domenica 16 Maggio 2021

Acquista

Login

Registrati

Fa discutere il Protocollo d’Intesa sulla Terra dei Fuochi

Un vigile del fuoco spegne dei roghi di rifiuti in Campania

È stato firmato in prefettura a Caserta il Protocollo d’Intesa sulla Terra dei Fuochi. “La Terra dei Fuochi ci piacerebbe chiamarla Terra dei Cuori. Oggi firmiamo un protocollo per contrastare il fenomeno delle discariche abusive, gli incendi dolosi e i traffici sui rifiuti”. Lo ha affermato il premier Giuseppe Conte nel corso di una conferenza stampa tenuta nella città campana insieme al vicepremier Luigi Di Maio al termine di un Consiglio dei ministro straordinario.

Conte ha specificato che il Protocollo coinvolgerà sette ministeri. “Il piano d’azione contro i roghi nella Terra dei Fuochi”, ha spiegato il premier, dimostra “la particolare sensibilità e determinazione del governo nel contrastare il fenomeno delle discariche abusive e degli incendi dolosi. Abbiamo un obiettivo ben preciso tutelare la salute delle popolazione della Terra dei Fuochi”.

Aggiornamento delle 18:30

“L’obiettivo è far tornare a respirare questa terra. Alcune zone della Campania per anni sono state ricettacolo di rifiuti di altre Regioni e di altri Stati”. Lo ha detto il vicepremier Luigi Di Maio nel corso della conferenza stampa tenuta insieme al premier Giuseppe Conte per la firma del Protocollo d’Intesa sulla Terra dei Fuochi alla prefettura di Caserta. “È un giorno importante, inizia un percorso interministeriale e con la Regione Campania per fermare i roghi della Terra dei Fuochi – ha spiegato -, Nessuno crede più che la combustione seriale sia un caso. Un fenomeno che quando viene represso si sposta in altri luoghi”.

La battaglia per bonificare la Terra dei Fuochi, ha poi specificato il vicepremier, è “un lavoro più grosso di qualsiasi altra sfida del governo. Quasi in ogni regione italiana esiste il fenomeno della terra dei fuochi. Il Protocollo ha dentro tutte le cose di buon senso che mancavano in quanto fatto dai governi precedenti”.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

A Bologna, nel quartiere Pilastro, l’economia circolare è di casa

Il circolo di Legambiente L'Arboreto che è un rihub del progetto Ecco. Tante le iniziative: dalla stoviglioteca a noleggio al servizio di prestito librario a domicilio

Clima, Kerry a Draghi: la leadership dell’Italia è cruciale

Questa mattina a Palazzo Chigi l'inviato speciale del presidente Usa. Al via una stretta collaborazione tra Italia e Usa sulla sfida della decarbonizzazione e dell'emergenza climatica

Per quest’anno l’Italia ha esaurito le risorse

Il nostro overshoot day è stato il 13 maggio. Lo segnala il Global footprint network, che calcola l'impronta ecologica di ciascun Paese e quello globale. Dal 14 e fino alla fine dell'anno in corso il nostro Paese andrà in debito con la Terra  

Seguici sui nostri Social

16,978FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

A Bologna, nel quartiere Pilastro, l’economia circolare è di casa

Il circolo di Legambiente L'Arboreto che è un rihub del progetto Ecco. Tante le iniziative: dalla stoviglioteca a noleggio al servizio di prestito librario a domicilio

International Day of Light, 7 scienziati che hanno rivoluzionato il mondo dell’energia

Il 16 maggio si celebra la Giornata internazionale della luce. Da Benjamin Franklin a Nikola Tesla, le persone che hanno illuminato il mondo  

Una mascherina chirurgica può rilasciare fino a 173mila microfibre al giorno in mare

Lo rileva uno studio dell'Università di Milano-Bicocca. Per le specie marine possibili danni da ostruzione in seguito a ingestione ed effetti tossicologici dovuti a contaminanti chimici e biologici

Moda e sostenibilità: al via la partnership tra Apparel Impact Institute e Legambiente

L’obiettivo è sviluppare un piano di progetti e azioni per far sì che le attività della filiera di settore abbiano un impatto sempre più positivo sull’ambiente anche nel nostro Paese

I Fridays for future (e non solo) manifestano contro Eni

I presìdi sono organizzati lo stesso giorno dell'assemblea degli azionisti. Denunciano le responsabilità del cane a sei zampe nella crisi climatica e nella devastazione ambientale
Ridimensiona font
Contrasto