venerdì, Ottobre 23, 2020

Tempesta Vaia, a Belluno un convegno sul futuro dei territori colpiti

Un'immagine dei danni provocati dalla tempesta Vaia

Scienziati, amministratori e tecnici si sono incontrati a Belluno l’8 febbraio per il convegno ‘La tempesta Vaia: disastro o opportunità per le foreste del Nordest?’, a tre mesi dall’evento che ha danneggiato 42.500 ettari principalmente in Trentino, Alto Adige, Veneto e Friuli. Presente Franco Manzato, sottosegretario al Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari, Forestali e del Turismo, che ha preso l’impegno di destinare fondi per la ricerca. E in sala 600 persone, a testimoniare quanto interesse ci sia nella popolazione per il futuro dei boschi e dell’economia forestale.

«Ci voleva un evento di queste dimensioni per far prendere coscienza che il nostro paese, oggi, ha più aree boscate che destinate all’agricoltura. Dobbiamo essere preparati a gestire il nostro patrimonio forestale», ha detto Marco Marchetti, presidente della Società Italiana di Selvicoltura ed Ecologia Forestale (Sisef), organizzatrice del convegno assieme all’Università di Padova e alla Fondazione Angelini.

Per la Fondazione Dolomiti Unesco è intervenuto Cesare Lasen, botanico di fama internazionale, a ricordare che l’uomo non può avere la presunzione di ripristinare i boschi com’erano. «Il valore paesaggistico, che porta con sé fattori di carattere emotivo, va distinto da quello naturalistico, che riguarda la vita delle piante e degli animali e ha dinamiche da studiare e comprendere», ha detto. Se la fase di emergenza è stata gestita al meglio, per Lasen ora c’è bisogno di progredire nel campo della pianificazione, nel rispetto delle regole ecologiche, intervenendo sito per sito, versante per versante. «Ma serve soprattutto un cambiamento profondo della società dei consumi, bisogna riconoscere che le risorse naturali sono limitate e non possiamo continuare a indebitarci ai danni delle generazioni future. I vertici internazionali sul clima o sulla biodiversità, le giornate mondiali come quella per le zone umide, danno risultati modesti, che non ci consentono di sperare nell’immediato futuro», ha concluso Lasen.

Il cambiamento climatico rappresenta una minaccia per le foreste per diverse ragioni e tra queste perché renderà più frequenti gli eventi estremi come la tempesta Vaia. Gli esperti hanno esposto le moltissime difficoltà di gestione e utilizzo del legname danneggiato: i tronchi schiantati sono sottoposti a elevate tensioni e devono essere gestiti in modo attento, sia che si intervenga con macchine sia manualmente, per non compromettere la sicurezza degli operatori. Va poi valutata l’accessibilità e la possibilità di operare in aree con pendenze anche elevate, con viabilità spesso assente o inadeguata. Nell’Agordino, per esempio, due terzi degli schianti sono in aree difficilmente accessibili.

È indispensabile, in questa fase, il coinvolgimento di imprese straniere specializzate nel recupero di legname schiantato. Se infatti nel nostro paese Vaia è stato un evento senza precedenti, nell’Europa centrale e settentrionale, negli ultimi vent’anni, frequenti tempeste hanno colpito le foreste e si è sviluppata anche una capacità di gestire le conseguenze. In Svezia, Gudrun ha danneggiato 87 milioni di metri cubi di legname nel 2005.

Nei 42.500 ettari interessati da Vaia, si calcola che ci siano 8,6 milioni di metri cubi di legname morto, in base al report del Ministero, coordinato da Sisef e pubblicato lo scorso dicembre. Una superficie simile è stata interessata da danni parziali e si stima che, complessivamente, i metri cubi di legname abbattuti siano più di 13 milioni.

«Uno degli obiettivi della pianificazione degli interventi è conservare il legno, mantenerne la qualità e il valore economico. Va dilazionato il collocamento sul mercato per evitare la svalutazione e per garantire la disponibilità nel tempo», ha affermato Maurizio Fioravanti, dell’Università di Firenze. Ma dopo Vaia non sono state messe in campo misure adeguate. Nessuno era preparato. Il mercato si è rapidamente saturato e il prezzo del legno è crollato da 60-80 euro al metro quadro a 10-20 euro.

La tempesta ci ha insegnato che è importante inserire nella pianificazione forestale anche l’analisi dei rischi e la prevenzione, valutando i servizi che il bosco svolge, per esempio nella protezione dalle valanghe, da cadute di massi, frane.

A conclusione, Renzo Motta, dell’Università di Torino, ha ricordato che i tempi della natura non sono compatibili con quelle che sarebbero le richieste dell’uomo. «I disturbi naturali non distruggono la biodiversità, gli schianti sono fenomeni con cui le foreste convivono», ha affermato, «il problema si pone in contesti fortemente antropizzati come i nostri. Per questo Vaia rappresenta un’opportunità per aumentare la resistenza e la resilienza delle foreste, comprese quelle nelle aree protette. La selvicoltura può essere uno strumento per conciliare le esigenze sociali con quelle della conservazione».

Elisa Cozzarini
Laureata in Scienze Politiche all’Università di Trieste. con una tesi sull’Islam nell’isola di Mauritius. Scrive di immigrazione e ambiente dal 2006. collaborando con Vita non profit. La Nuova Ecologia. Repubblica.it. Nel 2010 ha curato "G2 e giovani stranieri in Italia. Politiche di inclusione e racconti". edito da Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali e Vita non profit. Come fotografa. nel 2009 ha partecipato alla mostra intitolata “They won’t budge” (“Non si muoveranno”. da una canzone del cantante maliano albino Salif Keita). sugli immigrati africani in Europa. presso la New York University.

Articoli correlati

Ciclo-Via Appenninica: 2 milioni di euro per la cartellonistica dell’itinerario

L'Appennino Bike Tour sarà inaugurato entro il 2021: un percorso in bici ben segnalato che unirà la Liguria alla Sicilia, valorizzando borghi, cultura e paesaggi italiani

Giappone, obiettivo emissioni zero entro il 2050

Lo annuncia il Primo Ministro Yoshihide Suga. Pressioni sulle aziende inquinanti, ora il futuro del Paese è in mano alle rinnovabili

Riforma Pac: un’ecotruffa scoraggiante firmata Ue

Il Parlamento Europeo e il Consiglio AgriFish con le loro posizioni sulla riforma della Politica Agricola Comune (PAC) hanno decretato una battuta di arresto del percorso di attuazione del Green Deal europeo.

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
20,879FollowersFollow

Gli ultimi articoli

Ciclo-Via Appenninica: 2 milioni di euro per la cartellonistica dell’itinerario

L'Appennino Bike Tour sarà inaugurato entro il 2021: un percorso in bici ben segnalato che unirà la Liguria alla Sicilia, valorizzando borghi, cultura e paesaggi italiani

Giappone, obiettivo emissioni zero entro il 2050

Lo annuncia il Primo Ministro Yoshihide Suga. Pressioni sulle aziende inquinanti, ora il futuro del Paese è in mano alle rinnovabili

Riforma Pac: un’ecotruffa scoraggiante firmata Ue

Il Parlamento Europeo e il Consiglio AgriFish con le loro posizioni sulla riforma della Politica Agricola Comune (PAC) hanno decretato una battuta di arresto del percorso di attuazione del Green Deal europeo.

In Italia 598 Comuni rifiuti free, in crescita quelli del Sud

Legambiente premia i Comuni Ricicloni 2020. Il Nord Est guida la graduatoria grazie a porta a porta e tariffazione puntuale, con Veneto e Trentino Alto Adige le regioni più virtuose. In risalita il Meridione, mentre resta stabile l'andamento del Centro. I risultati dell'indagine

Recovery plan, “Un investimento per il futuro dei nostri figli”

Il sottosegretario del ministero dell’Ambiente Roberto Morassut indica la direzione prevista per i fondi in arrivo dalla Commissione europea. Tra le priorità gli impianti per la rigenerazione dei rifiuti, una maggiore applicazione del Gpp e l’emanazione di nuovi decreti End of waste