venerdì 14 Maggio 2021

Acquista

Login

Registrati

Disastro ambientale in Israele, chiuse le spiagge

Il disastro ecologico peggiore degli ultimi decenni. Colpiti 170 chilometri di coste su un totale di 190. A rischio fauna e ecosistemi

In Israele è disastro ambientale. La marea nera che negli ultimi giorni ha invaso di catrame la costa mediterranea del Paese non ha ancora una causa certa, ma il governo ha invitato la popolazione a evitare le spiagge, inquinate per un tratto costiero di 170 chilometri da Haifa a sud fino ad Ashkelon, quasi la totalità delle coste del Paese (190 km).

Nel fine settimana, però, migliaia di volontari hanno partecipato alle operazioni di pulizia delle scogliere e al salvataggio di animali in difficoltà, tra cui pesci e molte tartarughe, e in quattro ore sono state raccolte ben tre tonnellate di catrame solo in un’area di 200 metri. Secondo gli esperti è il peggior disastro ecologico degli ultimi decenni e ci vorranno almeno 20 anni per ripristinare la situazione ambientale precedente.

L’origine è ancora sconosciuta

La causa della catastrofe sarebbe riconducibile alla fuoriuscita di greggio da una o più petroliere in navigazione al largo del Mediterraneo, a 50 km dalla costa israeliana. L’Agenzia europea per la sicurezza marittima aveva notato una macchia sospetta e sui dati disponibili si sta concentrando ora la ricerca dei responsabili.

Venerdì scorso, 19 febbraio, un cucciolo di balenottera di 19 metri di lunghezza era stato trovato morto su una spiaggia della Riserva di Nitzanim nel sud di Israele. Spetta alle autorità capire se la causa del decesso sia lo stesso evento di sversamento di petrolio.

Il Primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e Gila Gamliel, ministra per la protezione ambientale, si sono recati domenica su una delle spiagge colpite, per valutare i danni, dichiarando di sentire “l’obbligo morale di individuare i responsabili dell’evento”.

La situazione viene monitorata anche con i droni dall’Israel Oceanographic and Limnological Research Institute. Una minaccia gravissima per il delicato equilibrio della biodiversità del Mediterraneo, e un duro colpo per lo Stato di Israele proprio nel primo week end di riapertura dopo mesi di restrizioni imposte dalla pandemia.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Il 13 maggio l’overshoot day per l’Italia

Lo segnala il Global footprint network, che calcola l'impronta ecologica di ciascun Paese e quello globale. Dal 14 e fino alla fine dell'anno in corso il nostro Paese andrà in debito con la Terra  

International Day of Light, 7 scienziati che hanno rivoluzionato il mondo dell’energia

Il 16 maggio si celebra la Giornata internazionale della luce. Da Benjamin Franklin a Nikola Tesla, le persone che hanno illuminato il mondo  

Una mascherina chirurgica può rilasciare fino a 173mila microfibre al giorno in mare

Lo rileva uno studio dell'Università di Milano-Bicocca. Per le specie marine possibili danni da ostruzione in seguito a ingestione ed effetti tossicologici dovuti a contaminanti chimici e biologici

Seguici sui nostri Social

16,978FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Il 13 maggio l’overshoot day per l’Italia

Lo segnala il Global footprint network, che calcola l'impronta ecologica di ciascun Paese e quello globale. Dal 14 e fino alla fine dell'anno in corso il nostro Paese andrà in debito con la Terra  

International Day of Light, 7 scienziati che hanno rivoluzionato il mondo dell’energia

Il 16 maggio si celebra la Giornata internazionale della luce. Da Benjamin Franklin a Nikola Tesla, le persone che hanno illuminato il mondo  

Una mascherina chirurgica può rilasciare fino a 173mila microfibre al giorno in mare

Lo rileva uno studio dell'Università di Milano-Bicocca. Per le specie marine possibili danni da ostruzione in seguito a ingestione ed effetti tossicologici dovuti a contaminanti chimici e biologici

Moda e sostenibilità: al via la partnership tra Apparel Impact Institute e Legambiente

L’obiettivo è sviluppare un piano di progetti e azioni per far sì che le attività della filiera di settore abbiano un impatto sempre più positivo sull’ambiente anche nel nostro Paese

I Fridays for future (e non solo) manifestano contro Eni

I presìdi sono organizzati lo stesso giorno dell'assemblea degli azionisti. Denunciano le responsabilità del cane a sei zampe nella crisi climatica e nella devastazione ambientale
Ridimensiona font
Contrasto