sabato 6 Marzo 2021

Acquista

Login

Registrati

Disastro ambientale in Israele, chiuse le spiagge

Il disastro ecologico peggiore degli ultimi decenni. Colpiti 170 chilometri di coste su un totale di 190. A rischio fauna e ecosistemi

In Israele è disastro ambientale. La marea nera che negli ultimi giorni ha invaso di catrame la costa mediterranea del Paese non ha ancora una causa certa, ma il governo ha invitato la popolazione a evitare le spiagge, inquinate per un tratto costiero di 170 chilometri da Haifa a sud fino ad Ashkelon, quasi la totalità delle coste del Paese (190 km).

Nel fine settimana, però, migliaia di volontari hanno partecipato alle operazioni di pulizia delle scogliere e al salvataggio di animali in difficoltà, tra cui pesci e molte tartarughe, e in quattro ore sono state raccolte ben tre tonnellate di catrame solo in un’area di 200 metri. Secondo gli esperti è il peggior disastro ecologico degli ultimi decenni e ci vorranno almeno 20 anni per ripristinare la situazione ambientale precedente.

L’origine è ancora sconosciuta

La causa della catastrofe sarebbe riconducibile alla fuoriuscita di greggio da una o più petroliere in navigazione al largo del Mediterraneo, a 50 km dalla costa israeliana. L’Agenzia europea per la sicurezza marittima aveva notato una macchia sospetta e sui dati disponibili si sta concentrando ora la ricerca dei responsabili.

Venerdì scorso, 19 febbraio, un cucciolo di balenottera di 19 metri di lunghezza era stato trovato morto su una spiaggia della Riserva di Nitzanim nel sud di Israele. Spetta alle autorità capire se la causa del decesso sia lo stesso evento di sversamento di petrolio.

Il Primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e Gila Gamliel, ministra per la protezione ambientale, si sono recati domenica su una delle spiagge colpite, per valutare i danni, dichiarando di sentire “l’obbligo morale di individuare i responsabili dell’evento”.

La situazione viene monitorata anche con i droni dall’Israel Oceanographic and Limnological Research Institute. Una minaccia gravissima per il delicato equilibrio della biodiversità del Mediterraneo, e un duro colpo per lo Stato di Israele proprio nel primo week end di riapertura dopo mesi di restrizioni imposte dalla pandemia.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Berta Caceres, cinque anni in cerca di verità e giustizia

Avrebbe compiuto 50 anni ieri la leader indigena assassinata nel 2016 da un gruppo armato. A 5 anni dalla sua “semina” tante le iniziative lanciate dal Copinh. Come #unalberoperlavita, in memoria di chi è stato ucciso nel mondo per difendere ambiente e beni comuni

Città e mobilità sostenibili: il motore per il rilancio del Paese

Dall’8 marzo al 10 aprile la campagna di Legambiente 'Clean Cities: ripartiamo dalle città' per accelerare le politiche locali verso la transizione ecologica. Un viaggio di 14 tappe per una mobilità più sicura, più elettrica e più condivisa

Ambiente, Cingolani: “La transizione ecologica sia globale e antropologica”

Intervenuto alla Conferenza preparatoria della Strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile il ministro della Transizione Ecologica ha illustrato le sfide che il nuovo dicastero dovrà affrontare: “La visione è globale, ma le soluzioni devono essere innestate nel tessuto locale”

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Pnrr, Pefc Italia: “Cruciali gli investimenti nel settore del legno e delle foreste”

Investire nei materiali di origine legnosa per gli edifici, puntare sullo stoccaggio di CO<sub>2</sub> per contrastare la crisi climatica e incentivare la gestione attiva di boschi e foreste. Sono queste alcune proposte che Pefc Italia, ente promotore della gestione sostenibile delle foreste, avanza in occasione della revisione della prima bozza del Pnrr

Italiana Coke condannata dal Consiglio di stato ad adeguare l’impianto della Val Bormida

L'azienda impegnata nella distillazione di carbone fossile di importazione dovrà attenersi alle prescrizioni previste dall’Autorizzazione integrata ambientale. Soddisfatta Legambiente Liguria: “Servono garanzie rispetto alla gestione e al sostegno dei costi di bonifica del sito perché troppo spesso questi sono rimasti a carico del pubblico”

Anagni, tramonta l’idea di un parcheggio nell’area archeologica di Piscina

Con la delibera di Giunta del 16 febbraio scorso l’amministrazione comunale ha definitivamente abbandonato l’idea. Rita Ambrosino, presidente di Legambiente Anagni: “Soddisfatti di questa decisione”

Fukushima 10 anni dopo. Il nuovo numero di Nuova Ecologia

Si intitola "Uscita di sicurezza" il numero di marzo del mensile dedicato al nucleare e al deposito di rifiuti radioattivi che dovrà essere realizzato in Italia. Oggi alle 11.30 la presentazione in diretta sulle pagine Facebook di Legambiente e La Nuova Ecologia e su lanuovaecologia.it

Nessuna transizione senza trasformazione

Editoriale del direttore Francesco Loiacono al numero di marzo della Nuova Ecologia
Ridimensiona font
Contrasto