domenica 18 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

Gli studenti abruzzesi a lezione di europrogettazione e biodiversità

Il progetto europeo Life Delfi entra nelle scuole grazie ad un corso online tenuto dall’Area Marina Protetta Torre del Cerrano e dal Centro Studi Cetacei

Far scoprire le opportunità concesse dai fondi europei, illustrare la gestione amministrativa  e finanziaria dei progetti e declinarli verso la salvaguardia dell’ambiente. È questo l’obiettivo del ciclo di cinque incontri di “Europrogettazione”, iniziato da poche settimane e rivolto agli studenti dell’Istituto di Istruzione Superiore “Adone Zoli” di Atri. Il corso è organizzato nell’ambito dei Percorsi per le Competenze Trasversali e per l’Orientamento (PCTO) ed è dedicato all’esperienza dell’Area Marina Protetta Torre Del Cerrano all’interno del progetto Life Delfi avviato da un anno e coordinato dal CNR-Irbim con l’obiettivo di ridurre le interazioni tra pesca e delfini. Il progetto Life Delfi, a cui collabora anche Legambiente, è cofinanziato dalla Commissione europea attraverso il programma LIFE.

I primi due incontri, già tenuti in videoconferenza, hanno registrato grande soddisfazione e interesse da parte di studenti e docenti. La prima giornata, a cura del project manager Sergio Guccione (Amp Torre del Cerrano) è stata dedicata ai principi dell’europrogettazione e alla presentazione dell’Area Marina Protetta Torre del Cerrano. Nel secondo incontro, il personale del Centro studi Cetacei ha illustrato ai ragazzi due tematiche centrali nel progetto Life Delfi: la biologia dei cetacei e la piccola pesca artigianale.

I delfini e la pesca

Il terzo incontro, fissato per il 26 febbraio, rappresenterà un approfondimento dettagliato del progetto con la descrizione delle azioni previste per ridurre l’interazione tra pesca e delfini: una problematica che affligge sia l’economia dei pescatori sia la conservazione dei cetacei. Infatti i delfini attirati dal pesce presente nelle reti rischiano di ferirsi oppure di restare vittime di catture accidentali (bycatch). Le conseguenze economiche sono gravi per i pescatori ma anche per il nostro patrimonio di biodiversità. Per ridurre le interazioni il CNR-Irbim ha già distribuito dei dissuasori acustici (pinger) per allontanare i delfini dalle imbarcazioni. Allo stesso tempo il personale dell’AMP Torre del Cerrano, come gli altri partner di Life Delfi, sta avviando l’azione di sensibilizzazione verso i pescatori affinché adottino i pinger e le attrezzature a basso impatto ambientale.

Il penultimo incontro, a cura del personale dell’Area Marina Protetta Torre del Cerrano, verterà sulla gestione amministrativa e finanziaria del Progetto mentre l’ultima giornata, che si terrà a fine marzo, sarà dedicata alla conoscenza di una bellissima realtà della regione Abruzzo: il Centro di Recupero e Riabilitazione Tartarughe Marine “Luigi Cagnolaro” di Pescara gestito dal personale del Centro Studi Cetacei. Nell’occasione, proprio il personale del CSC, dopo un’introduzione alla biologia delle tartarughe, accompagnerà i ragazzi in un tour virtuale del Centro per conoscere le circa venti tartarughe attualmente stabulate in attesa del rilascio in mare.

 “Il corso – dichiara Sergio Guccione – è stato realizzato grazie alla cooperazione del Comune di Pineto, dell’Area Marina Protetta Torre del Cerrano, del Centro Studi Cetacei e dell’Istituto di Istruzione Superiore “Adone Zoli” di Atri e rappresenta una occasione per la sensibilizzazione delle nuove generazioni alla salvaguardia ambientale e per presentare ai ragazzi i progetti europei come una imperdibile opportunità di sviluppo, anche in ottica del loro prossimo ingresso nel mondo del lavoro”.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

L’orsa JJ4 resterà libera

Il Tar di Trento ha pubblicato la sentenza con cui cancella l’ordinanza della Provincia di Trento che disponeva la cattura

ADRIATICO A RISCHIO

Il webinar Come fare a recuperarlo? Verso un riserva marina nel Canale d'Otranto. A cura di Medreact e Legambiente

Transizione ecologica: è l’ora del dibattito pubblico

Occorre scommettere su trasparenza delle informazioni e qualità dei progetti. A dirlo è un Manifesto promosso da 14 associazioni tra cui Legambiente, Greenpeace, Action Aid e Cittadinanza Attiva

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Catanzaro, continua la battaglia contro la discarica di Scala Coeli

Legambiente ha presentato di nuovo il ricorso al Tar per verificare se gli ultimi interventi non rappresentino un'anticipazione dell'ampliamento. Ciafani: "Serve un cambio di rotta"

Il 29 maggio in Trentino il primo concerto climate positive

L'iniziativa si chiama TreeTicket e sarà il primo evento musicale per assistere al quale si pagherà in alberi. A Malga Costa in Val di Sella, nella cornice della foresta artistica di Arte Sella, si esibiranno il violoncellista Mario Brunello e Stefano Mancuso

Agricoltura e clima, per il frumento perdite di produttività del 20% entro il 2040

È uno dei dati che emerge dal nuovo rapporto “12 passi per la terra (e il clima)” dell’associazione Terra! Ecco le proposte per offrire una via d’uscita dalla spirale di crisi in cui il settore agricolo rischia di restare invischiato

South beach, Legambiente dice stop al consumo di suolo sulla costiera molisana

L'associazione ambientalista contraria al progetto sostenuto dalla Regione che punta a urbanizzare ed edificare un’area di circa 160 ettari a ridosso del mare

In Italia 17,5 milioni di abitazioni riscaldate con gas metano

Dal settore residenziale proviene il 53% delle emissioni di PM10, mentre dagli edifici il 18% di quelle climalteranti. I dati del nuovo studio sulla decarbonizzazione dei sistemi di riscaldamento realizzato presentato da Legambiente e Kyoto Club
Ridimensiona font
Contrasto