sabato 4 Dicembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Gli studenti abruzzesi a lezione di europrogettazione e biodiversità

Il progetto europeo Life Delfi entra nelle scuole grazie ad un corso online tenuto dall’Area Marina Protetta Torre del Cerrano e dal Centro Studi Cetacei

Far scoprire le opportunità concesse dai fondi europei, illustrare la gestione amministrativa  e finanziaria dei progetti e declinarli verso la salvaguardia dell’ambiente. È questo l’obiettivo del ciclo di cinque incontri di “Europrogettazione”, iniziato da poche settimane e rivolto agli studenti dell’Istituto di Istruzione Superiore “Adone Zoli” di Atri. Il corso è organizzato nell’ambito dei Percorsi per le Competenze Trasversali e per l’Orientamento (PCTO) ed è dedicato all’esperienza dell’Area Marina Protetta Torre Del Cerrano all’interno del progetto Life Delfi avviato da un anno e coordinato dal CNR-Irbim con l’obiettivo di ridurre le interazioni tra pesca e delfini. Il progetto Life Delfi, a cui collabora anche Legambiente, è cofinanziato dalla Commissione europea attraverso il programma LIFE.

I primi due incontri, già tenuti in videoconferenza, hanno registrato grande soddisfazione e interesse da parte di studenti e docenti. La prima giornata, a cura del project manager Sergio Guccione (Amp Torre del Cerrano) è stata dedicata ai principi dell’europrogettazione e alla presentazione dell’Area Marina Protetta Torre del Cerrano. Nel secondo incontro, il personale del Centro studi Cetacei ha illustrato ai ragazzi due tematiche centrali nel progetto Life Delfi: la biologia dei cetacei e la piccola pesca artigianale.

I delfini e la pesca

Il terzo incontro, fissato per il 26 febbraio, rappresenterà un approfondimento dettagliato del progetto con la descrizione delle azioni previste per ridurre l’interazione tra pesca e delfini: una problematica che affligge sia l’economia dei pescatori sia la conservazione dei cetacei. Infatti i delfini attirati dal pesce presente nelle reti rischiano di ferirsi oppure di restare vittime di catture accidentali (bycatch). Le conseguenze economiche sono gravi per i pescatori ma anche per il nostro patrimonio di biodiversità. Per ridurre le interazioni il CNR-Irbim ha già distribuito dei dissuasori acustici (pinger) per allontanare i delfini dalle imbarcazioni. Allo stesso tempo il personale dell’AMP Torre del Cerrano, come gli altri partner di Life Delfi, sta avviando l’azione di sensibilizzazione verso i pescatori affinché adottino i pinger e le attrezzature a basso impatto ambientale.

Il penultimo incontro, a cura del personale dell’Area Marina Protetta Torre del Cerrano, verterà sulla gestione amministrativa e finanziaria del Progetto mentre l’ultima giornata, che si terrà a fine marzo, sarà dedicata alla conoscenza di una bellissima realtà della regione Abruzzo: il Centro di Recupero e Riabilitazione Tartarughe Marine “Luigi Cagnolaro” di Pescara gestito dal personale del Centro Studi Cetacei. Nell’occasione, proprio il personale del CSC, dopo un’introduzione alla biologia delle tartarughe, accompagnerà i ragazzi in un tour virtuale del Centro per conoscere le circa venti tartarughe attualmente stabulate in attesa del rilascio in mare.

 “Il corso – dichiara Sergio Guccione – è stato realizzato grazie alla cooperazione del Comune di Pineto, dell’Area Marina Protetta Torre del Cerrano, del Centro Studi Cetacei e dell’Istituto di Istruzione Superiore “Adone Zoli” di Atri e rappresenta una occasione per la sensibilizzazione delle nuove generazioni alla salvaguardia ambientale e per presentare ai ragazzi i progetti europei come una imperdibile opportunità di sviluppo, anche in ottica del loro prossimo ingresso nel mondo del lavoro”.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Anna Giordano è l’ambientalista dell’anno 2021

La “signora dei falchi” vince la consultazione online e riceve il riconoscimento promosso da Legambiente e Nuova Ecologia intitolato a Luisa Minazzi giunto alla sua quindicesima edizione

EcoForum Veneto

Dalle 9.15 la diretta di EcoForum Veneto

Rinnovabili, nel 2026 saranno il 95% delle nuove fonti energetiche installatate

Lo prevede il nuovo rapporto dell'Iea, l'Agenzia internazionale dell'energia. Oltre la metà di questa energia verde sarà coperta dal fotovoltaico. E già il 2021 si chiuderà con un record con 290 gigawatt di nuova potenza installata

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Primo Festival nazionale del riuso: incontri, laboratori e spettacoli

Dall'8 all'11 dicembre a Torino, un'occasione per approfondire i tanti aspetti di un tassello chiave per l'economia circolare

Transizione ecologica, con rinnovabili ed efficienza energetica 1,1 miliardi di risparmio in bolletta

I dati presentati al Forum QualEnergia 2021. Al 2030 previsti 170 mila nuovi posti di lavoro e 150 miliardi di investimenti. Legambiente: "Troppi ritardi ed ostacoli, serve un cambio di passo". Streaming del Forum l'1 e 2 dicembre sui siti dedicati / SCARICA LO STUDIO ELEMENS

FORUM QUALENERGIA 2021. LA DIRETTA

Dalle 10 in diretta streaming i lavori della prima giornata del Forum: “Le opportunità economiche tra PNRR e transizione energetica”

Forum QualEnergia 2021, appuntamento a Roma l’1 e 2 dicembre

A Roma Eventi in Piazza di Spagna due giornate di confronto e dibattito su "Le opportunità economiche tra PNRR e transizione energetica". Il programma dei lavori

Biologico, Coldiretti e Legambiente: “Approvare subito la legge alla Camera dei deputati”

Appello delle associazioni per portare a termine celermente l’iter di approvazione della norma, approvata dal Senato con un solo voto contrario e ancora ferma alla Camera
Ridimensiona font
Contrasto