lunedì 25 Gennaio 2021

Tap, sequestrato il nuovo cantiere

un'mmagine dei lavori per il gasdotto

La procura di Lecce, per violazione della prescrizione contenute nella Valutazione di impatto ambientale (Via), ha sottoposto a sequestro probatorio il nuovo cantiere Tap (cluster 5), da dove sono stati appena espiantati 448 ulivi per consentire la costruzione del microtunnel del gasdotto. A eseguire il sequestro, i carabinieri del Noe e quelli forestali, che hanno svolto accertamenti sulla base dell’esposto presentato nei giorni scorsi da alcuni parlamentari.

I lavori in corso, avviati pochi giorni fa, avrebbero dovuto concludersi il 30 aprile. Riguardano il cosiddetto cluster 5, dove è stata recintata da Tap un’area lunga circa un chilometro, che ricade nell’azienda agricola ‘Le Paisane’, e da dove sono state espiantate 448 piante di ulivo per essere poste a dimora sotto i tendoni realizzati ai margini della zona dei lavori.

Il cantiere finito oggi sotto sequestro fa parte di un più ampio tracciato (8,2 km di lunghezza, con una fascia di circa 30 metri di larghezza a cavallo del futuro tubo), che dal cantiere di San Basilio, dove l’espianto degli ulivi è terminato lo scorso anno e dove dovrebbe sorgere il microtunnel del gasdotto, porta alla Masseria del Capitano, dove sarà costruito il terminale di ricezione dell’impianto.

In questo “budello”, dove è prevista la costruzione della pipeline, dovranno essere successivamente estirpati e messi a dimora, in aree ai margini dell’area di lavoro, oltre 1.800 ulivi. Il cluster 5 è a un paio di km dal cantiere del microtunnel di San Basilio e a circa sei km da Masseria del Capitano.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Amburgo, nell’ex centrale a carbone verrà prodotto idrogeno verde

Il piano prevede la conversione del polo di Moorburg, nell'area portuale della città, in un mega elettrolizzatore con una capacità pari a 100 megawatt da avviare a partire dal 2025. Nei prossimi anni la Germania investirà solo in questo settore nove miliardi di euro

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente

Rifiuti processo Resit: Cassazione conferma 18 anni a Cipriano Chianese, inventore ecomafie

Legambiente: “Soddisfazione per la conferma delle condanne. Continueremo nostro lavoro di denuncia e impegno per la rinascita della Terra dei fuochi”

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Amburgo, nell’ex centrale a carbone verrà prodotto idrogeno verde

Il piano prevede la conversione del polo di Moorburg, nell'area portuale della città, in un mega elettrolizzatore con una capacità pari a 100 megawatt da avviare a partire dal 2025. Nei prossimi anni la Germania investirà solo in questo settore nove miliardi di euro

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente

Rifiuti processo Resit: Cassazione conferma 18 anni a Cipriano Chianese, inventore ecomafie

Legambiente: “Soddisfazione per la conferma delle condanne. Continueremo nostro lavoro di denuncia e impegno per la rinascita della Terra dei fuochi”

Antonio Gramsci: tra resistenza sociale e resilienza ambientale

Nel 130esimo anniversario della nascita dell'uomo politico, viaggio alla riscoperta del suo pensiero e delle sue "intuizioni" ecologiste. Per comprendere come affrontare le sfide del presente

Sardegna da tutelare: firmato l’accordo tra la famiglia Abbado e Legambiente

Presentato oggi il progetto il cui obiettivo è promuovere programmi di tutela dell’ambiente e di ricerca nel terreno ad Alghero di Claudio Abbado, famoso direttore d’orchestra scomparso nel 2014. Un'area protetta negli anni per i suoi valori naturalistici