giovedì 22 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

Genova, sversamento di petrolio sotto controllo ma si teme la pioggia

vigili

Continua il lavoro dei tecnici per per evitare che lo sversamento di petrolio dalla condotta della raffineria Iplom di Genova causi danni maggiori, mentre la magistratura ha aperto un fascicolo contro ignoti. Dopo i primi interventi dei vigili del fuoco nella serata di domenica 17 aprile, Iplom ha disposto i lavori di messa in sicurezza della zona in cui si è verificato l’incidente alla conduttura. Alla raffineria spetterà quindi il compito di rimuovere il danno ambientale, fornendo al Comune report puntuali e verificabili sulle azioni svolte. L’amministrazione comunale si riserva di chiedere alla Regione Liguria lo stato di emergenza.  Ieri il Comune ha convocato il Centro operativo comunale. Oltre al sindaco, Marco Doria, e l’assessore alla Protezione civile, Gianni Crivello, alla riunione hanno preso parte la presidente del municipio Valpolcevera e i rappresentanti di Vigili del fuoco, Arpal, Asl, Capitaneria di Porto, tecnici della Regione e della Iplom. Intanto sul posto Asl e Arpal stanno svolgendo monitoraggi costanti a tutela della salute pubblica. «I livelli di idrogeno solforato – riferiscono i tecnici – non hanno mai fatto registrare sforamenti dei limiti previsti dalla legge. Al momento non esistono elementi di pericolo sanitario». Dalla raffineria spiegano che «l’incidente si è prodotto mentre era in corso il trasferimento di grezzo da una nave nel Porto Petroli di Multedo. Verificato un calo di pressione il pompaggio è stato immediatamente interrotto».

«Si stima che la perdita di petrolio ammonti a circa 600mila litri di greggio. La quantificazione dei danni è ancora in corso, ma si prospettano bonifiche lunghe e complicate – ha dichiarato il presidente di Legambiente Liguria Santo Grammatico – Le operazioni di bonifica superficiale e nelle falde acquifere dovrebbero riguardare quattro chilometri di bacino fluviale». Sembrerebbe evitato il rischio dello sversamento in mare, tuttavia anche l’area costiera dovrà essere interessata da lavori di bonifica. La Capitaneria di Porto, infatti, avverte che la situazione potrebbe evolversi in caso di rovesci importanti. Il direttore marittimo della Liguria, ammiraglio Giovanni Pettorino, ha avviato le procedure previste dalla legge sulla difesa del mare e la società Iplom ha ricevuto una diffida a rimediare all’inquinamento marino provocato e a rimuoverne, a proprie spese, tutte le conseguenze. «A fronte di tutte le misure di contenimento poste in essere – conferma l’ammiraglio Pettorino – la situazione sembra essere sotto controllo. È comunque necessaria la rimozione totale del greggio per scongiurare qualsiasi rischio che il prodotto possa riversarsi in mare».

Articoli correlati

Protetto: QualEnergia marzo/aprile 2021

CLICCA QUI PER SFOGLIARE LA RIVISTA ATTIVA UN ABBONAMENTO ACQUISTA UNA COPIA SFOGLIA I NUMERI PRECEDENTI (FREE)

QualEnergia marzo/aprile 2021

ITALIA CLIMATE NEUTRAL 2050 FOCUS SUL PIANO NAZIONALE DI RIPRESA E RESILIENZA   RISERVATA AGLI ABBONATI: CLICCARE QUI PER SFOGLIARE LA RIVISTA IN OMAGGIO PER TUTTI: CLICCARE QUI...

Proposte per una Carta della Terra delle Nazioni Unite

In occasione dell'Earth Day è una delle priorità su cui richiama l'attenzione l’Associazione “Costituente Terra”

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Proposte per una Carta della Terra delle Nazioni Unite

In occasione dell'Earth Day è una delle priorità su cui richiama l'attenzione l’Associazione “Costituente Terra”

#liberidaiveleni, la campagna di Legambiente per il risanamento ambientale

Nella giornata mondiale della Terra e alla vigilia del Consiglio dei ministri che approverà il Pnr l'associazione lancia una nuova iniziativa. E fa un appello al premier Draghi: “Non si dimentichino le vertenze ambientali croniche tuttora irrisolte"

La tutela del suolo al centro della transizione ecologica

Un appello importante lanciato oggi in occasione della Giornata mondiale della Terra. Il suolo è un importante bacino di biodiversità e fornisce una serie di servizi ecosistemici. Ecco perché è arrivato il momento che l'Unione Europea adotti una direttiva ad hoc

Servono politiche innovative di sviluppo montano

Nelle liste stilate dalle Regioni per il Pnrr non si colgono cambi di prospettiva per la montagna. Emblematico il caso del turismo. L’intervento di Vanda Bonardo

Cibo e social nella rubrica Foodhacker

Nasce la rubrica della Federico II di Napoli che studia tendenze social sul food. Con la partecipazione di 5 food influencer: Karen Phillips, Luciano Pignataro, Sonia Peronaci, Flavia Corrado (Zia Flavia foodn’boobs), Valentina Castellano
Ridimensiona font
Contrasto