: tra resistenza sociale e resilienza ambientale

Nel 130esimo anniversario della nascita dell'uomo politico, viaggio alla riscoperta del suo pensiero e delle sue "intuizioni" ecologiste. Per comprendere come affrontare le sfide del presente

Sardegna da tutelare: firmato l’accordo tra la famiglia Abbado e Legambiente

Presentato oggi il progetto il cui obiettivo è promuovere programmi di tutela dell’ambiente e di ricerca nel terreno ad Alghero di Claudio Abbado, famoso direttore d’orchestra scomparso nel 2014. Un'area protetta negli anni per i suoi valori naturalistici

Le armonie della bellezza, presentazione dell’accordo sul terreno di Claudio Abbado

Appuntamento domani, 21 gennaio, alle ore 11.00 sulle pagine Facebook di Legambiente e della Nuova Ecologia e sul sito della Nuova Ecologia