venerdì 23 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

Tap, in Salento la mega talpa che scaverà il tunnel del gasdotto

immagine di una protesta del Movimento No Tap

Scortata da un imponente dispiegamento di forze dell’ordine in assetto antisommossa, la mega talpa meccanica di 18 metri e 75 tonnellate che scaverà il tunnel di approdo del gasdotto Tap sulla costa salentina è arrivata la scorsa notte nel cantiere di San Basilio, a Melendugno (Le). Ad attendere la Tunnel boring machine, agli incroci delle strade chiuse con un’ordinanza della prefettura di Lecce, c’erano decine di attivisti No Tap, che sono stati bloccati.

Dura la reazione del sindaco di Melendugno, Marco Potì, che su Facebook ha scritto che “non si può comprendere e tollerare una sospensione della libertà e della Costituzione come quella che abbiamo subito”. Il primo cittadino si è detto infuriato anche perché l’ordinanza prefettizia di chiusura delle strade, emanata per consentire l’accesso ai mezzi che trasportavano il macchinario, sarebbe stata notificata via Pec al Comune alle 23 di mercoledì 9 gennaio, quando gli uffici erano “abbondantemente chiusi”.

Marco Potì ritiene eccessivo anche il “dispiegamento di polizia”, che ha definito “paragonabile a quello che fronteggiava i gilet gialli francesi”. Il sindaco ha sottolineato che “lo Stato italiano sta difendendo un’opera e un’azienda privata su cui ci sono indagini in corso da parte della magistratura penale per possibili violazioni di legge”. Potì si riferisce all’inchiesta della procura di Lecce che lo scorso 17 dicembre ha notificato l’avviso di conclusione delle indagini alla società e a 15 persone, fra cui il country manager di Tap Italia, Michele Elia, e il project manager di Tap, Gabriele Paolo Lanza.

Una parte dell’inchiesta della magistratura riguarda proprio i lavori in località San Basilio, area in cui l’accusa ipotizza l’inquinamento della falda e del sottosuolo per la dispersione di sostanze pericolose, fra cui il cromo esavalente, durante i lavori per la realizzazione del pozzo di spinta in cui sarà introdotta la Tunnel boring machine. L’ipotesi è che non sia stata realizzata correttamente l’impermeabilizzazione della zona del cantiere.

Conclusi i lavori in mare per la costruzione del cosiddetto palancolato, ora la multinazionale prosegue i lavori a terra in tre cantieri: a Masseria del Capitano, dove si procede con le attività utili alla realizzazione del terminale di ricezione; in una nuova zona vicina, lungo il tracciato di 8 km fra San Basilio e Masseria del Capitano, in cui verrà posata la condotta; a San Basilio, dov’è iniziato l’assemblaggio delle sei sezioni della talpa, di 3 metri ciascuna, che scaverà un tunnel lungo 1,6 km: metà sottoterra e metà al largo della costa di San Foca. Secondo una stima di Tap, le trivellazioni dureranno 120 giorni.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Dubbi e criticità sul deposito nazionale rifiuti radioattivi

Dal rischio idrogeologico all’analisi del rischio di incidente rilevante fino alla conservazione delle aree protette: sono le prime anomalie riscontrate da Legambiente. "Un'opera necessaria che si potrà realizzare solo con un processo trasparente e il dibattito pubblico" Questo deposito s'ha da fare di F. DessìLeggi il numero di Nuova Ecologia "Uscita di sicurezza"

SCEGLI L’OLIO GIUSTO

DALLE 11,00 Presentazione dell'ebook "Scegli l'olio giusto. Come eliminare l'olio di palma dal serbatoio, e non solo". Scarica su store.lanuovaecologia.it

101 Premi Nobel contro i combustibili fossili

Il Dalai Lama tra i firmatari di una lettera ai leader mondiali per chiedere un rapido passaggio alle energie rinnovabili. Per una transizione rapida e giusta

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Proposte per una Carta della Terra delle Nazioni Unite

In occasione dell'Earth Day è una delle priorità su cui richiama l'attenzione l’Associazione “Costituente Terra”

#liberidaiveleni, la campagna di Legambiente per il risanamento ambientale

Nella giornata mondiale della Terra e alla vigilia del Consiglio dei ministri che approverà il Pnr l'associazione lancia una nuova iniziativa. E fa un appello al premier Draghi: “Non si dimentichino le vertenze ambientali croniche tuttora irrisolte"

La tutela del suolo al centro della transizione ecologica

Un appello importante lanciato oggi in occasione della Giornata mondiale della Terra. Il suolo è un importante bacino di biodiversità e fornisce una serie di servizi ecosistemici. Ecco perché è arrivato il momento che l'Unione Europea adotti una direttiva ad hoc

Servono politiche innovative di sviluppo montano

Nelle liste stilate dalle Regioni per il Pnrr non si colgono cambi di prospettiva per la montagna. Emblematico il caso del turismo. L’intervento di Vanda Bonardo

Cibo e social nella rubrica Foodhacker

Nasce la rubrica della Federico II di Napoli che studia tendenze social sul food. Con la partecipazione di 5 food influencer: Karen Phillips, Luciano Pignataro, Sonia Peronaci, Flavia Corrado (Zia Flavia foodn’boobs), Valentina Castellano
Ridimensiona font
Contrasto