martedì 21 Settembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Sversamento di petrolio, allarme a Genova

genova

Allarme inquinamento nel rione Cornigliano a Genova. Alle 19 di domenica 17 aprile, si è verificato uno sversamento di petrolio da una condotta del deposito della raffineria Iplom. Il Comando provinciale dei vigili del fuoco, intervenuto con cinque squadre, riferisce che si è trattato di una «notevole quantità di liquido infiammabile», riversata prima nel rio Fegino e poi nel Polcevera. Non si esclude che una parte sia arrivata in mare. I vigili del fuoco hanno immediatamente collocato panne anti-inquinamento e speciali schiumogeni che attenuano il rischio incendi e la migrazione degli idrocarburi. In azione anche le ruspe per scavare mini dighe sul greto del Fegino. Si esclude l’ipotesi del gesto doloso: l’incidente sarebbe dovuto al malfunzionamento di una valvola.

Gli abitanti del territorio limitrofo all’oleodotto lamentano cattivi odori, sprigionati a seguito dell’esplosione. «Non è ancora ben definita l’entità del danno ambientale – commenta Santo Grammatico, presidente di Legambiente Liguria – ma bisogna tenere in considerazione anche i potenziali danni sanitari». Il Comune di Genova ha disposto la sospensione delle attività scolastiche; i cittadini sono stati invitati a tenere le finestre chiuse e a mettere asciugamani per impedire ai gas di entrare. Al vaglio anche la possibilità di evacuare anche i palazzi. Per affrontare l’emergenza, oggi pomeriggio si riunisce il Coa (centro operativo comunale). Intanto continuano le azioni di schiumatura e il posizionamento di barriere. Chiuse le scuole di Borzoli e istituito il senso di marcia alternato in via Borzoli.

La conduttura esplosa mette in collegamento il porto di Genova con l’impianto di stoccaggio della raffineria Iplom. «Il percorso di questa condotta – osserva Santo Grammatico – incontra forti variazioni di pressione. Ciò implica un forte rischio in fase di trasporto degli idrocarburi, oltre a difficoltà ad arginare in tempi rapidi le conseguenze di una rottura delle valvole». Un rischio che fa riflettere sul futuro. Legambiente Liguria auspica un’accelerazione dei lavori di messa in sicurezza delle condotte, ma non è sufficiente. «Se si vuole mantenere la vocazione industriale del territorio – conclude Grammatico – occorre cambiare modelli di investimento, magari puntando sullo sviluppo della chimica verde».

Articoli correlati

Clima, Draghi: “Italia determinata ad affrontare l’emergenza”

L'intervento al Climate moment a New York: "Dobbiamo agire subito o non rimarremo sotto l'incremento di 1,5 °C"

Clima, il rapporto del Cmcc indica il futuro dell’Italia tra eventi estremi e siccità

I dati del Centro Euro-Mediterraneo sui cambiamenti climatici: aumento delle temperature di 2-5 °C entro il 2050. Incremento del rischio idrogeologico e perdite fino all’8% del Pil pro capite con nuove differenze socio-economiche tra Nord e Sud / Leggi il rapporto del CMCC

Buco dell’ozono, ora supera le dimensioni dell’Antartide

I dati di Copernicus: "Nel 2021 il buco dell'ozono è cresciuto considerevolmente ed è ora più grande del 75% se comparato alla stessa fase della stagione del 1979"

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Parchi eolici italiani, online la prima guida turistica dedicata

Da Rivoli Veronese a Gibellina, undici gli impianti da scoprire con Legambiente attraverso una serie di itinerari tra percorsi ciclabili, borghi, arte e buona cucina diventati laboratori della transizione energetica

Commercio illegale di idrofluorocarburi, disponibile il rapporto ufficiale dell’Environmental Investigation Agency

I gas refrigeranti inquinano come emissioni di gas serra di più di 6,5 milioni di automobili in un anno. E la Romania rimane in silenzio

Attivismo giovanile, arriva lo Youth climate meeting Lazio

Appuntamento a sabato 18 settembre 2021, alle ore 16.00 presso il Parco della Garbatella a Roma

Punta Campanella, nate 82 tartarughe marine sulla spiaggia di Maiori

Con questa schiusa, la conta dei nidi di Caretta caretta in Campania sale a quota 52. Un anno da record storico

Youth climate meeting, il diario della terza edizione

Giustizia sociale, comunicazione digitale, mobilità sostenibile e lotta alle fonti fossili. Riuniti oltre 250 volontari di Legambiente
Ridimensiona font
Contrasto